Nextdoor elimina il suo programma Forward to Police


Nextdoor, l'app di social network di vicinato, afferma che sta interrompendo la funzione Inoltra alla polizia che consente agli utenti di inviare messaggi direttamente alla polizia locale, Bloomberg CityLab segnalati. Il sito è stato oggetto di un crescente controllo su come gestisce le comunicazioni con le forze dell'ordine e su come gestisce il razzismo tra i membri della sua app.

"Come parte del nostro lavoro anti-razzismo e dei nostri sforzi per rendere Nextdoor un luogo dove tutti i vicini si sentono i benvenuti, abbiamo esaminato tutti gli aspetti del nostro prodotto", la società ha annunciato in un post sul blog. "Dopo aver parlato con membri e partner di agenzie pubbliche, è chiaro che la funzione Forward to Police non soddisfa le esigenze dei nostri membri e solo una piccola percentuale di forze dell'ordine ha scelto di utilizzare lo strumento".

Gli utenti di Black Nextdoor hanno detto The Verge che i post sull'app spesso li rendono poco sicuri e che i moderatori volontari hanno messo a tacere i post sulle proteste di Black Lives Matter. CEO di Nextdoor Sarah Friar ha scritto un post sul blog l'11 giugno dal titolo "A Nextdoor Where Everyone Belongs", affermando che la compagnia stava prendendo provvedimenti per migliorare la diversità. "Il razzismo non ha posto su Nextdoor", ha scritto Frate.

All'inizio di questo mese l'azienda ha anche inviato per e-mail i lead della sua community, coloro che moderano le conversazioni sull'app, dando loro istruzioni specifiche per consentire discussioni su Black Lives Matter. "Per essere chiari, le conversazioni relative alla disuguaglianza razziale e alla materia delle vite nere sono consentite su Nextdoor", afferma l'e-mail. "Allo stesso tempo, è fondamentale che tutte le conversazioni rimangano civili, indipendentemente dall'argomento."

Secondo Bloomberg CityLab, Apparentemente Nextdoor manterrà in atto altre funzionalità che consentono la comunicazione con i dipartimenti di polizia attraverso l'app, tra cui l'invio e la ricezione di messaggi diretti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *