Trump vuole costringere gli immigrati a inviare informazioni biometriche


L’amministrazione Trump ha redatto una proposta che amplierebbe notevolmente il numero di persone richieste per fornire dati biometrici per le loro domande di immigrazione, aumentando anche le informazioni personali che il governo può richiedere, come scansioni degli occhi, impronte vocali, DNA e fotografie per il riconoscimento facciale .

Secondo parti di una bozza di politica ottenuta da BuzzFeed News, il governo sarebbe autorizzato a richiedere dati biometrici agli immigrati che hanno ricevuto qualche beneficio, come una carta verde o un permesso di lavoro, in qualsiasi momento fino a quando non sono cittadini statunitensi per garantire la continuità ” vetting. “

Se implementata, la bozza di regola rappresenterebbe un enorme cambiamento nella raccolta di informazioni personali da parte del Dipartimento per la sicurezza interna degli immigrati e dei cittadini statunitensi e probabilmente causerà preoccupazione tra i sostenitori della privacy e degli immigrati.

“È sbalorditivo”, ha detto Ur Jaddou, un ex funzionario senior dei servizi di cittadinanza e immigrazione degli Stati Uniti (USCIS). “Stanno usando un linguaggio eccessivamente generico nella legge per giustificare un’espansione massiccia e senza precedenti per raccogliere informazioni veramente personali che sembrano voler conservare e utilizzare per sempre. Qual è la ragione di ciò? Qual è il problema che stanno cercando di risolvere? “

Il Department of Homeland Security ha rifiutato di commentare. Ma in una dichiarazione, ha confermato che prevede di pubblicare una versione definitiva della politica per la revisione pubblica. La regola proposta “migliora il processo di screening e controllo e riduce la nostra dipendenza da documenti cartacei e informazioni biografiche per dimostrare l’identità e le relazioni familiari”, ha aggiunto il DHS.

“Questa norma proposta elimina qualsiasi ambiguità che circonda l’uso della biometria da parte del Dipartimento, stabilendo standard chiari su come e perché raccogliamo e utilizziamo queste informazioni”, ha affermato il vice segretario alla sicurezza nazionale Ken Cuccinelli nella dichiarazione. “Sfruttare la tecnologia immediatamente disponibile per verificare l’identità di un individuo che stiamo esaminando è un governo responsabile. La raccolta di informazioni biometriche protegge anche dal furto di identità e ostacola i truffatori che non sono chi affermano di essere “.

Ma Sarah Pierce, analista politico presso l’Istituto di politica migratoria, ha affermato che il regolamento è “in linea con ciò che questa amministrazione ha voluto fare per – aumentare il ‘controllo estremo’ degli immigrati in arrivo – ma è possibile andare troppo oltre e fare controlli che non sono necessari. Questo è 10 passi più avanti “.

La biometria aggiuntiva proposta dall’amministrazione, secondo il progetto di regolamento, potrebbe anche aiutare gli immigrati e coloro che sono coinvolti con le loro petizioni nella verifica più conveniente della loro identità. Allo stesso tempo, lavorerà per la promessa dell’amministrazione Trump di reprimere le presunte frodi nel sistema di immigrazione.

Andrea Flores, vicedirettore della politica di immigrazione per l’American Civil Liberties Union, ha dichiarato in una dichiarazione che “la raccolta di un enorme database di schemi genetici non ci renderà più sicuri, ma semplicemente renderà più facile per il governo sorvegliare e prendere di mira le nostre comunità e per avvicinarci a un incubo distopico “.

“L’obiettivo di Trump è chiaro: chiudere il sistema di immigrazione legale e rendere l’immigrazione il più difficile possibile”, ha aggiunto.

La bozza di proposta interesserebbe direttamente le domande prese dall’USCIS, che elabora carte verdi e visti per familiari, lavoratori altamente qualificati, rifugiati e richiedenti asilo, tra gli altri, nonché documenti di autorizzazione all’impiego.

La politica cita l’autorità statutaria che consente al DHS di richiedere la raccolta di dati biometrici da qualsiasi individuo coinvolto con un beneficio di immigrazione e afferma che l’espansione della raccolta aiuterebbe a rafforzare la capacità del governo di identificare con precisione gli individui.

Gli ufficiali dell’USCIS generalmente richiedono solo le impronte digitali, una firma e una foto di adulti di nazionalità straniera e di coloro che hanno più di 14 anni che sperano di ottenere determinati benefici in materia di immigrazione, come visti temporanei, carte verdi e cittadinanza.

La bozza di regolamento, tuttavia, cambierebbe la procedura per fare in modo che tutti coloro che sono associati a un’indennità di immigrazione, dagli sponsor cittadini statunitensi ai richiedenti stessi, debbano presentarsi per la raccolta biometrica se non diversamente specificato dall’USCIS. Inoltre non ci sarebbero limiti di età per la raccolta di queste informazioni, consentendo al governo di ottenere dati biometrici da coloro che hanno meno di 14 anni.

Inoltre, il DHS amplierebbe i tipi di biometria che potrebbero essere raccolti per includere scansioni di immagini dell’iride dell’occhio, impronte di palma, impronte vocali e DNA nei casi in cui è necessario verificare la relazione familiare, secondo la bozza. L’espansione della biometria che potrebbe essere raccolta fa parte degli sforzi dell’agenzia per stare al passo con gli “sviluppi tecnologici” e consentire ai funzionari dell’agenzia di identificare facilmente le persone al telefono o senza contatto fisico.

L’anno scorso, l’amministrazione Trump ha consentito agli agenti dell’immigrazione di iniziare a raccogliere campioni di DNA da immigrati privi di documenti che sono stati arrestati.

La nuova bozza di regolamento, che sarà soggetta a commenti pubblici e non entrerà in vigore immediatamente, aprirebbe anche la porta alle autorità per l’immigrazione che raccolgono campioni di DNA dalle famiglie in custodia del governo per verificare se sono imparentati. Autorizzerebbe anche la raccolta biometrica di chiunque sia stato prelevato dal DHS e in procinto di essere espulso dagli Stati Uniti. L’anno scorso, le autorità alla frontiera hanno avviato un programma pilota per prelevare tamponi di DNA di coloro sospettati di falsi rapporti familiari.

Il progetto di regolamento rileva che spera di capovolgere l’attuale approccio del governo da richiedere la biometria solo in determinate situazioni a una in cui la biometria è sempre richiesta a meno che il governo non determini che non è necessaria.

“Questo sottopone una popolazione enorme a una sorveglianza aggiuntiva”, ha detto Pierce.

Alla fine del 2017, Paul Hunter, ex capo della strategia biometrica per USCIS, ha dichiarato a una pubblicazione commerciale in una conferenza che l’agenzia stava cercando di aggiungere scansioni dell’iride, impronte vocali e DNA alla loro impronta biometrica per aiutare non solo ad accelerare la loro elaborazione di alcune applicazioni ma per aumentare la sicurezza del sistema di immigrazione, secondo a un rapporto in FCW.

I sostenitori della privacy, come la Electronic Frontier Foundation, hanno a lungo riscontrato problemi con le scansioni dell’iride, sottolineando che non solo possono essere difettose in determinate situazioni, come se un individuo ha un occhio infiammato, ma che la creazione di database di scansione dell’iride può essere compromesso, lasciando a rischio le informazioni altamente sensibili. Funzionari delle forze dell’ordine, compresi alcuni dipartimenti dello sceriffo, già distribuiscono scansioni dell’iride.

La proposta, se istituita, potrebbe potenzialmente creare ancora più ostacoli per gli immigrati in un momento in cui USCIS sta annaspando finanziariamente. I funzionari dell’USCIS hanno avvertito dalla primavera che l’agenzia, che è per lo più finanziata dalle tasse, stava finendo i soldi a causa del calo delle domande durante la pandemia e aveva bisogno di un afflusso di $ 1,2 miliardi dal Congresso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.