Come allenarsi da soli per gli sport di squadra


“Devi trovare una motivazione intrinseca”, dice Kyra Christmas, 23 anni, che gioca nella squadra nazionale di pallanuoto canadese. La scorsa primavera, Natale e i suoi compagni di squadra vivevano a Montreal, trascorrendo fino a cinque ore al giorno in piscina, allenandosi per i Giochi olimpici estivi del 2020. A metà marzo hanno avuto una settimana di ferie. Quella stessa settimana, Covid-19 ha forzato i blocchi di emergenza in tutto il paese. Piscine chiuse. I membri del team si sono trovati a centinaia, a volte migliaia, di miglia l’uno dall’altro, per quello che si è trasformato in mesi. Gli atleti solisti sanno come spingere se stessi, ma per Natale, che ha iniziato a giocare a pallanuoto quando aveva 7 anni, la motivazione era inestricabilmente intrecciata con il senso di far parte di qualcosa di più grande. “È difficile stare da soli”, dice.

Visualizza altri giocatori, il che sarà più facile se stai guardando il nastro del gioco. Il Natale guardava i video delle partite passate e rievocava i giochi, immaginando i suoi avversari e compagni di squadra. Sii creativo riguardo allo spazio. Per alcuni sport, ciò potrebbe significare semplicemente montare un canestro da basket. Ma il Natale non poteva esercitarsi a calpestare l’acqua sulla terra. Dopo un mese a casa, lei ei suoi genitori avevano costruito una piscina profonda sei piedi usando balle di fieno, plastica nera e un tubo. Un tabellone rimbalzista le ha permesso di passare la palla a se stessa. Alcuni giorni ha persino arruolato sua madre per partecipare alle esercitazioni. Concentrati su ciò che puoi fare, sapendo che ci saranno cose nel gioco di squadra che non puoi praticare da solo, specialmente negli sport di contatto.

Cerca il cameratismo. La squadra di Christmas ha fatto allenamenti in circuito due volte a settimana su Zoom e Zumba virtuale nei fine settimana. “È utile vedere altre persone lavorare sodo come te”, dice Christmas. Lo sport non riguarda solo il corpo; anche la tua mente e il tuo cuore hanno bisogno di cure. Non tacere mentre emozioni come la solitudine e l’ansia si gonfia dentro di te. Trova qualcuno con cui parlare. La squadra di pallanuoto, che ha uno psicologo nello staff, ha tenuto regolarmente riunioni video; la maggior parte ha trovato più facile condividere i sentimenti in gruppi più piccoli. “Va bene parlare di non stare bene”, dice Christmas. A metà agosto la squadra è stata finalmente in grado di riprendersi e riprendere gli allenamenti. “Era così bello essere di nuovo insieme”, dice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *