Il potere del kawaii: come le cose carine e morbide ci influenzano

Quest’anno lo ha fatto stato tutt’altro che carino. Occasionalmente è stato ottimista, ma per lo più imprevedibile, tumultuoso e doloroso. Ma carino? Lontano da esso.

Entra nella timeline cleanse. Potresti aver visto loro: foto dei social media, in genere di adorabili animali o bambini, pensate per interrompere il tuo feed. Il ciclo di notizie inesorabile che si svolge sui social media e nelle nostre vite personali può lasciarci scoraggiati e desensibilizzati. Una pulizia della linea temporale ha lo scopo di interrompere quel ciclo con una tregua dal caos.

“Credo kawaii, o sentimenti carini, ci ricorda la connessione umana che a volte dimentichiamo “, afferma Hiroshi Nittono, direttore del Laboratorio di psicofisiologia cognitiva dell’Università di Osaka.

Nittono è un ricercatore kawaii, cioè studia il concetto giapponese di dolcezza e come lo viviamo. La sua ricerca ha scoperto che guardando le immagini kawaii, come le foto di cuccioli o gattini (o baby alpaca, forse?) ci aiuta a concentrarci e prestare attenzione ai dettagli, migliora la nostra attenzione e porta a migliori prestazioni delle attività.

“Le cose kawaii non solo ci rendono più felici, ma influenzano anche il nostro comportamento”, l’originale di Nittono Studio del 2012 segnalato.

Nella cultura occidentale, siamo arrivati ​​a pensare al kawaii come sinonimo di carino. In Giappone, dove l’estetica kawaii è stata per decenni il fenomeno della cultura pop, la parola è un po ‘più complessa. Nittono dice la parola giapponese kawaii originariamente era un aggettivo affettivo che esprimeva i propri sentimenti verso un oggetto. “In giapponese, possiamo dire ‘sentiti kawaii'”, aggiunge. Visivamente, il kawaii è legato a ciò che i ricercatori chiamano programma del bambino– una grande testa, una faccia tonda e grandi occhi – ma il kawaii coinvolge anche gli altri sensi. In un carta pubblicato sulla rivista Accesso universale, i ricercatori hanno riferito che le persone etichettano anche alcuni suoni come carini e quei suoni tendono ad essere acuti, come il cinguettio di un uccellino. Kawaii non è sempre quello che tradizionalmente descriveremmo come carino. Cose brutte o dall’aspetto strano possono anche suscitare sentimenti kawaii, un concetto chiamato kimo-kawaiio “schifosamente carino”.

In parole povere, dice Nittono, il kawaii è “l’emozione carina” che provi in ​​presenza di qualcosa che innesca quell’emozione. Kawaii è ciò che ti costringe a pizzicare le guance di un bambino o coccolare un cucciolo. Kawaii influenza anche i nostri sentimenti e il nostro comportamento in altri modi, dice. Ad esempio, ha un effetto calmante e curativo. Ci rende anche morbidi, più malleabili e aperti alle richieste.

Kawaii non solo ti fa venire voglia di abbracciare fisicamente la cosa carina, ma attiva anche un bisogno istintivo di proteggerla. E questo sentimento protettivo potrebbe essere il motivo per cui il kawaii ci rende più attenti e concentrati sui compiti. In un Studio del 2009, i partecipanti hanno ottenuto risultati migliori in un compito accurato (il gioco da tavolo elettronico Operazione) quando sono state mostrate immagini carine. Nella sua ricerca, Nittono e i suoi colleghi hanno scoperto risultati simili. “Guardare immagini carine di cuccioli di animali suscita la motivazione ad agire con tenerezza e responsabilità per proteggerli”, spiega. “Questa idea sostiene che entità deboli e indifese ma carine innescano un comportamento di cura in chi guarda.” Le cose carine ci fanno sentire protettivi e, quando siamo protettivi, potremmo essere naturalmente più concentrati, presenti e attenti.

La ricerca di Nittono ipotizza che la dolcezza potrebbe innescare qualcosa chiamato motivazione di approccio, che è un impulso verso uno stimolo positivo. La motivazione dell’approccio ci consente di concentrarci meglio sui processi sistematici che richiedono attenzione, come guidare, completare le attività sul lavoro o giocare a un gioco di Operazione.

Ingegneri, inserzionisti e sviluppatori hanno approfittato di questo fenomeno, utilizzando kawaii per manipolare l’esperienza dell’utente e il comportamento dei consumatori. I ricercatori lo chiamano ingegneria carina. È un modo per sfruttare i sentimenti e le emozioni positive per “motivare, coinvolgere e modellare il comportamento dell’utente in modo positivo”, scrive Owen Noel Newton Fernando, docente senior presso la Nanyang Technological University, Singapore. A volte l’ingegneria carina è sottile, ma spesso è abbastanza ovvia. Gli ingegneri usano kawaii nel file campo della robotica, per esempio: più è carino il robot, più gli umani vorranno interagire con esso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.