Sony afferma che sta già vedendo alcuni vantaggi dalla grande scommessa HBO Max di WarnerMedia

Sony Pictures ha visto un “boom” di interesse da parte dei creativi di Hollywood che vogliono lavorare con uno studio impegnato nelle uscite cinematografiche, secondo il CEO dell’azienda.

L’aumento dell’interesse arriva subito dopo che WarnerMedia ha annunciato che i suoi 17 film previsti per il 2021 saranno presentati in anteprima su HBO Max lo stesso giorno in cui arriveranno nei cinema. Per i dirigenti di WarnerMedia che cercano di capire come rafforzare gli abbonati per il suo nuovo servizio di streaming e rilasciare film in un’epoca in cui il ritorno al cinema è incerto, la mossa ha senso. Inoltre, i dirigenti di WarnerMedia ti diranno che sono ancora impegnati per le versioni cinematografiche, puntando a Principioè il rilascio. Altri nel settore lo indicheranno Principio come motivo per la mossa HBO Max.

Mentre Sony potrebbe vendere un titolo a uno streamer – la società ha venduto i prodotti di Tom Hanks Levriero ad Apple all’inizio di quest’anno per $ 70 milioni – CEO Tony Vinciquerra detto CNBC l’azienda rimane impegnata in versioni più tradizionali.

“Il vero vantaggio è stato il numero di chiamate in arrivo da talenti che ci hanno detto: ‘Vogliamo fare affari con te perché sappiamo che sei un distributore e produttore teatrale”, ha detto Vinciquerra. “In realtà ha funzionato molto bene per noi.”

Un motivo importante per cui Vinciquerra può impegnarsi nei cinema è perché Sony Pictures non ha un servizio di streaming importante. Pertanto, i suoi successi continueranno come esclusive teatrali prima di passare ad altre piattaforme (rivenditori digitali e cavo). Ci sono alcuni vantaggi che Sony sta riscontrando nel momento di cambiamento del settore. I dirigenti vogliono un periodo di uscita più flessibile, idealmente considerando l’esclusività di 30 giorni nelle sale. Attualmente, la maggior parte dei film viene riprodotta nelle sale esclusivamente per un massimo di 90 giorni.

Come altri CEO, Vinciquerra vuole la possibilità di mantenere un film nelle sale per un periodo di tempo più breve se non si esibisce allo stesso modo, pur mantenendo i film ad alto incasso (pensa Uomo Ragno) nelle sale il più a lungo possibile. A differenza di altri dirigenti di aziende come Disney e WarnerMedia, tuttavia, Vinciquerra non deve nemmeno preoccuparsi di far crescere un servizio di streaming (Sony invece vede un grande ritorno finanziario nelle licenze dopo i film arrivano sul mercato interno), dando a Sony spazio per essere lo studio che effettivamente possibile impegnarsi a mantenere i suoi film nelle sale.

Con WarnerMedia che offre alle persone negli Stati Uniti la possibilità di trasmettere in streaming a casa e Disney che sposta alcuni dei suoi titoli in esclusiva su Disney Plus, Sony ha più spazio sul calendario per capire dove eliminare il suo numero minore di blockbuster per generare il maggior numero di entrate. Avere più libertà all’interno del calendario è particolarmente importante nel 2021, quando attualmente è in programma un blockbuster praticamente ogni settimana. Cercare di trovare un fine settimana più vuoto per il debutto di un film – uno che potrebbe avere spazio per trovare un pubblico per settimane – diventa un po ‘più facile e potrebbe aiutare con le trattative contrattuali.

“Quando siamo usciti [Once Upon a Time in Hollywood], Lo sapevo con un anno di anticipo, perché era la seconda settimana di Re Leone, questo è assolutamente positivo [Once Upon a Time] non aprirà al numero uno “, ha detto Tom Rothman, presidente della Sony Pictures The Hollywood Reporter alla fine del 2019. “E la conversazione che abbiamo avuto con i registi è stata: ‘Anche se avremo la tua più grande apertura di sempre, ti prometto che non sarai il numero uno. Ma ti prometto anche che è un gran giorno per il film “.

Niente di tutto questo significa che Sony diventerà improvvisamente il più grande studio del mondo, o l’unico posto in cui i registi vogliono lavorare. Man mano che cambiano i metodi di distribuzione, cambiano anche i contratti. Quando il mondo entrerà in una fase post-pandemia e le persone si avventureranno a guardare film, Disney e Warner Bros. probabilmente domineranno ancora una volta il botteghino. Nel 2019, la Disney ha accumulato 13,15 miliardi di dollari al botteghino globale, che rappresentano oltre il 50 percento della quota di mercato. Warner Bros. è arrivata seconda con $ 4,4 miliardi e Sony è rimasta indietro con $ 3,5 miliardi.

Ciò che significa l’impegno di Sony, tuttavia, è che lo studio ha un enorme vantaggio con registi come Christopher Nolan e Duna il regista Denis Villeneuve, entrambi i quali hanno pubblicamente criticato la mossa di WarnerMedia. Disney, WarnerMedia e, in una certa misura, NBCUniversal devono considerare le loro piattaforme di streaming costose e brillanti che necessitano di nuovi contenuti costanti, mentre Sony no.

Netflix si è tuffato nelle uscite cinematografiche (soprattutto per la considerazione dei premi), ma il suo pubblico principale è a casa. Amazon Studios ha fatto un passo di ritorno dalle uscite cinematografiche al fine di concentrarsi sugli abbonati Amazon Prime. Apple rimane un punto interrogativo: l’azienda da un trilione di dollari si impegnerebbe per una finestra cinematografica di 40 giorni se significasse lavorare con i migliori talenti, prima di spostare i titoli sulla sua piattaforma Apple TV +? Sembra una possibilità definita.

Sony sta scommettendo sui teatri e sul talento per guidare la propria attività. Non è una novità, ma poiché altre società si concentrano sullo streaming, sembra particolarmente degno di nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *