I videogiochi WIRED più amati nel 2020

Yakuza: come un drago sembra un gioco per PlayStation 2, e lo dico nel modo più carino possibile. Nella nostra era di prossima generazione di schemi di marketing multimilionari, microtransazioni e richieste di “servizio live” per una connettività sempre attiva, un gioco con meccaniche di combattimento semplici, una mappa relativamente piccola e una pletora di minigiochi tangenziali potrebbe sembrare bizzarro .

Anziché, Come un drago sta scoppiando alle cuciture. È geniale. È assurdo. Suo GTA incontra Dragon Quest incontra Taxi pazzo. La premessa è netta: un ex-yakuza appena uscito di prigione pensa al mondo come a un gioco di ruolo perché non ha mai imparato le abilità di coping degli adulti. Da li, Come un drago prende una polposa storia del crimine e la infonde con parodie psichedeliche della vecchia scuola Dragon Quest e Fantasia finale Giochi.

I lavori dei membri del partito, di solito qualcosa come cavaliere o stregone, sono letteralmente lavori da colletto blu: il caposquadra di un’impresa edile che brandisce un enorme martello da guerra e può convocare una parata di lavoratori per far precipitare il nemico. Un barista può usare un secchiello per il ghiaccio per congelare i nemici, mentre un agente di polizia antisommossa può usare il suo scudo per tankare.

Evoca solo la posta in gioco. Posso chiamare un pollo per deporre un uovo che ripristina MP o un motociclista per bruciare la gomma sulle facce dei miei nemici. Posso chiamare un uomo adulto con un pannolino fetish, le sue urla orribili riducono l’attacco e la difesa dei miei nemici. A partire dal , Posso chiamare un attacco orbitale da un satellite perché Ichiban, oltre ad essere un himbo, possiede anche un conglomerato di dessert da miliardi di dollari.

Ma la sorpresa più selvaggia sono stati i momenti fortemente politici di seria realtà nelle missioni secondarie. Qui, il gioco sostituisce l’umorismo bizzarro con discussioni sincere sui senzatetto, il sentimento anti-immigrazione in Giappone e la demonizzazione delle prostitute. La funzione “lavoro” non si sblocca nemmeno finché Ichiban & Co. non risolve una serie di paternalistiche missioni di recupero da una losca agenzia temporanea.

Forse sto solo invecchiando, ma sono meno interessato ai giochi che ignorano la realtà e sono più interessato ai giochi che la deformano e la rifrangono, evidenziando la stranezza e l’ingiustizia del mondo in cui viviamo. Certamente non me lo aspettavo da un gioco in cui il protagonista si veste come un membro dei Bee Gees.

—Sidney Fussell

Per gentile concessione di Playdots

Due punti

So che stiamo tutti cercando una via di fuga dal nostro incubo del 2020. Questo è esattamente quello che Due punti è stato per me. Il gioco sul mio iPhone è stato la mia tregua dall’ansia. È completamente insensato e si abbina perfettamente con la TV ambient o un podcast divertente che non è affatto legato alle notizie. Il collegamento di punti colorati e l’elaborazione di enigmi che includono coccinelle e scimmie che mangiano frutta mentre si assorbe vagamente la trama della mia ultima baldoria di Netflix non lascia assolutamente spazio nel mio cervello per nient’altro.

Questo gioco sarebbe probabilmente anche un ottimo amico su un aereo. Ti farò sapere se dovessi fare di nuovo un viaggio.

—Elena Lacey


Altro da WIRED’s Year in Review

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *