Questo è lo Spatial Reality Display di Sony e puoi acquistarne uno per $ 5.000 a novembre


Due giorni fa, ho ricevuto una gigantesca zeppa di metallo pesante da Sony. Il lato più grande conteneva una fotocamera e uno schermo 4K da 15,6 pollici.

L’ho collegato a un potente computer da gioco e ho avviato la prima demo. Un minuscolo Volkswagen Atlas dai dettagli intricati si è materializzato davanti al mio viso e quando ho premuto un pulsante è fluttuato verso l’alto su dello schermo. Un paio di minuti dopo, stavo guardando una ragazza anime alta 4 pollici ballare a squarciagola dentro L’aggeggio di Sony, che batteva i piedi su un pavimento di specchi esagonali. È la magia del 3D stereoscopico.

Il cuneo è il nuovo Spatial Reality Display di Sony, e non è neanche lontanamente un’idea nuova: è solo l’ultimo tentativo del settore di costruire un cosiddetto “display olografico” per i creatori di contenuti del mondo che vorrebbero vedere i loro oggetti digitali e i disegni appaiono nel loro spazio fisico. Né è il meno costoso a $ 5.000: uno specchio 4K da 15,6 pollici costa $ 3.000 e consente a più persone di vedere quelle immagini contemporaneamente.

Ma Sony afferma che la combinazione di una fotocamera ad alta velocità per il rilevamento del viso e degli occhi, algoritmi in tempo reale e lenti lenticolari estremamente fini e regolate con precisione fornisce un’immagine più chiara rispetto a qualsiasi display precedente. E anche se non ho un concorrente da provare fianco a fianco, e in realtà non posso mostrarti alcun esempio sullo schermo del tuo computer 2D, le demo di Sony sono state per lo più piuttosto impressionanti.

Un video in primo piano che ho girato mentre spostavo il telefono, solo per mostrare come le lenti lenticolari forniscano prospettive diverse per ciascun occhio.
GIF: Sean Hollister / The Verge

Devo ammetterlo, l’illusione è facile da rompere. Stai guardando un diorama virtuale di circa 13 “per 6” per 5 “secondo le mie stime, e qualsiasi oggetto virtuale più profondo o più alto di quello verrà semplicemente tagliato dai bordi del display. Se ti inclini troppo vicino o troppo lontano da qualsiasi lato, la fotocamera di Sony non può seguirti e l’effetto 3D può contrarsi e scomparire. L’immagine si è contratta anche quando mia moglie ha cercato di dare un’occhiata al mio fianco. Forse la fotocamera non riesce a tenere il passo con più persone.

Ma queste limitazioni non mi hanno impedito di contare ogni ciottolo in una bella scena da bistrot, sbirciando nel ristorante con le sue minuscole sedie e tavoli di legno – ognuno con i propri braccioli metallici curvi e singole doghe – ammirando dettagli come i cesti di piante appesi i lampioni e le file di luci colorate che attraversano la strada, e quasi sporgendoti abbastanza da vedere attraverso l’arco a destra.

Le immagini piatte non gli rendono giustizia. Immagina se questo fosse un diorama di fronte a te.
Foto: Sean Hollister / The Verge.

Più tardi, ho potuto ammirare un Ghostbusters Ecto-1 in tutto il suo splendore, con un interno completo, volante a doppia corona, un sacco di luccicanti maniglie cromate e finiture che riflettono una fonte di luce in tempo reale e 31 luci completamente funzionanti tra cui i suoi lampeggiatori rotanti e le luci posteriori a razzo. Quella demo (e il display) sono anche compatibili con il Leap Motion per il controllo dei gesti 3D, anche se l’ho trovato un po ‘permaloso.

Personalmente, penso già che si possa avere un’idea molto migliore degli oggetti virtuali con un buon visore VR rispetto a uno schermo come questo, ma Sony afferma che il suo pubblico di destinazione voleva un monitor fisso che potesse vivere sulla loro scrivania.

La maggior parte delle demo sono state realizzate in Unity, anche se Sony afferma di avere un SDK sia per Unity che per Unreal e afferma che dovrebbe essere facile trasferire i contenuti VR da entrambe le piattaforme. L’azienda afferma che il display 4K da 500 nit supporta il 100 percento della gamma di colori Adobe RGB e, sebbene Sony consiglia almeno un Intel Core i7-9700K e una Nvidia GeForce RTX 2070 Super o superiore per guidare il display, viene fornito con il suo proprio sistema di altoparlanti 2.1 integrato che diventa abbastanza rumoroso (e ha pulsanti del volume dedicati sul bordo superiore).

Sony afferma di aver già seminato il nuovo display con ingegneri di aziende come Volkswagen, cineasti come la sua acchiappa fantasmi studio Ghost Corps, e anche “uno dei più grandi studi di architettura del mondo”. Ma l’azienda non vuole limitare la potenziale adozione ai partner: aprirà le vendite dirette a chiunque ne desideri una sul proprio sito web a novembre.

Puoi usarlo come un monitor piatto in un pizzico, ma le lenti lenticolari lo fanno sembrare abbastanza a bassa risoluzione in questo modo.
Foto: Sean Hollister / The Verge

Puoi anche iscriviti per partecipare a una demo virtuale il 22 ottobre alle 15:00 ET, anche se non riesco a immaginare che possa davvero aiutarti a prendere una decisione su un display che devi vedere in 3D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *