L’UE lancia la vaccinazione di massa contro il Covid-19 mentre si diffonde una nuova variante | Notizie dal mondo


L’UE ha lanciato ufficialmente il suo programma di vaccinazione di massa contro il Covid-19, con l’obiettivo di rendere disponibili i colpi a tutta la sua popolazione adulta entro la fine del 2021.

Nel frattempo i casi della nuova variante di coronavirus rilevati per la prima volta nel Regno Unito sono stati confermati in almeno otto paesi europei, aumentando ulteriormente la pressione sulla campagna di vaccini per aiutare a tenere sotto controllo la pandemia.

In Italia, domenica, poco prima delle 7 del mattino, le prime dosi del vaccino Pfizer / BioNTech sono state somministrate a un ricercatore, un’infermiera e un assistente sociale presso l’ospedale per malattie infettive Spallanzani di Roma.

“È con profondo orgoglio e un profondo senso di responsabilità che oggi ho ricevuto il vaccino. Un piccolo gesto ma un gesto fondamentale per tutti noi ”, ha detto un’infermiera di 29 anni, Claudia Alivernini, la prima a ricevere la vaccinazione domenica mattina. “È l’inizio della fine e spero di essere il primo di oltre 60 milioni di italiani … è stato un momento storico emozionante”.

L'infermiera Claudia Alivernini diventa la prima persona in Italia a ricevere il vaccino contro il coronavirus



L’infermiera Claudia Alivernini diventa la prima persona in Italia a ricevere il vaccino contro il coronavirus. Fotografia: Luigi Mistrulli / Rex / Shutterstock

La prima spedizione di 9.750 vaccini contro il coronavirus è arrivata in Italia, il Paese Ue più colpito dalla pandemia con 71mila morti, il 25 dicembre da Puurs in Belgio.

“L’Italia si sta svegliando oggi”, ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. “Questo giorno rimarrà nella nostra memoria per sempre.”

Giovedì il numero totale di casi di coronavirus registrati in Italia ha superato i 2 milioni.

Un bambino di 96 anni che vive in una casa di cura è diventato la prima persona in Spagna a ricevere la vaccinazione Covid-19.


“Vediamo se riusciamo a sbarazzarci di questo virus”, ha detto Araceli Rosario Hidalgo ai giornalisti che si erano riuniti nella sua casa di cura nella città spagnola centrale di Guadalajara – scelta perché si trova vicino a un deposito di stoccaggio Pfizer – aggiungendo che non aveva sentito “nulla “Dallo scatto.

La vaccinazione, trasmessa in diretta televisiva, ha offerto un momento di speranza in un Paese duramente colpito anche dal virus. La Spagna ha confermato 1.854.951 casi di virus e almeno 49.824 decessi.

Una lavoratrice della casa, Mónica Tapias, è diventata la seconda persona nel paese a ricevere il vaccino, seguita dai residenti della casa di cura.

A Malta, un’infermiera è stata la prima ad essere vaccinata, mentre in Croazia il primo ministro si è congratulato con l’81enne residente in una casa di cura Branka Aničić per essere diventato il primo nel paese a ricevere il vaccino. “Sono felice di poter vedere i miei pronipoti”, ha detto Aničić.

In un video sul suo account Twitter, il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha descritto l’inizio della campagna come un “toccante momento di unità e una storia di successo europea” e ha detto che l’UE ha “assicurato dosi sufficienti per tutta la nostra popolazione di 450 milioni di persone ”.

Ursula von der Leyen
(@vonderleyen)

Oggi iniziamo a voltare pagina in un anno difficile. Il #COVID-19 il vaccino è stato consegnato a tutti i paesi dell’UE.

La vaccinazione inizierà domani in tutta l’UE.

Il #EUvaccinationdays sono un toccante momento di unità. La vaccinazione è la via d’uscita duratura dalla pandemia. pic.twitter.com/pYOj5vS2gV


26 dicembre 2020

Con sondaggi che indicano alti livelli di esitazione nei confronti del vaccino nei paesi dalla Francia alla Polonia, i leader dell’UE a 27 paesi lo stanno promuovendo come la migliore possibilità di tornare a una vita normale il prossimo anno. “Stiamo iniziando a voltare pagina in un anno difficile”, ha detto Von der Leyen. “La vaccinazione è la via d’uscita duratura dalla pandemia.”

In segno di impazienza, alcuni paesi dell’UE hanno iniziato a vaccinare sabato, un giorno prima dell’inizio ufficiale, con una donna di 101 anni in una casa di cura che è diventata la prima persona in Germania a essere vaccinata, mentre anche Ungheria e Slovacchia hanno iniziato a dare fuori i loro primi colpi.

Il jab Pfizer / BioNTech Covid è un vaccino a mRNA. Essenzialmente, l’mRNA è una molecola utilizzata dalle cellule viventi per trasformare le sequenze geniche nel DNA nelle proteine ​​che sono i mattoni di tutte le loro strutture fondamentali. Un segmento di DNA viene copiato (“trascritto”) in un pezzo di mRNA, che a sua volta viene “letto” dagli strumenti della cellula per sintetizzare le proteine.

Nel caso di un vaccino con mRNA, l’mRNA del virus viene iniettato nel muscolo e le nostre stesse cellule lo leggono e sintetizzano la proteina virale. Il sistema immunitario reagisce a queste proteine ​​- che da sole non possono causare malattie – proprio come se fossero state trasportate dall’intero virus. Questo genera una risposta protettiva che, suggeriscono gli studi, dura per qualche tempo.

I due primi vaccini Covid-19 ad annunciare i risultati dello studio di fase 3 erano basati sull’mRNA. Sono stati i primi a uscire dai blocchi perché, non appena il codice genetico di Sars-CoV-2 è stato conosciuto, lo è stato pubblicato dai cinesi nel gennaio 2020 – le aziende che avevano lavorato su questa tecnologia sono state in grado di iniziare a produrre l’mRNA del virus. La produzione di vaccini convenzionali richiede molto più tempo.

Adam Finn, professore di pediatria presso il Bristol Children’s Vaccine Centre, Università di Bristol

“Non vogliamo sprecare quel giorno in cui il vaccino perde la durata di conservazione. Vogliamo usarlo subito “, ha detto all’emittente locale MDR Karsten Fischer, del personale addetto alla pandemia del distretto di Harz, nello stato tedesco della Sassonia-Anhalt.

I paesi stanno anche mostrando strategie diverse nel loro targeting vaccinale, con l’Italia che si concentra sugli operatori sanitari, gli anziani in Francia e nella Repubblica Ceca il primo ministro era in prima fila.

Il premier, Andrej Babiš, ha detto che stava prendendo subito il vaccino perché “ieri sera ho visto una signora al telegiornale in TV che diceva che avrebbe aspettato Babiš”.

Il primo ministro ceco, Andrej Babiš, riceve la sua iniezione



Il primo ministro ceco, Andrej Babiš, riceve la sua iniezione. Fotografia: David W Černý / Reuters

La Francia ha iniziato la sua campagna in due case di cura nel sobborgo parigino di Seine-Saint-Denis, un’area a basso reddito duramente colpita dal Covid-19, ha riferito AFP.

Una ex collaboratrice domestica di 78 anni, che ha dato il suo nome come Mauricette, ha detto di essersi commossa quando ha ricevuto la prima vaccinazione al di fuori dei test nel paese. Il personale dell’ospedale René-Muret nel sobborgo parigino di Sevran è scoppiato in un applauso.

Concentrando la sua strategia sugli anziani, Parigi punta a vaccinare 1 milione di persone più vulnerabili entro la fine di febbraio e 15 milioni di persone entro l’estate. “Abbiamo una nuova arma contro il virus: il vaccino” twittato Presidente Emmanuel Macron.

Venerdì, ore prima che arrivassero le prime dosi in Francia, il ministero della Salute del Paese ha confermato di aver rilevato il suo primo caso della nuova variante in un cittadino rientrato dalla Gran Bretagna.

Mauricette, una donna francese di 78 anni, che è stata la prima nel Paese a essere vaccinata



Gli operatori sanitari parlano con Mauricette, una donna francese di 78 anni, che è stata la prima nel Paese a essere vaccinata. Fotografia: Reuters

I casi della variante rilevata per la prima volta nel Regno Unito sono stati confermati in tutta Europa, inclusi Francia, Spagna, Danimarca, Italia, Islanda, Svizzera, Svezia e Paesi Bassi, nonché in Australia, Giappone e Libano.

Anche Cina, Russia, Canada, Stati Uniti, Svizzera, Serbia, Singapore e Arabia Saudita hanno avviato campagne di vaccinazione.

La Gran Bretagna, che la scorsa settimana ha concluso un accordo sull’uscita dall’UE, ha iniziato la sua campagna di vaccinazioni tra molte fanfare l’8 dicembre, tre settimane prima dei suoi ex partner.

La distribuzione del colpo Pfizer / BioNTech presenta sfide difficili. Il vaccino utilizza la nuova tecnologia dell’mRNA e deve essere conservato a temperature estremamente basse di circa -70 ° C (-94 ° F).

Sono in cantiere anche vaccini diversi dal jab Pfizer / BioNTech e gli Stati Uniti, dove sono già state vaccinate più di un milione di persone, la scorsa settimana hanno iniziato i vaccini con il vaccino sviluppato dalla società biotech statunitense Moderna.

Nel frattempo l’Università di Oxford e il produttore di farmaci AstraZeneca hanno chiesto alle autorità britanniche il permesso di distribuire il loro vaccino Covid-19.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *