Giuseppe Conte trionfante ritorno a Roma, dopo il vertice ue


In Senato, a Roma, il 22 luglio, il 2020, il presidente del consiglio italiano, Giuseppe Conte presenta le linee generali dell'accordo sul piano di ripristino conclusi a Bruxelles.

“Ho sentito la forza che mi ha dato e per la nazione, era come in uno stadio, quando i tifosi si sono… “ Nel pomeriggio di mercoledì, all’uscita di palazzo Madama, sede del Senato della repubblica, il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, si soffermò un paio di minuti per un bagno di folla, circondato da una moltitudine di telecamere. Il gruppo di fedeli e curiosi che sono stati in attesa per la sua uscita dal lunghi minuti in pieno sole, ha raccontato di come ha vissuto la lunga trattativa di Bruxelles, alla maniera di un atleta proveniente appena finito il suo sforzo.

Leggi anche Il quarto giorno di una salita difficile, gli Europei a trovare un accordo sul piano di stimolo

Pochi minuti prima, Giuseppe Conte, ha tenuto un discorso in cui ha presentato le linee principali dell’accordo raggiunto a Bruxelles, e di sviluppare un piano per aiutare originale europeo, in cui l’Italia sarà il principale beneficiario. 209 miliardi di euro ottenuti (il 28% del bilancio totale), di cui l ‘ 81 fondo perduto, e il capo del governo ha motivo di gioire. “L’accordo raggiunto rappresenta un fondamentale progresso, che ci porta a dire che l’Europa è stata all’altezza della sua storia “, ha detto, prima di dichiarare che questo successo “appartiene a tutti gli Italiani “sotto gli applausi della sua maggioranza.

Articolo riservato ai nostri abbonati Leggi anche “L’Unione europea è ora in uno Stato”

Nella camera, anche l’ex primo ministro Matteo Renzi, di solito poco incline all’indulgenza, ha sostenuto senza riserve alla sua azione : “Se questo è il percorso, saremo a vostra lati, con chi sceglierà sempre l’Europa. “ Difficile immaginare che un anno prima, lo stesso Giuseppe Conte era a capo del governo il più euroscettico dal 1945, e sembravano ridotte al ruolo di possesso del suo ministro degli interni, Matteo Salvini (Lega, estrema destra), che è ora diventato il suo principale avversario politico.

L’italia è in piedi “

Dall’inizio della crisi, che ha causato più di 35.000 vita, secondo i bilanci ufficiali della protezione civile d’italia, la popolarità del presidente del consiglio è il massimo (almeno il 60 % di pareri favorevoli), e tutto fa pensare che il risultato a Bruxelles ci permetterà di consolidare ulteriormente questa base politica. Arrivato al potere, nella primavera del 2018 per il favore delle circostanze, dopo l’alleanza del Movimento 5 Stelle (M5S, antisystème) e la Lega (estrema destra) su una linea decisamente sovereigntist, questa perfetta sconosciuta senza esperienza politica o di appartenenza partigiano è stato in grado di mostrare le capacità di manovra insospettabile. ha costruito nel tempo una vera capitale politica, di là degli stretti confini dell’attuale maggioranza, costituita l’alleanza del Partito democratico (centro-sinistra), i sostenitori di Matteo Renzi e il M5S.

Ancora 52.07% di questo articolo da leggere. La suite è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *