Con la morte di Phil Niekro, il baseball ha perso il Knuckleball e il suo padrone


Niekro ha imparato il passo che ha usato durante 24 stagioni della major league da suo padre, anche lui chiamato Phil, un lanciatore di sandlot in Ohio che si è rivolto ad esso dopo essersi fatto male al braccio. Ha funzionato così bene per il giovane Phil nei giochi di ripresa con i ragazzi del vicinato – tra cui John Havlicek, il futuro Hall of Famer dell’NBA – che non ha mai visto la necessità di altri campi.

“Non sapevo che ci fossero lanciatori di knuckleball nei grandi campionati”, ha detto Niekro alcuni anni fa. “Non sapevo nemmeno cosa fosse un tirapugni. Era solo qualcosa con cui mi divertivo, giocando a palla con mio padre “.

Jim Bouton, l’autore di “Ball Four”, amava raccontare la storia dell’incontro con Niekro a Kearny, Neb., Nel 1959, quando entrambi avevano 20 anni e stavano appena iniziando la loro carriera da professionista. Bouton ha notato Niekro che si esercitava con il suo tirapugni nel campo esterno prima di una partita, e il campo ballava.

Bouton ha lanciato diversi lanci, incluso un tirapugni, e ha chiesto a Niekro cos’altro ha lanciato. Nient’altro, rispose Niekro, e Bouton provò pietà per lui. Nel 1963, Bouton vinceva 21 partite per gli Yankees e iniziava le World Series, mentre Niekro non era ancora emerso nelle major.

“Mi sono ricordato di lui e ho pensato, ‘Oh, quel povero ragazzo, è ancora nei campionati minori e non so come resiste, perché sto andando alla Hall of Fame'”, ha detto Bouton, pochi anni prima della sua morte nel 2019. “Bene, indovina cosa? Quel povero ragazzo, limitato a un tiro, ora è nella Hall of Fame. È un buon promemoria per me della tartaruga e della lepre. “

Niekro aveva 27 anni prima di raggiungere definitivamente le major, nell’agosto del 1966, ma la sua padronanza di quell’unico tiro gli diede un tipo sbalorditivo di durata. Ha ottenuto solo 31 vittorie entro il suo trentesimo compleanno e 287 in seguito. Ha registrato più di 1.000 inning dal 1977 al 1979, quando ha registrato una media di 19 vittorie e 19 sconfitte a stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *