I nuovi televisori “QNED” di LG avranno fino a quasi 30.000 piccoli LED dietro lo schermo

LG potrebbe essere l’azienda più sinonimo di TV OLED, ma stasera sta annunciando cosa aspettarsi dai suoi set basati su LCD nel 2021. Come altri produttori, incluso TCL, hanno già fatto (e Samsung dovrebbe presto aderire), LG sta adottando la tecnologia Mini LED per i suoi televisori LCD 8K e 4K premium in arrivo il prossimo anno.

LG afferma che Mini LED consente “un enorme balzo in avanti nella qualità delle immagini TV LCD”. I migliori televisori LCD oggi hanno quello che viene chiamato “oscuramento locale full-array”, dove i LED – in alcuni casi centinaia – fungono da retroilluminazione dietro lo schermo. Questi possono essere controllati in zone e ogni zona può essere attenuata come appropriato per scene scure, il che aiuta a migliorare i livelli di nero e il contrasto.

Il mini LED cambia un po ‘la strategia utilizzando LED molto più piccoli (ma molto di più) per un contrasto maggiore rispetto ai televisori che potrebbero superare un paio di centinaia di zone di oscuramento.

Nel caso di LG, la società afferma che la sua nuova retroilluminazione “comprende fino a quasi 30.000 piccoli LED che producono un’incredibile luminosità di picco e un rapporto di contrasto di 1.000.000: 1 se abbinati a un massimo di 2.500 zone di regolazione e zone di regolazione locale avanzate”. Il risultato finale è un contrasto migliore, un HDR più dinamico e una migliore precisione del colore rispetto ai precedenti set LCD dell’azienda. Come tutte le ammiraglie 2020 di LG, sono supportate frequenze di aggiornamento fino a 120 Hz.

LG ha etichettato questi televisori LCD di fascia alta come “QNED”, con la Q che si riferisce al colore dei punti quantici e la N che presumibilmente sta per il marchio “NanoCell” di LG. Viene fuori un po ‘imbarazzante, soprattutto perché gli acquirenti di TV dovranno fare i conti con un mix di TV OLED, QLED e QNED quando si trovano nel loro Best Buy locale.

Il confronto più vicino per i televisori QNED di LG sarebbe qualcosa come la serie 8 di TCL, che contiene 25.000 LED in circa 1.000 zone di controllo. (LG dice che il QNED arriverà in dimensioni fino a 86 pollici, che è quello da cui immagino provengano quei numeri precedenti.) La Serie 6 di TCL utilizza anche Mini LED, sebbene il numero totale sia molto inferiore alla costosa Serie 8.

Restringere i LED consente ai produttori di TV di utilizzarne molti di più per un maggiore contrasto e neri migliori.
Immagine: TCL

Ma come marchio leader di TV OLED, LG sta facendo attenzione a sottolineare che OLED è ancora il luogo in cui si può avere la migliore immagine in assoluto, anche con tutti questi progressi sul lato LCD. Il 2020 ha visto Vizio entrare nel campo dei TV OLED e cercare di abbassare il prezzo di LG, ma LG non ha intenzione di rinunciare facilmente alla sua posizione al vertice. (Sony produce anche OLED di fascia alta; tutte e tre le società utilizzano pannelli di LG Display.)

Infine, non commettere l’errore di confondere Mini LED con MicroLED. Pensa a Mini LED come un’altra evoluzione dei TV LCD, mentre MicroLED è un aggiornamento più radicale che rimuove del tutto la retroilluminazione dall’equazione (proprio come OLED) e combina milioni di LED autoemissivi che si accendono solo quando sono necessari. I televisori MicroLED sono ancora scandalosamente costosi e, anche se non conosceremo il prezzo dei televisori QNED di LG per qualche altro mese, dovrebbe essere molto meno strabiliante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *