Recensione Razer Blade Pro 17: grande, audace e potente


Il Razer Blade Pro 17 è tutt'altro che un Ultrabook. Pesa poco più di sei libbre e vanta uno schermo da 17 pollici, un processore della serie H e una GPU RTX di fascia alta.

Ma ha un'atmosfera da Ultrabook. Come le sue controparti più piccole della linea Blade, il Pro 17 è chic e professionale, privo delle campane e dei fischietti che potresti aspettarti di vedere su un grande laptop da gioco. Il telaio è tutto nero e tutto in alluminio, con il logo Razer che aggiunge un elegante tocco di verde al coperchio. La tastiera, sebbene colorata, è elegante e discreta.

Ma gli interni sono dove il Pro 17 si distingue davvero dai suoi fratelli. Questa cosa ha una potenza notevole, imballata con un Intel Core i7-10875H a otto core e GeForce RTX 2080 Super Max-Q di Nvidia. Quelli non sono economici: le configurazioni partono da $ 2.599. E non forniscono i migliori risultati di gioco in assoluto sul mercato – quelli arriveranno comunque da sistemi ancora più grandi con un raffreddamento migliore. Ma è ancora la scelta migliore per i giocatori che cercano una macchina portatile e professionale.

Un paio di cose da notare, però, se ti trovi in ​​quella fascia demografica. In primo luogo, mentre il Blade sembra più una workstation premium che un laptop da gioco stereotipato, ha ancora una durata della batteria del laptop da gioco. (Ho ottenuto circa due ore e mezza di produttività dal dispositivo e 53 minuti di gioco. Anche tra i laptop da gioco, questo è … beh, non eccezionale.) In secondo luogo, non è molto spesso per un impianto di gioco (0,78 pollici di spessore ), ma a 6,06 libbre, non è ancora banale da portare in giro (e anche il caricabatterie è pesante). In breve: il Pro 17 è abbastanza portatile da poter essere trasportato facilmente tra le stanze della tua casa, ma, come spesso accade con i sostituti del desktop, non è la scelta giusta se stai cercando di giocare durante i tuoi spostamenti.

Il Razer Blade Pro 17 si apre su un tavolo dalla parte anteriore.

Lo slot M.2 supporta SSD SATA e PCIe.

In termini di ingressi, il Pro 17 ha una tastiera retroilluminata con illuminazione RGB per tasto. I tasti sono un po 'superficiali ma offrono un clic ragionevole. Razer ha finalmente esteso il tasto Maiusc e spostato tutti e quattro i tasti freccia sotto di esso; I precedenti modelli Blade schiacciavano la freccia in alto a sinistra di Shift, rendendo facile intaccare accidentalmente quello sbagliato. Il Pro 17 non ha un tastierino numerico, come molti laptop da 17 pollici (e anche alcuni 15 pollici). Ciò dà alla tastiera più spazio, ma significa anche che potrebbe essere necessario rimappare i controlli su alcuni giochi (come ho fatto io in Microsoft Flight Simulator).

Nel software Synapse di Razer, puoi anche abilitare un'elegante modalità di gioco, che mette in evidenza profili colore personalizzati in base al titolo che stai giocando. Ad esempio, W, A, S e D sono diventati gialli brillanti mentre correvo Overwatch.

Il touchpad del Blade non è certamente la sua caratteristica più importante, dal momento che molte persone useranno probabilmente un mouse. Ma se sei curioso, va anche bene e abbastanza spazioso.

Il Razer Blade Pro 17 dal lato destro.

Tutte le porte USB supportano USB 3.2 Gen 2.

Il Razer Blade Pro 17 si apre su un tavolo dal lato sinistro.

Wi-Fi 6 e una porta Ethernet da 2,5 Gb.

L'ampia selezione di porte del laptop significa che puoi potenzialmente collegare fino a tre display esterni. Sono presenti tre porte USB 3.2 Gen 2 Type-A, una USB 3.2 Gen 2 Type-C, una Thunderbolt 3, una Ethernet, una porta di alimentazione, una HDMI e uno slot per schede SD UHS-III, oltre a un blocco Kensington . Puoi caricare il Blade tramite USB-C, ma Razer consiglia di restare con il suo mattone, poiché il laptop potrebbe caricarsi lentamente o non caricarsi affatto se lo si utilizza con un adattatore a bassa potenza.

La caratteristica principale qui, tuttavia, è il display. Il Pro 17 può essere fornito con uno dei due schermi: uno schermo da 300 Hz con risoluzione 1920 x 1080 o un display touch da 120 Hz con risoluzione 3840 x 2160. Ho testato la configurazione a 300Hz. L'elevata frequenza di aggiornamento e la risoluzione inferiore significano che questo pannello è davvero pensato per i giochi: se stai cercando di fare un lavoro creativo serio, quest'ultimo schermo è un'opzione migliore. (Anche il display 1080p non è il più luminoso in circolazione, raggiungendo un picco di soli 319 nits nei miei test.) Tuttavia, i giochi sembravano piuttosto buoni: ho visto poco abbagliamento e quasi nessun ghosting.

All'interno, il mio modello di test ha un Core i7-10875H a otto core, 16 GB di RAM a doppio canale (aggiornabile a 64 GB), un SSD da 512 GB e uno slot M.2 aperto (aggiornabile a 2 TB) e GeForce RTX 2080 Super Max di Nvidia -Q scheda grafica. Quella configurazione è $ 3.199. Il modello base costa $ 2.599 – l'unica differenza è che ha un RTX 2070 Max-Q invece del 2080. L'opzione touchscreen è $ 3.799 e viene fornito con un SSD da 1 TB (aggiornabile anche a 2 TB). Tutti i modelli hanno una batteria da 70,5 Wh e vengono spediti con un mattone da 230 W.

Il coperchio del Razer Blade Pro 17

Il telaio è largo solo 15,55 pollici.

Il Razer Blade Pro 17 mezzo aperto dal lato destro.

Razer ha aggiunto due ventole per un ulteriore raffreddamento.

Razer ha integrato una nuova camera di vapore nel Blade, che si dice raffredda il laptop in modo più efficiente rispetto ai tradizionali tubi di calore. Ci sono anche prese d'aria nascoste nella cerniera per pompare fuori l'aria: sono rivolte verso lo schermo, quindi non le vedrai a meno che tu non stia guardando il laptop dall'alto. Potevo sicuramente sentire il sistema al lavoro; i fan erano udibili dall'altra parte della stanza anche quando stavo navigando sul web. (Gli altoparlanti stereo, sebbene nella media per gli altoparlanti dei laptop, sono abbastanza potenti da poter comunque ascoltare l'audio dei tuoi giochi perfettamente.)

Il loro lavoro non era abbastanza per evitare che lo chassis si surriscaldasse: la tastiera e i poggiapolsi di solito erano tostati sotto le mie mani, anche quando stavo rimbalzando tra otto schede Chrome ed eseguivo uno o due download. Il fondo era spesso abbastanza caldo da non poter utilizzare il laptop sulle ginocchia. Ma i fan svolgono il compito più importante di evitare che i chip friggano: durante alcune ore di gioco, la CPU non si è mai rotta di 90 gradi Celsius.

Un utente digita sulla tastiera del Blade Pro 17.

La tastiera produce 16,8 milioni di colori.

Parlando di giochi, questo è il punto centrale del Blade Pro 17 ed è qui che brilla il laptop. È stato in grado di funzionare Microsoft Flight Simulator su impostazioni ultra (il massimo) a una media di 53 fotogrammi al secondo. Quel gioco ha cucinato anche alcuni sistemi desktop decenti, quindi 53 fps è impressionante per un laptop, specialmente uno così sottile e leggero. Abbassa un paio di impostazioni e supererai facilmente 60.

L'RTX 2080 ha anche dimostrato di essere in grado di gestire il ray tracing. Sopra Shadow of the Tomb RaiderLe impostazioni più alte, con il tracciamento attivo, il Blade ha una media di 95 fps. Entrambi i giochi sono stati un'esperienza fluida ed è difficile non essere immersi quando li si gioca su uno schermo così grande. I titoli più delicati hanno facilmente superato i 100 fps con le impostazioni massime. Il Blade Pro 17 ha registrato una media di 129 fps Overwatch, 139 fps sopra Fortnite, 168 fps su Apex Legendse 231 fps CS: VAI.

Questa configurazione Blade 1080p non è ciò che compreresti per il lavoro creativo, ma ha fatto un ottimo lavoro anche con quello, completando l'esportazione di un video 4K di cinque minuti e 33 secondi in soli due minuti e 44 secondi. Questo è paragonabile al risultato ottenuto dal Gigabyte Aero 15, progettato per il lavoro creativo. Il Dell XPS 17 ha impiegato circa quattro minuti per completare la stessa attività.

Il touchpad e la tastiera del Razer Blade Pro 17 dall'alto.

Il touchpad in vetro supporta gesti di precisione.

Questi risultati sono vicini al picco di laptop da gioco. Hanno battuto alcuni grandi impianti che abbiamo testato, tra cui la precedente generazione di Alienware Area 51m e più sottili 17 pollici come l'MSI GS75. Se hai bisogno di risultati molto migliori di quello, guarderai sistemi con un Core i9 e un raffreddamento ancora più elaborato. Sto parlando di GT76 Titan di MSI e Aorus 17X di Gigabyte: cose molto più spesse e pesanti che richiedono più mattoni di alimentazione. Ma se stai cercando un laptop da gioco da 17 pollici abbastanza sottile che puoi portare in giro per casa senza troppe difficoltà, Blade Pro 17 è quanto di più buono possibile.

Ovviamente, questo non significa che sia l'unica opzione. È ancora piuttosto costoso e se non hai bisogno di uno schermo così grande, puoi ottenere ottimi risultati di gioco da qualsiasi numero di macchine da 15 pollici più convenienti. Se vuoi qualcosa da usare mentre sei in giro, molti 17 pollici come il GS75 e l'Alienware m17 R2 possono contenere più succo (e se sei disposto a considerare un 14 pollici, l'Asus Zephyrus G14 durerà tu tutto il giorno). Ma non c'è un'altra opzione che possa offrire questa combinazione di prestazioni, portabilità e aspetto.

Il Blade Pro 17 non è senza compromessi e non è proprio il meglio del meglio, ma è il meglio del portatile, il migliore premium.

Fotografia di Monica Chin / The Verge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *