Ancora un altro anno in cui il capitale di rischio è davvero bianco

Per risolvere questo problema, affermano questi critici, gli investitori devono guardare oltre le proprie reti, oltre a rendere il proprio settore più inclusivo. A partire da ora, solo il 4% circa di tutti i venture capitalist sono neri, secondo il National Venture Capital Association. “Non puoi assumere una sola persona e il gioco è fatto. Non puoi semplicemente selezionare una casella di controllo “, afferma Frederik Groce, preside di Storm Ventures. Groce dice che il miglioramento della diversità deve essere fatto in modo sistematico, piuttosto che semplicemente promuovere un investitore nero in un’azienda o buttare soldi al primo fondatore nero che entra dalla porta. “Non credo che abbiamo ancora visto abbastanza cambiamenti effettivi, ma sono ancora cautamente ottimista”, dice.

Groce ha co-fondato un’organizzazione no profit chiamata BLCK VC nel 2018 con l’obiettivo di supportare altri investitori neri come lui; il suo obiettivo è raddoppiare il numero di Black VC entro il 2024. A giugno, il gruppo ha avviato un programma di formazione di sette settimane chiamato Breaking Into Venture, inteso a portare i candidati neri in lavori come analisti e associati presso le aziende. “È il nostro tentativo di dire, se hai problemi a trovare talenti, o pensi che ci sia un ‘problema di pipeline’, beh, no, c’è un problema di filtraggio”, dice Groce. “Se guardi solo alle assunzioni a Stanford, Harvard, Princeton, Yale”, i cui gradi di alcune stime sono detenuti da ben il 40 percento dei VC: “allora hai creato un filtro artificiale”. Il primo gruppo di Breaking Into Venture proveniva da una varietà di altri contesti educativi e professionali. Groce dice che metà di quella coorte ha ora posti di lavoro nel capitale di rischio. Ma, come sottolinea Groce, il lavoro di diversificazione del settore ricade ancora in modo sproporzionato sulle persone di colore e tutti gli altri devono fare di più.

“Penso che il 2020 si sia cristallizzato per molte persone che dobbiamo fare meglio e costruire in modo più intenzionale”, afferma Alexis Ohanian, cofondatore di Reddit e Initialized Capital, una società di VC, nel 2012. A novembre, Ohanian ha annunciato un nuovo fondo chiamato Seven Seven Six, insieme a un Programma Operatore in Residenza per trovare e formare aspiranti VC attraverso esperienze pratiche e tutoraggio formale. Il processo di candidatura aperto del programma mirava a reperire candidati oltre le ben coperte reti della Silicon Valley. “Volevo mettere insieme qualcosa che fosse davvero intenzionale sin dal primo giorno, che potesse esaminare come svolgere il lavoro di impresa partendo dai principi primi e generare rendimenti ancora maggiori, e cercare una gamma ancora più ampia di fondatori”, dice Ohanian.

Per i sostenitori di lunga data della diversità nel capitale di rischio, questi recenti sforzi sembrano troppo pochi, troppo tardi. Dopo che Ohanian ha dichiarato Twitter all’inizio di questo mese che il 2021 sarebbe “l’anno in cui iniziamo a vedere investitori neri e marroni nei ranghi delle società di venture capital”, l’investitore Ellen Pao sottolineato che non c’era stato un solo investitore nero o marrone in Initialised Capital, né in Seven Seven Six. Alla domanda in merito, Ohanian ha detto che non era responsabile delle assunzioni a Initialized e che Seven Seven Six esiste solo da novembre. “Sono entusiasta che sia così motivata a darci un feedback così presto nella nostra esistenza”, ha detto. (Pao non ha risposto a una richiesta di intervista.)

Mentre l’anno delle grandi promesse volge al termine, la domanda è se queste conversazioni continueranno e quanto i leader del settore rimarranno impegnati per un futuro più equo. Howard pensa che potrebbero esserci abbastanza investitori individuali che iniziano a cambiare lo status quo. Ha menzionato Steve Case, il fondatore di AOL diventato investitore che ha incontrato durante la raccolta fondi per il suo round di avviamento. Caso creato Rise of the Rest, un fondo per sostenere i fondatori che sarebbero altrimenti trascurati nella Silicon Valley. “In realtà sta mettendo i soldi davanti ai fondatori, e non è come $ 25.000: è mezzo milione di dollari, abbastanza per costruire qualcosa in modo sostenibile”, dice Howard, che ha ricevuto un investimento. “In generale, investire in diversi team di leadership si è dimostrato un buon affare e i fondi dovrebbero farlo senza una segmentazione del capitale destinato”.

Inoltre, nel competitivo mondo delle startup, avere a bordo investitori come Case può fare un’enorme differenza nel raccogliere più soldi. “Una volta che un fondatore riceve un term sheet, tutti gli altri dicono ‘Chi c’è?’ Se qualcuno è in tondo, altre persone dicono: “Anch’io sono a mio agio a farlo” ”, dice Howard. “Se possiamo cambiare una piccola comunità di persone intorno a noi, significa che le altre persone hanno più equità. E poi possono dire: “Ci sono anche io”. “


Altro da WIRED’s Year in Review

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *