Essi sono i nuovi poveri’: Covid-19 combustibili in aumento la povertà in Italia | notizie dal Mondo


Tegli coda alla mensa dei poveri nel quartiere Trastevere di Roma si muove ad un ritmo molto più lento rispetto a prima in Italia coronavirus scoppio, a causa fisica allontanamento regole. Ma è anche molto di più.

“Siamo passati da servire circa 300 pasti in un momento di 500”, ha detto Lucia Lucchini, che gestisce la cucina gestita dalla carità Cattolica di Sant’Egidio.

“Ci sono stati alcuni giorni difficili all’inizio del blocco, con molti senzatetto di venire qui, che sono stati paura di non capivano cosa stava succedendo, alcuni sono stati anche multati per essere sulla strada. Poi abbiamo iniziato a vedere la gente che non avessi prima, coloro che avevano perso il loro reddito e che non aveva una famiglia a cui rivolgersi.”

I volti nuovi sono tra le 1 milioni di Italiani che saranno spinte verso la povertà di questo anno, come conseguenza del coronavirus pandemia, secondo le stime della Coldiretti, l’associazione degli agricoltori.

“Quello che sta accadendo è proprio sotto gli occhi di tutti”, ha detto Lorenzo Bazzana, un consigliere economico di Coldiretti. “Le famiglie che forse non erano in difficoltà prima ora assumono una molto pesante onere economico e si rivolgono a banche alimentari per aiutare.”

Non troppo lontano da Trastevere zuppa di cucina è il Casino del Bel Respiro, un 17 secolo palazzo, dove il primo ministro italiano, Giuseppe Conte, questo mese ospitato interventi finalizzati al recupero dell’economia del paese, dopo che ha detto che l’Italia era in procinto di superare un deficit previsto di 10% della produzione interna, e che le misure per evitare i licenziamenti e di aiuto alle prese settori come il turismo non poteva aspettare fino a settembre, quando il governo presenterà un piano per rilanciare l’economia.

Coronavirus morti in Italia – grafico

Ma per le imprese e gli individui hanno un disperato bisogno di un aiuto finanziario immediato, Conte parole ammontano a poco più di fluff.

Italia lento e ostruttiva sistema burocratico ha fatto sì che solo il 30% delle imprese ha ricevuto un finanziamento promesso loro durante il blocco, e molti proprietari di imprese sono ancora in attesa di stato garantiti da prestiti bancari. Nel frattempo, migliaia di lavoratori sono ancora in attesa di ricevere i pagamenti dovuti, come parte di un regime di congedo.

“C’è una quantità enorme di ritardo in termini di pagamenti alle imprese e alle persone”, ha detto Wolfango Piccoli, il co-presidente della sede a Londra, società di ricerca e Teneo. “E mentre tutti concentrarsi sui grandi figure, alla fine della giornata, ciò che conta davvero, soprattutto per i membri più deboli della società, è la capacità di uno stato di consegnare il denaro. In Italia c’è un grosso problema con la capacità dello stato.”

Come leader alle prese con l’economia, tanto dell’onere è caduta su di beneficenza e gruppi di comunità a sostegno di coloro che si trovano in difficoltà. A Roma, molti supermercati hanno adottato l’ “spesa sospesa” (differite shopping per l’iniziativa, per la quale gli acquirenti possono acquistare generi alimentari che di beneficenza per poi consegnare ai poveri.

La settimana scorsa, Papa Francesco ha istituito un fondo finalizzato ad aiutare le famiglie in città, che stanno lottando.

I volontari di Nonna Roma, un gruppo di comunità, ora regolarmente consegnare pacchi di generi alimentari a 7.500 famiglie rispetto ai 300 prima della pandemia.

“Sono i nuovi poveri”, afferma Alberto Campailla, uno dei volontari. “Tra loro ci sono i lavoratori domestici che hanno perso il lavoro, o le persone che stavano facendo il lavoro precario … ma anche giovani professionisti, che hanno drasticamente ridotto il reddito.”

Campailla ha detto che il governo dovrebbe cercare di espandere la sua base di schemi di reddito, che era uscito l’anno scorso, e aiutare le persone con i pagamenti del canone di locazione.

“C’è un serio rischio di molte persone non essere in grado di tenere i pagamenti del canone di locazione e di perdere le loro case”, ha detto.

I clienti sono sottili sulla terra per questo negozio di souvenir in Roma



I clienti sono sottili sulla terra per questo negozio di souvenir in Roma. Fotografia: Alessandro Serranò/AGF/Rex/Shutterstock

Se la UE e il fondo di recupero è stato approvato, il denaro non sarà condivisa fino al 1 ° gennaio. In cambio, gli stati membri devono garantire il finanziamento non è sprecata, pur impegnandosi a fare modifiche e di investire in progetti che portano la crescita economica.

Fino ad allora, l’unica possibilità di finanziamento in Italia potrebbe accedere da Bruxelles attraverso il Sicuro programma, che fornisce principalmente contanti supplementari per furlough schemi.

Molti negozi e altre aziende di tutta Italia non hanno riaperto dal blocco misure sono state attenuate. Coloro che stanno lottando per sbarcare il lunario.

“Molto del nostro lavoro deriva da alberghi o eventi, come matrimoni, che sono stati annullati,” ha detto Enzo Russo, che possiede un negozio di fiori con sua moglie, Antonella, in Roma, quartiere Esquilino. “Abbiamo bisogno di una risposta forte da parte del governo, se continua così potrebbe essere molto pericoloso.”


Gianpaolo Grilli, la cui conduzione familiare, azienda di arredamento nelle vicinanze, ha detto: “non ho molta fede nei colloqui che stanno accadendo. L’italia è piena di piccole imprese che non hanno fornito solo la spina dorsale economica, ma sociale solidità. I politici non hanno capito questo. Non vogliamo volantini, vogliamo leggi che ci permettono di pianificare e investire.”

Anche se l’impatto economico dell’epidemia è già evidente, Piccoli predice il danno reale non si farà sentire fino all’autunno. L’italia è impostato a perdere miliardi essenziali entrate dal turismo di quest’anno. Fino al 40% delle piccole e medie imprese sono previsioni a scomparire. Un’ondata di licenziamenti è previsto una volta di un divieto di aziende di licenziare i dipendenti è sollevato nel mese di agosto, e il congedo regime termina nel mese di ottobre.

“Indipendentemente dalla quantità di denaro che potrebbe venire da Bruxelles, le prospettive sono abbastanza disperato”, ha detto Piccoli. “E non credo che questo governo ha la capacità di mettere insieme un approccio olistico, globale, credibile ed efficace piano.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *