Come l'amministrazione Trump potrebbe "vietare" TikTok


Sembra che l'amministrazione Trump stia considerando un divieto per le app di social media cinesi, inclusa la popolare app di video TikTok. Il segretario di Stato Mike Pompeo ha menzionato la possibilità il 7 luglio, dicendo che era "qualcosa che stiamo guardando" in un'intervista della Fox News a Laura Ingraham – e il 31 luglio il presidente Trump ha detto ai giornalisti a bordo dell'Air Force One che aveva pianificato di vietare personalmente l'app usando la propria autorità, invece di forzare potenzialmente il suo proprietario cinese a disinvestirla.

I commenti avrebbero potuto facilmente essere bluster. Ma Pompeo ha anche paragonato TikTok a Huawei e ZTE, due società che hanno subito conseguenze molto reali dopo aver attirato l'ira del governo degli Stati Uniti. Con l'aumento della tensione tra gli Stati Uniti e la Cina, Trump che cerca di vietare TikTok non è fuori discussione – e sebbene non sia così semplice come Trump, Pompeo e Ingraham lo fanno sembrare, potrebbe comunque causare problemi alla società e ai suoi utenti .

I divieti di app più intensi si verificano a livello di rete, bloccando qualsiasi comunicazione tra i server di destinazione e gli utenti nel paese. Questo è l'approccio adottato dal Great Firewall cinese ed è il modo in cui l'India applica il suo divieto TikTok recentemente implementato. (L'Australia, che sta prendendo in considerazione un divieto simile, probabilmente avrebbe adottato lo stesso approccio.) Ma la legge americana non ha precedenti per bloccare il software in quel modo, quindi sembra improbabile che la Casa Bianca sia in grado di farcela tipo di censura della rete pesante.

Pompeo ha confrontato i piani dell'amministrazione TikTok con la repressione di Huawei e ZTE, che includeva il blocco dei contratti governativi. È vero che TikTok è stato bandito dai telefoni di lavoro di molti impiegati governativi, compresi membri delle forze armate statunitensi, e alcuni legislatori stanno spingendo per una restrizione ancora più ampia. Ma Huawei e ZTE hanno venduto componenti ad operatori di telecomunicazioni che, a loro volta, hanno lavorato con agenzie governative. TikTok è un'app per i consumatori, quindi è una punizione molto meno grave. "Huawei e ZTE sono utilizzati dalle aziende", afferma Samm Sacks, senior fellow presso il Paul Tsai China Center della Yale Law School. "TikTok è utilizzato da così tante persone negli Stati Uniti."

Un obiettivo più probabile è il Comitato per gli investimenti esteri negli Stati Uniti (CFIUS), che supervisiona le fusioni e gli investimenti che coinvolgono società non statunitensi. Lo scorso anno CFIUS ha avviato un'indagine di sicurezza nazionale su TikTok, citando preoccupazioni simili a Pompeo, e ci sono prove sufficienti contro la società per costruire un caso plausibile.

TikTok è una consociata della società ByteDance con sede a Pechino e i critici hanno sollevato diversi problemi riguardanti sia le pratiche generali sulla privacy sia i potenziali legami con il governo cinese. Linee guida per la moderazione trapelate critiche scoraggiate verso eventi come le proteste di piazza Tiananmen. Sebbene TikTok affermi che archivia i dati degli utenti americani negli Stati Uniti, sussiste la costante preoccupazione che possa trasmettere informazioni alle agenzie statali cinesi. (TikTok ha ripetutamente negato di condividere le informazioni in questo modo e afferma che le linee guida per la moderazione non vengono più utilizzate.) "Il governo cinese ha una storia di controllo sui nodi del sistema informativo", ha detto Sarah Cook, analista di Freedom House The Verge in un'intervista l'anno scorso.

Se CFIUS decide che la proprietà cinese è un problema, il consiglio potrebbe causare molti problemi a TikTok. Negli ultimi anni, CFIUS ha respinto alcuni piani di fusione e acquisizione di alto profilo, tra cui acquisto di una società cinese dell'app di collegamento gay Grindr, che ha risolto il problema per motivi di sicurezza nazionale. Il consiglio potrebbe fare una ristrutturazione di TikTok in un modo che separa ulteriormente la sua presenza americana da quella cinese, o addirittura fare vendere ByteDance da Musical.ly, una società cinese la cui app americana ha aiutato TikTok a lanciarsi negli Stati Uniti. Tuttavia, non è ancora esattamente un "divieto", e certamente non si generalizza a tutte le app di social media cinesi.

Per togliere davvero TikTok dai telefoni degli americani, il governo dovrebbe fare qualcosa come fare in modo che Apple e Google rompano i loro legami con ByteDance (insieme a qualsiasi altro produttore cinese di app). La rimozione dall'App Store di iOS e dal Google Play Store ridurrebbe notevolmente l'appello di TikTok, anche se si potesse ancora accedervi tramite un'app o un sito Web trasferiti lateralmente. Apple, in particolare, mantiene uno stretto controllo sui dispositivi iOS; la sua politica sull'App Store è così restrittiva da stimolare azioni legali antitrust. Il governo ordinerebbe essenzialmente alle aziende di deplatformare TikTok – e la de-formattazione può essere estremamente potente.

Per fare ciò, l'amministrazione Trump potrebbe ripetere una tattica che ha usato con Huawei: il Dipartimento del Commercio ha messo TikTok sul "Elenco entità" ciò limita i suoi legami commerciali con le società statunitensi. A tal fine, l'amministrazione non ha bisogno dell'approvazione del Congresso e può citare qualsiasi società statunitense che intrattiene rapporti commerciali (salvo esenzioni speciali) per violazione delle sanzioni. L'elenco delle entità ha ha impedito a Google di lavorare con Huawei sui telefoni Android e se TikTok è stato aggiunto correttamente all'elenco, Apple e Google avrebbero difficoltà a tenerli nell'App Store.

James Lewis, direttore della politica tecnologica presso il Center for Strategic and International Studies, afferma che inserire TikTok nell'elenco sarebbe estremo, insolito e giuridicamente dubbio. "Potrebbero sanzionarli, ma di solito la sanzione è legata a violazioni commerciali o spionaggio o proliferazione o furto di proprietà intellettuale. Non puoi semplicemente farlo perché sei arrabbiato con un'azienda ", afferma Lewis. A differenza di TikTok, Huawei sta affrontando effettive accuse penali statunitensi per racket e furti segreti commerciali. Le affermazioni su TikTok sono ancora sospetti, non reclami legali. Anche una causa non correlata per la raccolta illecita di dati sui minori è stata risolta quasi immediatamente.

Trump spesso non si preoccupa troppo del suo ordini siamo lecita. Se emette un ordine esecutivo che pretende di "vietare" TikTok o altre app cinesi, sarà probabilmente contestato immediatamente in tribunale, ma creerà ancora incertezza e danni alla reputazione. La Casa Bianca ci sta già provando avvertire gli investitori di distanza da società cinesi e persino problemi intermittenti di app store rallenterebbero la crescita degli utenti e danneggerebbero le entrate pubblicitarie. E molti utenti potrebbero non rendersi conto che Trump non può chiudere legalmente TikTok, quindi potrebbero abbandonarlo prima ancora che accada qualcosa.

Nessuna di queste opzioni costituirebbe un letterale divieto di TikTok, ovvero un blocco che taglia gli utenti statunitensi fuori dalla rete di TikTok. Simile alle minacce del presidente Trump di chiusura di Facebook e Twitter, La discussione di Pompeo sulla messa al bando di TikTok oscura i veri limiti del potere del governo americano. Anche così, potrebbe prefigurare tentativi veramente preoccupanti di limitare il modo in cui gli americani possono usare Internet.

Aggiornamento, 1 agosto, 12:12 ET: Ha aggiunto che il presidente Trump ora ha personalmente minacciato di vietare l'app usando l'autorità presidenziale.

Correzione: Una versione precedente di questo pezzo si riferiva a Musical.ly come un'app americana ma non notava che la compagnia stessa era cinese. Questo è stato aggiornato per maggiore chiarezza.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.