Papa Francesco sostiene le unioni civili per le coppie dello stesso sesso


Dopo decenni di tentativi da parte della Chiesa cattolica di schiacciare l’uguaglianza dei matrimoni, Papa Francesco ha chiesto le unioni civili per le coppie dello stesso sesso.

“Quello che dobbiamo creare è una legge sull’unione civile. In questo modo sono legalmente coperti “, ha detto Papa Francesco, in un nuovo documentario parlando di come sostenere le persone LGBTQ, secondo la Catholic News Agency. “Ho difeso questo.”

“Gli omosessuali hanno il diritto di far parte della famiglia”, ha detto il papa. “Sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Nessuno dovrebbe essere espulso o reso infelice a causa di ciò”.

Il nuovo documentario di Evgeny Afineevsky, Francesco, presentato mercoledì alla Festa del Cinema di Roma e si concentra su come il papa si prende cura e aiuta le comunità svantaggiate.

I suoi commenti nel film sono la prima volta che Francesco ha apertamente chiesto tutele legali per le relazioni omosessuali come pontefice.

Nel 2003, la Congregazione vaticana per la dottrina della fede – allora sotto la guida del cardinale Joseph Ratzinger, che in seguito divenne papa Benedetto XVI – dichiarò che “il riconoscimento legale delle unioni omosessuali o la loro collocazione sullo stesso piano del matrimonio significherebbe non solo l’approvazione di comportamenti devianti, con la conseguenza di farne un modello nella società odierna, ma oscurerebbe anche i valori fondamentali che appartengono all’eredità comune dell’umanità “.

Ci sono state segnalazioni in passato secondo cui Francesco ha sostenuto privatamente le unioni civili nel 2010, quando era arcivescovo di Buenos Aires e il paese stava approvando leggi sull’uguaglianza dei matrimoni, ma sono state contestate.

Il papa non ha mai sostenuto il matrimonio per coppie dello stesso sesso o il riconoscimento ufficiale da parte della chiesa delle relazioni omosessuali.

Dopo la notizia di mercoledì, gli attivisti cattolici LGBTQ hanno parlato con entusiasmo ma esitante della notizia.

“Se questo è un riconoscimento pubblico che le coppie dello stesso sesso meritano – e la chiesa non bloccherà più – il riconoscimento legale delle relazioni impegnate, chiaramente questo è un punto di svolta internazionale”, Marianne Duddy-Burke, direttore esecutivo di DignityUSA, un’organizzazione cattolica LGBTQ , ha detto a BuzzFeed News.

Ma sebbene Duddy-Burke definisse i commenti del papa “molto significativi”, voleva ulteriori chiarimenti su cosa intendesse esattamente il papa.

“Penso che aumenterà una serie di emozioni, dal giubilo allo scetticismo, nella comunità cattolica queer”, ha detto. “Sta andando a qualcosa che sarà ‘chiarito’ dal Vaticano nei giorni a venire?”

Il Vaticano non ha risposto a una richiesta di commento.

Francis DeBernardo, direttore esecutivo del gruppo cattolico di difesa LGBTQ New Ways Ministry, ha detto di “accogliere con gratitudine” i commenti del papa, anche se spera anche che il papa riconosca queste relazioni anche all’interno della chiesa.

“È un momento storico in cui il leader della Chiesa cattolica romana, a lungo visto come un persecutore delle persone LGBTQ, si muove in una direzione così favorevole alle coppie lesbiche / gay e alle loro famiglie”, ha detto DeBernardo.

“Non è esagerato affermare che con questa dichiarazione il papa non solo ha protetto le coppie e le famiglie LGBTQ, ma salverà anche molte vite LGBTQ”, ha detto De Bernardo.

Francesco fa la sua prima negli Stati Uniti domenica al Savannah Film Festival.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *