Alabama e Ohio State raggiungono il titolo nazionale con vittorie in fuga


Mentre Alabama running back Najee Harris ha preso un handoff, è rimbalzato fuori e si è diretto verso il campo, è stato affrontato dal cornerback di Notre Dame Nick McCloud, che ha caricato per incontrarlo con la spalla abbassata.

Non importa. Harris, un anziano di 6 piedi e 2, 229 libbre, ha trattato McCloud come un idrante antincendio di grandi dimensioni, saltando su di lui con il passo pulito e sincopato di un ostacolo olimpico e galoppando lungo la linea laterale.

Il gioco è stato il momento caratteristico della vittoria dell’Alabama per 31-14 su Notre Dame in una semifinale dei College Football Playoff venerdì sera ad Arlington, in Texas – l’elegante atletismo di Harris che incarna il modo in cui il Crimson Tide ha eliminato senza sforzo i Fighting Irish.

La vittoria ha rafforzato la legittimità del ritorno dell’Alabama in cima alla classifica del college football dopo aver saltato i playoff a quattro squadre per la prima volta la scorsa stagione. Il primo classificato Crimson Tide ha strappato un programma solo per la Southeastern Conference, ha superato una tenace squadra della Florida nella partita per il titolo della conferenza e ora è avanzato al campionato dell’11 gennaio contro l’Ohio State, che ha soffocato Clemson, 49-28, nell’altro di venerdì semi finale.

Questo matchup non sarebbe stato una grande sorpresa la scorsa estate – le squadre erano al numero 2 e 3 all’inizio della stagione – ma la presenza dei Buckeyes nei playoff è particolarmente appropriata.

In questa stagione di pandemia sconnessa, il loro allenatore, Ryan Day, e il loro quarterback, Justin Fields, erano a capo di una campagna che ha convinto i presidenti dei Big Ten a invertire la rotta dopo aver annullato la stagione in agosto.

Quale finalista potrebbe rappresentare meglio quanto sia stato dirompente il coronavirus di una squadra che ha giocato solo cinque partite di stagione regolare – tre sono state cancellate a causa di focolai – e di conseguenza ha avuto bisogno della dispensa dalla Big Ten per giocare per il titolo della conferenza?

Quel programma abbreviato, poco più della metà delle stagioni delle altre semifinaliste, ha portato alcuni allenatori a chiedersi se l’Ohio State avrebbe dovuto essere selezionato per i playoff a quattro squadre, incluso il Clemson Coach Dabo Swinney, che ha classificato i Buckeyes 11 ° nella finale allenatori ‘sondaggio.

Lo stato dell’Ohio potrebbe averlo considerato un po ‘lieve, ma aveva già una motivazione più organica nella partita di venerdì – vendicando una schiacciante sconfitta per 29-23 contro i Tigers nella semifinale della scorsa stagione che è stata sigillata quando Fields ha lanciato un intercetto in ritardo nella end zone di Clemson.

Quel lancio è stato uno dei tanti rimpianti allora. È stato difficile per i Buckey trovarne uno serio a New Orleans venerdì sera.

L’unica vera preoccupazione potrebbe essere il dolore fisico persistente: Fields si è mosso in modo coraggioso ma cauto dopo aver preso un colpo schiacciante alle costole dal linebacker di Clemson James Skalski, che è stato espulso per aver preso di mira.

“Quel colpo mi ha davvero preso un pedaggio”, ha detto Fields in un’intervista televisiva, aggiungendo in seguito di aver ricevuto una o due iniezioni nella tenda medica di bordo durante la partita. “Le mie costole mi stavano uccidendo praticamente tutto il gioco.”

I Buckeyes (7-0), che hanno arrotolato 639 yard in totale offesa, avranno bisogno di tutta la potenza di fuoco (e buona salute) che riescono a raccogliere in 10 giorni.

La dinamica offensiva dell’Alabama, che ruota attorno al quarterback Mac Jones, al ricevitore DeVonta Smith e Harris – tutti finiti tra i primi cinque nel ballottaggio dell’Heisman Trophy – si è tenuta sotto i 40 punti per la prima volta dalla sua apertura di stagione. Tuttavia, è sceso in campo per i touchdown nei suoi primi tre drive, e Notre Dame non ha mai veramente minacciato la marea cremisi.

Sebbene Harris, che ha terminato con un totale di 125 yard di corsa, avesse giocato il momento clou, Smith ha mostrato perché è il presunto favorito per vincere l’Heisman. Al suo primo tocco, ha effettuato un passaggio veloce sulla linea di scrimmage e ha utilizzato un blocco da manuale di John Metchie III per eseguire uno scoot di 26 yard per un touchdown. Si è concluso con tre touchdown tra le sue sette catture per 130 yard.

Per tutto il tempo, Jones era in genere quasi impeccabile, completando 25 passaggi su 30 per 297 yard.

L’unica persona a bordo campo dell’Alabama che sembrava a disagio era l’allenatore Nick Saban, che ha tirato un rigore antisportivo in ritardo dopo aver inveito contro gli ufficiali.

“Non abbiamo finito il gioco come ci piaceva”, ha detto Saban in un’intervista televisiva, aggiungendo con un sorriso complice, “Ho sempre qualcosa di cui lamentarmi”.

Tuttavia, dopo un anno lontano dai playoff, era abbastanza soddisfatto.

“Questi ragazzi si sono davvero guadagnati l’opportunità di giocare nella partita del campionato nazionale, quindi vedremo cosa possiamo farci”, ha detto.

Se l’Alabama (12-0) ha smaltito Notre Dame (10-2) con familiare efficienza, non è stato difficile ricordare la circostanza in cui si è svolta questa partita – e l’intera stagione – nel mezzo di una pandemia che ha sport ribaltati.

Il logo al centro dello stadio dei Dallas Cowboys era familiare il giorno di Capodanno: il logo rosso stilizzato del Rose Bowl Game, che normalmente adorna il suo stadio omonimo a Pasadena, in California.

Ma quest’anno, dopo che l’allenatore di Notre Dame Brian Kelly ha minacciato di boicottare il Rose Bowl perché le norme sanitarie in California non consentivano alle famiglie di partecipare alla partita, il Rose Bowl è stato trasferito in Texas, la prima volta che non veniva giocato a Pasadena dal 1942. , quando fu trasferito a Durham, Carolina del Nord, poco dopo che il Giappone aveva bombardato Pearl Harbor.

Una folla di 18.373 è stata autorizzata a guardare.

Hanno assistito a un finale familiare sotto le luci brillanti di Notre Dame.

I Fighting Irish hanno perso sette partite consecutive di major bowl o playoff dal 2000, nessuna delle quali ha superato i 14 punti.

“Francamente, avevamo solo bisogno di più potenza di fuoco. Questo è tutto “, ha detto Kelly, respingendo le critiche alla storia recente del suo programma. “Non c’è altra storia più ampia di quella che abbiamo tirato fuori un po ‘corto facendo alcune commedie”.

Clemson (10-2), nonostante abbia vinto due campionati nazionali e raggiunto altre due partite per il titolo dal 2015, ha concluso la sua seconda stagione consecutiva guardando la sua difesa divisa. I Tigers si sono arresi a 628 yard in una sconfitta per 42-25 contro lo stato della Louisiana nella partita per il titolo della scorsa stagione.

Fields, che è passato per 385 yard e sei touchdown, e che corre indietro Trey Sermon, che ha squarciato i Tigers per 193 yard correndo, potrebbe non trovare le cose altrettanto facili contro l’Alabama.

The Crimson Tide sta cercando di espiare la propria delusione della scorsa stagione, e in questa stagione di singhiozzi e ostacoli inaspettati, è riuscito a superare ogni ostacolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *