Recensione Game Gear Micro: peak Sega


Il Game Gear Micro è una console portatile come arte performativa.

Venendo dal retro dell’eccellente Genesis Mini, Sega aveva due scelte quando si trattava di far rivivere il Game Gear, il suo contemporaneo sistema portatile a 8 bit. Potrebbe produrre un altro dispositivo generoso e accessibile che funziona bene e ha un bell’aspetto su uno schermo moderno. Oppure potrebbe fare qualcos’altro.

Sega essendo Sega, ha fatto qualcos’altro. L’esclusiva per il Giappone Game Gear Micro non è una console ma quattro, ciascuna con quattro giochi. Ogni modello ha uno schermo delle dimensioni di un francobollo. E mentre Sega fornisce un’opzione conveniente per farti giocare con una lente d’ingrandimento letterale, l’unico modo per ottenerlo è acquistare tutte e quattro le console per circa $ 200.

Questa è, ovviamente, una proposta assurda da parte dei consumatori. Ma i fan nostalgici di Sega nel 2020 non sono consumatori normali. Se sei il tipo di persona che ha comprato componenti aggiuntivi in ​​plastica 32X e Sega CD non funzionanti per Genesis Mini, adorerai Game Gear Micro. È un prodotto deliziosamente stupido che è stato progettato con passione.

Il Game Gear Micro ha un compito, ed è quello di gridare “Sega” ad alta voce usando quattro piccoli gadget di plastica come un megafono. La maggior parte delle persone probabilmente non vuole sentirlo. Ma fa bene il lavoro.

Il Game Gear Micro porta l’idea di una mini console retrò nella direzione più estrema mai vista. A 80 x 43 mm, ha all’incirca le dimensioni di un’auto Matchbox. Una parte enorme del volume del dispositivo è occupata dalle due batterie AAA che lo alimentano, anche se, per fortuna, durano un po ‘più a lungo dell’originale Game Gear.

L’attenzione ai dettagli è impressionante, con iscrizioni e colori accurati su tutti e quattro i modelli, e Sega è persino riuscita a trovare spazio per un jack per cuffie in modo da poter provare l’audio di Game Gear in un glorioso stereo. C’è anche una porta Micro USB per farti giocare senza batterie e un quadrante per regolare il volume dell’altoparlante mono, che diventa piuttosto alto.

Non considererei il Game Gear Micro il più grande dispositivo di input per videogiochi al mondo, ma considerando che il D-pad circolare è più piccolo di un centesimo, è notevolmente utilizzabile. I pulsanti di azione 1 e 2 sono un po ‘traballanti, ma sono così piccoli che è difficile non premerli con precisione.

Lo schermo è sorprendentemente buono per qualcosa delle dimensioni di un cornflake. Con un diametro di 1,15 pollici e una risoluzione di 240 x 180, la densità dei pixel è molto nitida; questa non è esattamente la stessa risoluzione dell’originale Game Gear, ma il ridimensionamento sembra a posto. È molto luminoso e anche il contrasto e gli angoli di visualizzazione sono più che solidi, non che sarebbe davvero pratico per più di una persona vedere lo schermo contemporaneamente.

I giochi non sono ingiocabili sul display minuscolo – in realtà ho trovato molto più facile di quanto mi aspettassi vedere cosa stava succedendo – ma è ancora più a suo agio con la resurrezione di dimensioni micro di Sega del suo vecchio accessorio di ingrandimento a clip Game Gear, il Grande finestra. L’immagine risultante rimane più piccola di quella che otterresti con il già minuscolo Game Boy Micro di Nintendo, ma ogni piccola cosa aiuta. È un peccato che Sega non stia vendendo il Big Window Micro separatamente, ma la società lo considera più un bonus che un accessorio essenziale.

Avrei preferito un mini Game Gear con uno schermo più grande e tutti i 16 giochi precaricati su un’unica unità? Bene sì. Credo di si. Ma posso capire perché Sega ha fatto le cose in questo modo. Le singole unità da $ 50 hanno un senso come una curiosità o un acquisto d’impulso, mentre il set completo piacerà ai collezionisti ed è presumibilmente ciò che giustificherà il progetto in primo luogo. Dubito che Sega possa addebitare molto più di $ 50 per un singolo Game Gear Micro, indipendentemente da molti giochi inclusi.

Il Game Gear non era un sistema di grande successo. È stato uno dei tanti sfidanti cancellati dal Game Boy e la sua libreria è piuttosto limitata. Ci sono molti modi per giocare ai giochi Game Gear, se lo desideri davvero, sia tramite la console virtuale 3DS o mezzi meno ufficiali come gli innumerevoli palmari open source disponibili. Sfortunatamente, probabilmente non ci sarebbe molto mercato per un mini Game Gear convenzionale.

Personalmente, mi piace quello che ha fatto Sega qui. È un prodotto così strano e incredibile che posso vedere i fan più accaniti di Sega che vogliono almeno sceglierne uno. La domanda è quale scegliere.

  • Il modello nero è il più mainstream dei quattro, arriva nella più comune colorazione Game Gear e include tre giochi classici, insieme a Pietra reale, un gioco di ruolo strategico che non è mai stato pubblicato in inglese. Ma Sonic il riccio, OutRun, e Puyo Puyo 2 sono tutti facilmente giocabili per gli importatori e rappresentano alcuni dei più grandi franchise di Sega dell’epoca. Vale quasi la pena provare questo modello solo per ascoltare la versione Game Gear di OutRun colonna sonora.
  • Il modello blu è il mio preferito. Esso ha Sonic & Tails (Sonic Chaos fuori dal Giappone), che è uno dei migliori Game Gear Sonic titoli, così come il fantastico port a 8 bit di Treasure’s Gunstar Heroes. Adoro l’originale, ma non avevo mai giocato a questa versione, ed è stato fantastico vedere come fosse stipata nell’hardware di Game Gear. Semmai, vederlo sul Micro lo ha reso ancora più impressionante. C’è anche Baku Baku Animal, un divertimento Puyo puyorompicapo in stile su come allineare il cibo per gli animali da mangiare e Sylvan Tale, a Zeldain stile action-adventure che potrebbe essere difficile da giocare senza la conoscenza della lingua giapponese.
  • Devo ammettere che non ho passato molto tempo con il modello giallo. Tre dei suoi giochi provengono dal Forza splendente serie RPG tattico, che sarebbe una proposta densa anche in inglese su uno schermo come questo. L’ultimo è un ibrido puzzle / RPG esclusivo per il Giappone chiamato Nazo Puyo Arle no Roux. È un peccato perché mi piace la combinazione di colori, ma è difficile immaginare qualcuno se non estremamente dedito Forza splendente i fan sprofondano ore in questo.
  • Il modello rosso ha anche alcuni giochi che non saranno molto accessibili per la maggior parte degli importatori, vale a dire due L’ultima Bibbia spin-off di Megami Tensei Serie di giochi di ruolo. Ma ottieni anche la versione di Game Gear tecnicamente impressionante (ed estremamente difficile) di Shinobi, così come il classico puzzle rompi blocchi Colonne. E l’hardware rosso è fantastico.

Se hai intenzione di importarne uno, penso che la maggior parte dei giocatori fuori dal Giappone farebbe meglio a procurarsi i modelli neri o blu. O forse quello rosso se sono davvero bravi Shinobi.

Il software di sistema è molto semplice. C’è una schermata iniziale di Game Gear quando lo accendi, una schermata iniziale con quattro icone di gioco e un menu di opzioni che contiene poco più di crediti del personale, informazioni sulla licenza open source e la possibilità di ripristinare i dati di sistema. Gli unici dati da ripristinare sono i file dello stato di salvataggio, che puoi utilizzare tenendo premuto il pulsante di avvio nel gioco.

L’emulazione è gestita da M2, lo sviluppatore con cui Sega lavora spesso su progetti di giochi retrò come Mega Drive Mini e la serie 3D Classics per Nintendo 3DS. La funzionalità è piuttosto scarna, ma ci sono alcuni tocchi accurati come una varietà di schermi a tema Sega che compaiono quando la batteria si scarica troppo.

Alcuni dei giochi stessi sono stati ottimizzati per il sistema. M2 era in realtà lo sviluppatore dietro Gunstar Heroes per il Game Gear, ad esempio, e ha aggiunto un uovo di Pasqua dove puoi attivare una tecnica di sfarfallio che il team aveva originariamente progettato per lo schermo sfocato del Game Gear. Altri giochi avevano modalità facili o codici cheat programmati. M2 è uno dei migliori studi al mondo per far rivivere i giochi e aggiornarli in modi che non compromettono l’esperienza originale, e Game Gear Micro è un altro buon esempio.

Il Game Gear Micro è chiaramente un prodotto assurdo. Ma è anche una celebrazione affascinante e accattivante della storia di Sega. Nessuno giocherà fino a tre completi Forza splendente giochi su questa cosa, ma il punto è che tu poteva. L’hardware è adorabile e il fatto che i giochi funzionino davvero bene è quasi un bonus.

Ma è anche estremamente di nicchia, per non parlare del costoso e dispendioso se vuoi l’intero set. È oggettivamente sciocco acquistare la stessa console quattro volte per giocare a 16 giochi portatili a 8 bit. Mi aspetto che la maggior parte dei fan occasionali di Sega con un interesse ad esplorare la libreria di Game Gear scriverà l’intero progetto come una cinica presa di denaro, il che sarebbe comprensibile.

Perché qualcosa sia una cinica presa di denaro, però, deve essere, beh, cinica. Il Game Gear Micro non è quello. È un progetto di passione consapevole di sé sviluppato con cura e qualità fino al limite. Supportare Sega attraverso la storia è come sostenere una cattiva squadra di calcio: assaporare il fallimento perpetuo è quasi parte dell’appello. E cosa potrebbe esserci di più simile a un Sega di una ri-creazione generosamente sottodimensionata di un sistema portatile guasto che era meglio conosciuto per mangiare le batterie che per giocare a buoni giochi?

Il Game Gear Micro è il picco Sega. È difficile immaginare un dispositivo meno essenziale. Ma se c’è un posto per Sega nel tuo cuore, dovresti considerare di metterne le mani su uno … o due.

Fotografia di Sam Byford / The Verge



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.