Gianni Infantino: Svizzera procuratore speciale si apre un procedimento penale contro il presidente della FIFA



Stefan Keller, che è stato nominato come “straordinario ” procuratore”, il 29 giugno 2020 a scrivere una recensione di denunce penali contro i due uomini, ha trovato indicazioni di reato, relative agli incontri.

Infantino, che ha ricoperto la carica di FIFA dal febbraio 2016, ha negato qualsiasi male.

Lauber, che è stato Procuratore Generale dal 2012, ha offerto di dimettersi la scorsa settimana, dopo che un tribunale Federale Svizzero ha concluso ha ricoperto un dietro porte chiuse l’incontro con Infantino nel giugno 2017 e di aver mentito alle autorità di vigilanza, mentre il suo ufficio, indagato per corruzione del mondo che ci circonda organo di governo del calcio.

Il 54-year-old Lauber ha negato la menzogna e ufficialmente rassegnato le dimissioni martedì.

In una dichiarazione alla CNN, in Svizzera, l’Ufficio del Procuratore Generale (MPC) ha detto che aveva preso nota del suo sviluppo e ha detto Lauber vorresti fare dichiarazioni di commissioni parlamentari, se necessario.

Il 50-year-old Infantino è stato rieletto per un secondo mandato come presidente di calcio internazionale di organo di governo nel giugno del 2019 aver eseguito incontrastato.

La FIFA ha riconosciuto la decisione della Svizzera Federale Speciale per il Pubblico Ministero in apertura dell’inchiesta e ha detto di voler cooperare pienamente.

“Come Presidente della FIFA, è stato il mio obiettivo fin dal primo giorno, e rimane il mio obiettivo, per assistere le autorità di indagare cattive azioni commesse in passato a FIFA,” Infantino ha detto giovedi.

“FIFA funzionari hanno incontrato i procuratori in altre giurisdizioni in tutto il mondo proprio per questi scopi. Le persone sono stati condannati e condannati, grazie per la FIFA la cooperazione, e in particolare negli Stati Uniti d’America, dove la nostra collaborazione si è concretizzata in oltre 40 condanne penali.

“Pertanto, non posso che essere pienamente solidale del processo giudiziario, e FIFA rimane disposti a cooperare pienamente con le autorità Svizzere per questi scopi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.