Il socio Putin ha fatto pagamenti sospetti a Nobu


Notizie di Ben Kothe / BuzzFeed; Getty Images


Sushi squisito, uno chef famoso e una clientela affascinante hanno reso Nobu, un impero di ristoranti e hotel con più di 40 punti vendita in 20 paesi, uno dei marchi di lusso più famosi al mondo.

Ma un aspetto dell’espansione della catena è rimasto finora un segreto: Nobu ha accettato più di $ 600.000 che la sua banca ha ritenuto sospetto, come parte di un accordo con uno stretto collaboratore di Vladimir Putin che ha anche forti legami con la Casa Bianca.

Quel socio, il miliardario sviluppatore immobiliare russo Aras Agalarov, era una figura chiave dietro l’incontro del 2016 alla Trump Tower, dove i membri senior della campagna Trump si aspettavano di ricevere sporcizia su Hillary Clinton.

Sasha Mordovets / Getty Images

Il presidente russo Vladimir Putin (a sinistra) e il miliardario Aras Agalarov visti durante una cerimonia di premiazione a Mosca nel 2013.

La compagnia di Agalarov, Crocus International, gestisce due ristoranti Nobu a Mosca, uno nel cuore della città e un secondo nello scintillante megamall di Crocus City, sede del concorso di bellezza Miss Universo 2013 condotto da Donald Trump. Documenti governativi riservati rivelano, tuttavia, che per un certo periodo Crocus International ha pagato le ingenti commissioni di licenza di Nobu attraverso società offshore non rintracciabili, che secondo gli esperti sono una bandiera rossa per il possibile riciclaggio di denaro.

L’accordo ha portato gli investigatori della banca a minacciare di interrompere completamente l’accettazione dei pagamenti. Alcuni sono arrivati ​​attraverso una banca lettone che da allora è stata spegnimento a causa del suo coinvolgimento in a Schema russo di riciclaggio di denaro.

Un aspetto dell’espansione della catena è rimasto finora un segreto.

Le transazioni bancarie sospette sono state inviate al Financial Crimes Enforcement Network del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, noto come FinCEN. Sono stati compilati, insieme a migliaia di pagine di altri documenti, in risposta alle richieste del Comitato di intelligence del Senato come parte della sua inchiesta sull’ingerenza della Russia nelle elezioni presidenziali del 2016. I documenti Nobu, rivelati qui per la prima volta, forniscono ulteriori informazioni sulla famiglia Agalarov, i cui rapporti d’affari sono stati discussi nel rapporto Mueller.

I documenti fanno parte degli oltre 2.100 rapporti di attività sospette, o SAR, che BuzzFeed News ha condiviso con l’International Consortium of Investigative Journalists e più di 100 testate giornalistiche in tutto il mondo nell’ambito dell’indagine FinCEN Files. Per legge, le banche devono archiviare questi documenti quando rilevano i segni distintivi del riciclaggio di denaro o di altre condotte finanziarie. Le SAR non sono di per sé prove di un crimine, ma possono supportare le indagini e la raccolta di informazioni.

I file FinCEN aprono anche una finestra sulla portata e le dimensioni dell’economia sporca. Mostrano transazioni sospette da società offshore non rintracciabili, come quelle utilizzate da Crocus International, situate in tutto il mondo. Dall’intrattenimento di Hollywood a Edilizia residenziale pubblica venezuelana, quasi nessuna parte dell’economia mondiale è intoccata da questo sistema finanziario ombra, nemmeno il manzo A5 Wagyu che Nobu serve, raro, per $ 38 l’oncia.

Artyom Korotayev / TASS / Alamy Foto Stock

Da sinistra: Aras Agalarov, Robert De Niro, lo chef giapponese Nobu Matsuhisa ed Emin Agalarov all’inaugurazione del ristorante Nobu Crocus City il 9 novembre 2015.

Agalarov è un affari improbabili partner per un impero dell’ospitalità cofondato da Robert De Niro, l’attore che è emerso come un critico schietto di Trump. Dal podio ai premi del National Board of Review 2018, De Niro denunciato Trump come un “fottuto stupido”. Lui ha ha dichiarato che non avrebbe mai permesso al presidente di entrare in nessuno dei ristoranti Nobu. Agalarov, al contrario, avrebbe avuto Trump siediti al suo tavolo alla sua 58a festa di compleanno.

De Niro non ha risposto a molteplici richieste di commento tramite il suo rappresentante.

Agalarov è un improbabile partner commerciale per un impero dell’ospitalità cofondato da Robert De Niro, l’attore che è emerso come un critico schietto di Trump.

Le comunicazioni non suggeriscono che lo stesso De Niro fosse coinvolto o addirittura a conoscenza di queste irregolarità finanziarie e non incolpano Nobu, che la banca ha definito “non preoccupante”. Il controllore aziendale di Nobu era a conoscenza dei pagamenti irregolari e ha cercato ripetutamente di convincere gli Agalarov a smettere di farli.

Scott Balber, l’avvocato di Agalarov, ha detto che tutte le società offshore citate nelle SAR sono di proprietà di Agalarov, insieme ad altre società simili che utilizza come parte della sua attività.

Alla domanda sulle transazioni, ha detto: “La maggior parte delle persone non gestisce le proprie attività in previsione delle domande di un giornalista di Buzzfeed anni dopo, sulla base della SARS trapelata illegalmente”. Ha detto che non c’erano problemi.

Nel 2009, Nobu stava cercando di espandersi in Russia e la famiglia di miliardari del settore immobiliare ha aperto la strada.

“Beh, è ​​appena successo che abbiamo trovato gli Agalarov adesso”, ha detto De Niro le notizie di Mosca quando il primo Nobu Mosca ha aperto nell’aprile 2009. “Senza di loro, non ce l’avremmo fatta”.

Mentre Nobu e Crocus International si preparavano ad aprire il secondo ristorante nel centro commerciale Crocus City, una banca statunitense stava segnalando transazioni finanziarie che sembravano sospette.

Nobu Restaurant Group richiede ai suoi partner di pagare le tasse per le licenze e per cose come vestiti e stufe elettriche. Ma alla fine del 2014, i pagamenti per le sedi di Mosca hanno iniziato ad arrivare non da Crocus International, l’entità che ha firmato l’accordo di licenza, ma da società in paradisi offshore noti per il riciclaggio di denaro e l’evasione fiscale, come le Isole Vergini britanniche, Anguilla e Belize .

Nell’agosto 2015, secondo a segnalazione di attività sospette che la First Republic Bank ha inviato al Dipartimento del Tesoro, il controllore aziendale di Nobu ha scritto a Crocus International un promemoria che i pagamenti dovevano essere inviati dal conto della società. Ha detto a BuzzFeed News di aver contattato “più volte” per chiedere loro di interrompere l’invio di denaro tramite le società offshore.

Il controllore, Merrick Rhodes, ha detto di sapere che First Republic potrebbe guardare con sospetto ai pagamenti di una terza parte sconosciuta. “Ecco perché abbiamo richiesto che provenga da una delle società madri”, ha detto a BuzzFeed News. “Ovviamente la nostra banca vuole che venga da loro.”

Quando Nobu Crocus City aprì nel novembre dello stesso anno, gli investigatori della banca avevano individuato più di $ 200.000 in pagamenti ritenuti sospetti. Denso Trading Ltd., che è stata registrata nel Regno Unito da una società cipriota per un russo indipendente, ha inviato più di $ 90.000 e poi si è sciolta. Denso ha inviato pagamenti tramite Trasta Komercbanka, un istituto finanziario lettone coinvolto in un file famigerato anello di riciclaggio di denaro.

La First Republic ha continuato a presentare rapporti di attività sospette al Dipartimento del Tesoro – e ad elaborare quei pagamenti sospetti. I documenti esaminati da BuzzFeed News hanno mostrato che la banca aveva presentato nove segnalazioni tra novembre 2014 e giugno 2017, segnalando $ 602.886 da almeno 10 diverse società offshore. Nel rapporto del giugno 2017, la banca ha affermato che le transazioni esaminate “erano preoccupanti in base alla natura non trasparente dei cedenti”. Geo Business Invest Corp., che la banca ha identificato come una possibile società di comodo registrata in Belize, ha inviato più di $ 170.000. Anche altre comunicazioni di sicurezza presentate da First Republic menzionano l’uso di possibili società di comodo.

La First Republic è diventata più aggressiva nel suo approccio nel giugno 2017, minacciando di trattenere i pagamenti che non provenivano da un conto Crocus International. La First Republic Bank ha rifiutato di commentare le transazioni.

Rhodes, il controllore di Nobu, ha dichiarato a BuzzFeed News che all’inizio del 2017 gli accordi di licenza per i due ristoranti sono stati trasferiti a un’altra società, NIME LLC, di proprietà del figlio di Aras Agalarov, Emin. Da allora, ha detto, non ci sono stati pagamenti da nessun altro oltre alla società indicata nel contratto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *