La mafia, la criminalità organizzata venderà falsi vaccini COVID


I gruppi mafiosi cercheranno molto probabilmente di interrompere la distribuzione del vaccino COVID-19, organizzazione internazionale di polizia Interpol avvertito mercoledì.

In un dichiarazione, il gruppo ha avvertito i suoi 194 paesi membri di essere in massima allerta per le reti della criminalità organizzata che tentano di infiltrarsi nelle catene di approvvigionamento per mettere le mani sul vaccino. Hanno anche avvertito della vendita di vaccini fraudolenti contro il coronavirus.

“Le reti criminali prenderanno di mira anche ignari membri del pubblico tramite falsi siti web e false cure, che potrebbero rappresentare un rischio significativo per la loro salute, anche per le loro vite”, ha detto il segretario generale dell’Interpol Jürgen Stock.

“È essenziale che le forze dell’ordine siano il più preparate possibile per quello che sarà un assalto di tutti i tipi di attività criminali legate al vaccino COVID-19, motivo per cui l’Interpol ha emesso questo avvertimento globale”.

L’avvertimento arriva mentre le autorità sanitarie negli Stati Uniti e altrove esaminano più vaccini che sono stati sviluppati. Mercoledì il Regno Unito è diventato il primo paese occidentale a autorizzo ufficialmente un vaccino, dando il via libera al vaccino di Pfizer e BioNTech, i cui studi hanno dimostrato di essere sicuro ed efficace al 95% nel bloccare COVID-19.

Il mese scorso, l’Interpol ha emesso un avvertimento sul rischio di veri e propri vaccini COVID-19 oggetto di traffico, consigliando alle forze dell’ordine di tutto il mondo di iniziare a prepararsi immediatamente per prevenire tali crimini.

“L’elevata domanda combinata con un’offerta limitata renderà i vaccini COVID-19 l’equivalente dell’oro liquido per le reti della criminalità organizzata non appena uno sarà disponibile”, ha detto Stock.

C’è anche il rischio che i falsi test COVID-19 possano essere venduti, ha aggiunto l’organizzazione, poiché la necessità di test aumenterà probabilmente man mano che i viaggi internazionali inizieranno a riprendersi.

L’Interpol ha già messo in guardia il pubblico farmaci contraffatti e altri articoli medici, di cui ha notato che erano diventati di particolare preoccupazione durante la pandemia.

Mercoledì, il gruppo ha affermato che un’analisi condotta ha mostrato che “su 3.000 siti Web associati a farmacie online sospettati di vendere farmaci e dispositivi medici illeciti, circa 1.700 contenevano minacce informatiche, in particolare phishing e spamming”.

Nell’avvertimento di mercoledì, ha anche notato che la pandemia ha già “innescato comportamenti criminali opportunistici e predatori senza precedenti”.

C’è stato un file aumento della criminalità informatica, Ha affermato l’Interpol ad agosto, con le società e i governi come obiettivi principali. Il diffuso spostamento delle operazioni aziendali dagli uffici all’online ha causato un forte aumento di phishing, malware, truffe online e disinformazione.

Durante la pandemia, ci sono stati molti casi di opportunisti che hanno approfittato del momento per commettere frodi e tagliare i prezzi delle maschere.

In diversi casi, le persone sono state arrestate per aver tentato di vendere milioni di dollari valore di maschere che in realtà non possedevano.

A marzo, proprio quando il COVID-19 stava iniziando a diffondersi negli Stati Uniti, le forze dell’ordine in tutto il paese hanno emesso avvertimenti su truffatori che bussano alle porte delle persone affermando di essere funzionari del CDC e offrendosi di testare le persone per soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *