Novak Djokovic dona €40 000 euro per la città serba ha colpito duramente Covid-19



Tennis world No 1 Novak Djokovic, che la scorsa settimana è risultata positiva al coronavirus, ha donato più di €40 000 per una città serba colpiti dalla pandemia, i media locali hanno riferito mercoledì.

Il 33-year-old Djokovic ha donato i soldi per Novi Pazar, in Serbia, a sud-ovest, per aiutare a combattere una crescente epidemia della malattia, il SportKlub canale TV sportivo segnalati.

Il comune ha dichiarato lo stato di emergenza, a fine giugno, a causa della diffusione della malattia respiratoria.

Dopo che limitano il primo focolaio di Covid-19, i primi di Maggio, la Serbia è ora la segnalazione di una fresca ondata, la registrazione di più di 200 casi giornalieri di recente, rispetto a circa il 50 un mese fa.

La nazione dei Balcani è stato recentemente sotto i riflettori per Djokovic permettendo di ospitare un torneo regionale che ha iniziato a Belgrado, a metà giugno, prima di una serie di Covid-19 infezioni costretto gli organizzatori a tagliare corto.

A parte Djokovic altri tre giocatori di tennis – Grigor Dimitrov, Borna Coric e Viktor Troicki – che hanno partecipato alla Adria tour, così come il suo coach Goran Ivanisevic, sono risultati positivi.

I giocatori avevano abbracciato attraverso la rete, gioca a basket e persino ballato in discoteca settimana di andata giocato a Belgrado.

Djokovic è stato ampiamente criticato per il fatto di ospitare il torneo.

Il serbo ha emesso un scuse senza riserve per ora annullato Adria Tour, dove allontanamento sociale è minimo e si sono disputate le partite di fronte a migliaia di fan.

Djokovic si è detto “profondamente dispiaciuto” che il torneo “fatto male”.

Sua moglie Jelena anche risultati positivi.

La Serbia, con una popolazione di circa sette milioni di persone, ha registrato quasi 15.000 coronavirus infezioni e 281 morti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.