Italia “camminando una linea sottile’ sul coronavirus infezioni | Italia


L’italia fu la prima nazione Europea per essere inghiottito da coronavirus, ma la prospettiva di un altro blocco telai in alcuni dei suoi vicini, il paese è riuscito a evitare una recrudescenza di infezioni. Almeno finora.

Tre esperti, che ha parlato a the Guardian mettere questo giù per buon contatto e di sorveglianza-tracing, così come la maggior parte della popolazione diligentemente seguenti norme di sicurezza, con molte persone che indossano maschere per il viso al di fuori, anche se non è obbligatorio.

Il 4 Maggio, quando l’Italia ha iniziato allentamento blocco restrizioni, più di 1.200 nuovi casi sono stati segnalati in un giorno. Dal 1 ° luglio, l’aumento è stato relativamente statico, raggiungendo un massimo di 306 del 23 luglio, e cadere a 181 martedì. Diversi coronavirus cluster sono emerse in tutto il paese, ma questo è stato principalmente a causa di infezioni importate dall’estero.

Nel frattempo, la Spagna, la Francia, la Germania e il Belgio potrebbe essere sull’orlo di una seconda ondata dopo un forte aumento nel numero di casi.

“Siamo stati particolarmente attenti,” Walter Ricciardi, consigliere al ministero della salute il coronavirus scoppio, ha detto. “Non abbiamo riaprire le scuole, come hanno fatto in Francia … siamo stati attenti a contatto-analisi e sono riusciti a mantenere una buona catena di comando e di coordinamento per limitare cluster di epidemie.”

La situazione al di là dei confini italiani è stato uno dei motivi per cui il primo ministro dell’Italia, Giuseppe Conte, martedì esteso il paese lo stato di emergenza fino al mese di ottobre, nonostante il forte calo del tasso di infezione. Questo significa che egli continuerà ad avere il potere di imporre un blocco e altre misure di sicurezza senza bisogno dell’approvazione del parlamento europeo.

Il primo ministro italiano, Giuseppe Conte, nel corso di un dibattito al senato.
Il primo ministro italiano, Giuseppe Conte, nel corso di un dibattito al senato il martedì Covid-19 di pianificazione. Fotografia: Antonio Masiello/Getty Images

“Il contagio è in calo, ma i numeri dimostrano che il virus continua a circolare, dando luogo a focolai a livello locale che sono stati individuati e contenuti,” Conte ha detto al senato. “La situazione internazionale resta preoccupante e che cosa sta accadendo in paesi a noi vicini ci obbliga a essere vigile.”

Nonostante incontri al di fuori di bar e spiagge affollate, per la maggior parte allontanamento fisico e l’uso di maschere per il viso sono stati ampiamente rispettati. I leader regionali hanno agito rapidamente contro chi non conformi. In Campania, persone intrappolate, senza una maschera in spazi chiusi rischio di 1.000 €di multe, mentre coloro che non rispettano regole di quarantena in Veneto viso pesanti multe o carcere.

“Gli italiani prendono la loro salute molto serio”, Ricciardi, ha detto. “Se si guardano i dati internazionali per portatori delle maschere, il 90% delle persone in Italia indossare uno, tra i più alti al mondo, e questo aiuta. Stiamo reagendo bene perché ci stiamo comportando bene. Quindi per ora, ci stiamo riuscendo, ma la cosa più importante è continuare a prestare molta attenzione, soprattutto per i casi importati.”

L’italia ha vietato arrivi da 16 paesi considerati ad alto rischio, tra cui il Bangladesh, Brasile, Cile, Perù e Kuwait, e dal momento che la scorsa settimana ha richiesto le persone di ritorno dalla Romania e dalla Bulgaria in quarantena per 14 giorni. La quarantena è già in atto per non UE e non-Schengen.

Gloria Taliani, un medico di malattie infettive in Emilia-Romagna, città di Piacenza, ha detto che l’alto numero di test effettuati, compresi coloro che sono stati ricoverati in ospedale per qualsiasi motivo, o per visitare un pronto soccorso, ha contribuito a limitare la diffusione dell’infezione.

“Questo ha contribuito non solo a evitare le epidemie ospedaliere, ma per identificare l’origine dell’infezione,” ha detto. “Ma abbiamo ancora bisogno di essere molto cauti – fisico allontanamento, maschere e frequente lavaggio delle mani, queste sono le regole fondamentali.”

Italia subito una brutale prima ondata della pandemia, il virus finora uccidendo più di 35.000 persone. Il giorno peggiore è stato il 27 Marzo, quando 919 decessi sono stati segnalati. Martedì, ci sono stati 11 morti. In tutto il paese, 40 persone sono attualmente in terapia intensiva con Covid-19, giù da più di 4.000 i primi di aprile. L’età media di quelli infettati negli ultimi 30 giorni è 42, secondo i dati dell’istituto superiore di sanità.

Fabrizio Pregliasco, un virologo dell’Università di Milano, ha detto che l’Italia era in un “limbo” e che, forse, la stabilità è stata semplicemente che fino a un po ‘ di buona fortuna.

“Per ora le cose stanno andando bene, ma stiamo camminando una linea sottile”, ha avvertito. “Questa situazione di stabilità potrebbe finire male o portare avanti lo stesso, ma dipende da due cose: la continua capacità di identità cluster e il comportamento della maggioranza degli Italiani.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.