Tre importanti dirigenti Ubisoft stanno lasciando l'azienda tra accuse di abuso


Ubisoft, società di videogiochi con sede a Parigi annunciato sabato che diversi funzionari di alto livello stanno lasciando tra accuse di abusi e molestie. Le partenze del direttore creativo Serge Hascoët, capo globale delle risorse umane Cécile Cornet, e Yannis Mallat, amministratore delegato degli studi canadesi di Ubisoft, “arrivano dopo l'avvio di una rigorosa revisione avviata dalla società in risposta alle recenti accuse e accuse di cattiva condotta e comportamento inappropriato ", ha dichiarato Ubisoft in una nota.

All'inizio di questa settimana, Ubisoft ha confermato la partenza del suo vicepresidente, Maxime Béland, a seguito di accuse di assalto, lasciando in totale quattro importanti dirigenti in partenza. Sotto Mallat, Ha prodotto lo studio di Ubisoft a Toronto alcuni dei più grandi franchise di Ubisoft: ha prodotto personalmente la serie Prince of Persia: The Sands of Time prima di passare alla gestione di grandi marchi tra cui Assassin’s Creed; Rainbow Six; Grido lontano; Cani da guardia; e per onore.

Presa di notizie francese Liberazione dettagli segnalati di alcune delle accuse contro Hascoët, che ha supervisionato tutti i giochi dell'azienda, ed è stato considerato da molti vicino al CEO Yves Guillemot, secondo Bloomberg reporter Jason Schreier.

I dipendenti di Ubisoft a Toronto avevano dichiarato alla direzione dell'azienda di avere "gravi preoccupazioni per le continue molestie riportate e l'incapacità di sentirsi al sicuro o protetti all'interno del nostro studio" in una lettera firmata da oltre 100 dipendenti, Kotaku segnalati all'inizio di questa settimana

La società ha affermato che recenti accuse contro più dipendenti Ubisoft in Canada rendono "impossibile" per Mallat continuare la sua posizione. Mallat è stato lasciato andare solo un giorno dopo aver apparentemente rivolto queste accuse contro la società in generale ed essere stato quello di rassicurare i dipendenti:

Guillemot ora supervisionerà "una revisione completa del modo in cui i team creativi collaborano", secondo il comunicato stampa dell'azienda.

La società sta assumendo una società di consulenza gestionale internazionale per verificare le sue procedure relative alle risorse umane, parte di ciò che definisce un "insieme completo di iniziative" per promuovere "un ambiente di cui i suoi dipendenti, partner e comunità possano essere orgogliosi – uno che rifletta i valori di Ubisoft e è sicuro per tutti. "

Guillemot ha dichiarato in una dichiarazione che Ubisoft "non ha rispettato i suoi obblighi per garantire un ambiente di lavoro sicuro e inclusivo per i propri dipendenti. Questo è inaccettabile, poiché i comportamenti tossici sono in diretto contrasto con i valori sui quali non ho mai compromesso – e mai lo farò. Mi impegno a implementare profondi cambiamenti in tutta l'azienda per migliorare e rafforzare la nostra cultura del luogo di lavoro ".



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.