Amazon inizierà a elencare nomi e indirizzi dei venditori del Marketplace per combattere la contraffazione


Amazon inizierà a elencare pubblicamente i nomi e gli indirizzi dei venditori di terze parti con sede negli Stati Uniti sulla sua piattaforma di mercato come misura per combattere i contraffattori, secondo un rapporto da Business Insider. La modifica è stata annunciata in una nota inviata ai venditori mercoledì e la modifica entrerà in vigore il 1 ° settembre.

"Queste funzionalità aiutano i clienti a conoscere meglio le attività di un venditore e i prodotti che stanno vendendo", afferma la nota, secondo una copia ottenuta da Business Insider. "Stiamo apportando questa modifica per garantire che vi sia una base costante di informazioni sui venditori per aiutare i clienti a prendere decisioni di acquisto informate". Il cambiamento nella politica renderà più difficile rimanere un venditore anonimo sul Marketplace, ma significa anche che i clienti sapranno esattamente quale persona o entità stanno acquistando e dove si trova l'attività. Amazon non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Business Insider osserva che il suggerimento di fornire maggiore trasparenza riguardo alle transazioni di e-commerce proviene da a Rapporto sulla contraffazione di gennaio del Dipartimento della sicurezza interna. "Per aumentare la trasparenza su questo problema, le piattaforme dovrebbero migliorare in modo significativo la loro identificazione pre-vendita di venditori di terze parti in modo che gli acquirenti possano prendere decisioni informate, potenzialmente prendendo in considerazione la probabilità di essere venduti una merce contraffatta o che viola i diritti di proprietà intellettuale", si legge nel rapporto.

Amazon ha da tempo combattuto i contraffattori sul Marketplace, che ora è responsabile di oltre la metà di tutte le vendite di e-commerce dell'azienda. Nel corso degli anni la società ha provato una serie di tattiche, tra cui il monitoraggio di elenchi sospetti e venditori utilizzando vari software automatizzati e azioni contro i venditori di articoli che sono inclini a scricchiolare il prezzo e altre forme di frode, come maschere per il viso e disinfettanti per le mani, nel primi giorni della pandemia COVID-19.

La società ha anche concluso accordi con alcuni venditori, come Apple e Nike (che ha concluso il suo accordo lo scorso anno), per creare vetrine dedicate per i marchi sulla sua piattaforma, sebbene accordi come quelli abbiano avuto l'effetto negativo di dare il via a venditori legittimi di terze parti nel processo.

Il mese scorso, Amazon è arrivata al punto di lanciare un'unità per crimini contraffatti composta da "ex procuratori federali, investigatori esperti e analisti di dati" per "passare all'offensiva" contro i contraffattori. Nell'ambito dell'annuncio, Amazon ha dichiarato di aver speso $ 500 milioni l'anno scorso per combattere frodi, abusi e prodotti contraffatti e che ha eliminato 2,5 milioni di potenziali account di cattivi attori chiudendo 6 miliardi di elenchi sospetti.

Parte del motivo dell'applicazione aggressiva di Amazon qui può anche essere attribuita alla sua relazione rocciosa con l'amministrazione Trump, che deriva in parte dalla faida in corso tra il CEO di Amazon Jeff Bezos e il Presidente Trump sulla proprietà di Bezos di Il Washington Post. Ad aprile, l'Ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha inserito cinque dei siti Web stranieri di Amazon nell'elenco annuale dei "famigerati mercati", etichettando in effetti le attività internazionali di Amazon come punti caldi per la vendita di prodotti contraffatti. Amazon ha risposto affermando di essere stata vittima della vendetta di Trump contro la compagnia. Tuttavia, negli ultimi mesi Amazon ha compiuto uno sforzo rinnovato per dimostrare che la contraffazione prende sul serio la contraffazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.