eSkootr è una serie di corse di scooter elettrici ad alta velocità lanciata nel 2021


Un gruppo di piloti di Formula 1 e Formula E sta avviando una nuova serie di corse che metterà gli avversari su scooter elettrici ultrarapidi su misura. La serie, soprannominata "Electric Scooter Championship" o "eSkootr", è prevista per il lancio nel 2021 e il video di lancio mostra i ciclisti che sfrecciano per le strade della città Tronveicoli in stile e con equipaggiamento abbinato con accento al neon.

Sfortunatamente, ci sono pochi altri dettagli sulla serie, come il modo in cui viene finanziata o chi saranno i concorrenti. Tutti gli organizzatori affermano che “l'accessibilità economica della categoria rimuove l'elevata barriera all'ingresso vista nella maggior parte delle altre serie di sport motoristici, e la sua versatilità significa che la serie può reclutare da una sezione trasversale davvero diversificata di concorrenti – inclusi piloti, ciclisti, pattinatori, snowboarder , motociclisti e persino corridori di e-sport. "

Chiunque gareggerà, si troverà in una posizione notevolmente rischiosa, dato che gli scooter saranno in grado di raggiungere velocità esagerate di circa 100 chilometri all'ora (circa 62 miglia all'ora). Saranno caratterizzati da piattaforme di grandi dimensioni, pneumatici grassi e sospensioni complete per gestire così velocemente – almeno, secondo il video di lancio. Ma questi tipi di velocità comportano grandi rischi anche con un veicolo appositamente progettato e dispositivi di protezione di alto livello. Per quanto riguarda la provenienza degli scooter, gli organizzatori affermano di aver "già collaborato con un fornitore riconosciuto di alta tecnologia" per costruirli e che "riveleranno il prototipo entro la fine dell'anno", sebbene non nominino la società.

La missione dietro la serie segue da vicino quella della Formula E, la serie di corse completamente elettriche lanciata nel 2014. La Formula E non è appena sulla spinta ai limiti delle prestazioni dei veicoli elettrici. Quasi tutte le sue gare si svolgono su circuiti stradali temporanei in alcune delle più grandi città del mondo, con l'obiettivo di promuovere la tecnologia dell'energia pulita nei luoghi in cui è più necessaria.

Lo stesso vale per eSkootr:

In ogni città, la serie riunirà rappresentanti del governo, dell'industria e della società civile per aiutare a definire politiche e pratiche per costruire una visione più sostenibile e realizzabile del futuro trasporto urbano.

Mostrerà come le aree densamente popolate possano costruire in modo efficiente reti cittadine protette e sostenibili in cui escooter, ebike e biciclette condividano lo spazio.

E introdurrà un nuovo panorama di mobilità per i pendolari delle città che hanno trascorso decenni viaggiando su strade intasate e congestionate in automobile.

Questa visione condivisa non dovrebbe sorprendere i fan della Formula E, poiché uno degli organizzatori di eSkootr è il campione della stagione 3 Lucas di Grassi. Il pilota del team Audi è stato determinante per far decollare la Formula E, servendo come primo collaudatore e successivamente come il più grande ambasciatore del marchio. Ora sta facendo lo stesso per questa nuova serie di scooter.

È possibile che le gare di eSkootr possano essere organizzate sui circuiti stradali della Formula E come una sorta di serie di supporto, sebbene gli organizzatori non lo affermino esplicitamente nell'annuncio. La Formula E ha cercato a lungo una classe di supporto costante per aiutare a compilare il suo programma di corse all-in-one-day. Nella stagione 1, quella slot è stata occupata dalla "School Series", che ha caratterizzato gli studenti che costruivano e gareggiavano piccole auto elettriche sui circuiti stradali a grandezza naturale. Una serie di corse autonome chiamata Roborace avrebbe dovuto prendere il posto del undercard, anche se lo sforzo è mutato, e Roborace è ora più di se stesso (ed è anche diretto da Di Grassi).

Jaguar, che compete nella Formula E, ha organizzato una serie di supporto composta da SUV elettrici I-Pace nelle ultime due stagioni. Ma quella serie sta ottenendo l'ascia quest'anno, grazie alla pandemia di COVID-19.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.