Raheem Sterling accoglie il ‘grande passo’ dopo la Premier League, i giocatori prendono un ginocchio


Giocatori, staff tecnico e tutti i funzionari si mise su un ginocchio all’inizio di entrambe le partite di mercoledì, come l’Inghilterra top-volo divisione tornato da un 100 giorni di pausa.
Le immagini potenti reso omaggio al “Black Lives Matter’ di movimento che è cresciuto in importanza dopo la morte di George Floyd.

“Io lo vedo come un grande passo per la Premier League, per permettere che qualcosa di simile accada e che dimostra che stiamo andando nella giusta direzione”, ha detto Sterling, che segna il primo gol nel suo lato s sconfitta per 3-0 dell’Arsenal.

“A poco a poco stiamo vedendo cambiare. Era naturale, era organico. Abbiamo visto le squadre che nella prima del kick-off e ho pensato che era qualcosa che abbiamo dovuto fare così.”

I giocatori e l'arbitro prendere un ginocchio davanti al Premier League.

Pep sul razzismo

La Premier League in precedenza aveva confermato che i giocatori non sarebbero stati puniti per l’assunzione di un ginocchio prima o durante i giochi come si trovava uniti contro tutte le forme di discriminazione.

I nomi sul retro dei giocatori, le maglie sono state anche sostituite con le parole “Black Lives Matter” e un distintivo di appoggiare il movimento sarà visibile su ogni camicia per il resto della stagione.

Si tratta di un messaggio supportato da City manager di Pep Guardiola che ha detto bianco persone devono chiedere scusa per il modo in cui “abbiamo trattato i neri negli ultimi 400 anni.”

“Mi vergogno per quello che abbiamo fatto per i neri di tutto il mondo, non solo l’America; il problema è ovunque”, ha detto un post-partita conferenza stampa.

Con i campionati di calcio di riprendere in mezzo alla pandemia, i club e i loro giocatori sono stato in piedi in solidarietà con il Nero di Vite contano.
Real Madrid, Marcelo piegò un ginocchio e alzò il suo primo durante un festeggiamento in questa settimana, mentre Borussia Dortmund Jadon, Sancho ha rivelato una ‘Giustizia per George Floyd maglietta dopo il gol in Bundesliga.

Il movimento ha anche fatto riflettere e mettere in discussione le proprie azioni passate. L’ex difensore del Manchester United Gary Neville, recentemente, si è scusato con la Sterlina per i consigli che dava il giovane attaccante, quando si era dovere internazionale per l’Inghilterra.

Sterling aveva sentito mirati a Euro 2016 e aveva chiesto l’allora allenatore Neville come si deve fare con esso.

“Quando mi guardo indietro, che la riunione di oggi e le parole che ho usato, mi sento come ti ho deluso,” Neville ha detto in un’ intervista su Sky Sport.

“Mi sento come il mio primo pensiero è andato come gli altri giocatori avevano subito abusi, sia Paul Gascoigne o David Beckham o di Wayne Rooney, ma io ora in grado di riconoscere e sentire come che era completamente inappropriato. Non sono riuscito a riconoscere il lato personale.

“Quelli sono stati i giocatori di ricezione di abuso per il calcio gli errori di calcio o di prestazioni. Si stavano ricevendo mirato abuso che è stato costante prima di una palla che era stato preso a calci al torneo.

“Ho la sensazione che in quel momento, la risposta che ti ho dato era inadeguata, e mi dispiace per questo.”

Sterling, che ha dato chiamato per il popolo nero per essere meglio rappresentato in posizioni di autorità nel gioco, si è ricordato di come anche lui faticava a capire l’abuso che ha ricevuto.

“Sono venuto tra voi, di rispetto, ma allo stesso tempo, non si ha la sensazione o la comprensione di che cosa è come,” disse Neville nella stessa Sky Sport intervista.

“Avevo 21 anni e penso che sia stato solo il mio secondo torneo, quindi non ho ancora capito che cosa stava succedendo.”

Raheem Sterling ha segnato il primo gol contro l'Arsenal.

Nel frattempo, l’attuale gesto di solidarietà fatta dal Premier League i giocatori è stato ampiamente supportato sui social media.

Musa Okwonga, co-conduttore di Stadio podcast, dice che non è solo un caso di corporate gesti, dalla Premier League, ma un vero e proprio player-driven movimento.

“La Premier League #BlackLivesMattter campagna non è vuoto di messaggistica aziendale”, ha scritto su Twitter.

“È stato spinto in avanti dai giocatori, più in particolare Troy Deeney e Wes Morgan. Deeney è uno degli atleti più intelligente che io abbia mai intervistato sulle radici storiche del razzismo. Questo è di alimentazione del lettore.”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.