Vai a leggere questa storia di ProPublica su uno schema per rietichettare le maschere non mediche per i soccorritori


Mentre il coronavirus si è diffuso negli Stati Uniti questa primavera, le autorità hanno avvertito le persone di non acquistare maschere respiratorie N95, per timore che non contribuissero alla carenza di maschere per il personale medico. I respiratori N95 sono considerati le maschere più efficaci per filtrare le goccioline nell'aria che possono trasmettere il virus. Siti come Amazon hanno sospeso le vendite di maschere N95 al grande pubblico e hanno represso le vendite ai venditori che hanno tentato di vendere versioni contraffatte.

Ma a ProPublica un'indagine ha scoperto un'operazione in Texas che stava riconfezionando maschere contrassegnate come "vietate" per uso medico in sacchi senza etichetta. Un uomo che ha risposto a un annuncio per un concerto di TaskRabbit ha detto a ProPublica cosa ha visto

… altri cinque o sei "Taskers" che guadagnavano circa $ 20 l'ora stavano strappando maschere cinesi da sacchetti di plastica e inserendole in nuovi identici ma per una differenza potenzialmente mortale. I vecchi pacchetti erano etichettati in tutti i tappi "USO MEDICO VIETATO", il che significa che non dovevano essere utilizzati da medici e infermieri che necessitavano della protezione più forte da minuscole particelle che trasportavano il nuovo coronavirus. Le nuove borse, destinate ad arrivare negli ospedali del Texas, hanno semplicemente omesso questo avvertimento.

Secondo ProPublica, le persone dietro l'operazione – un investitore della Silicon Valley e il suo socio in affari – hanno utilizzato TaskRabbit e pagamenti su Venmo per rietichettare le maschere con l'intento di venderle agli operatori di emergenza in Texas. Avevano una scorta di maschere KN95 prodotte in Cina, che sono simili alle N95 prodotte da 3M, ma che spesso non riescono a superare le ispezioni normative per l'uso negli Stati Uniti.

La pila di scatole da 6 piedi era etichettata come proveniente da un produttore cinese, Guangzhou Aiyinmei Co. Ltd., che era stato identificato dalla FDA come una delle aziende che producevano inefficaci KN95. Le maschere filtrano fino al 39% delle particelle, secondo test da parte dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Sono così inefficaci che Il Canada ha emesso un richiamo. La FDA aveva frettolosamente approvato loro e altri per l'assistenza sanitaria all'inizio della pandemia, ma il mese scorso ha cambiato idea, anche se milioni di maschere circolavano negli Stati Uniti.

Apparentemente c'era qualche confusione sul fatto che le maschere KN95 fossero ammesse o meno negli Stati Uniti, poiché la FDA aveva cambiato la sua guida sul loro uso. In definitiva, grazie in parte a ProPublica il sondaggio del giornalista J. David Swaine, l'operazione non ha venduto nessuna delle sue maschere riconfezionate ai clienti negli Stati Uniti. Ma l'articolo mostra i buchi spalancati nella nostra catena di approvvigionamento medico ed è un esempio del tipo di segnalazione ostinata su argomenti esasperanti che è ProPublicaMarchio di fabbrica. Partire Controllalo qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *