Non svanire: Venus Williams ancora sognando a 40



Quando Venus Williams i primi passi su un campo da tennis in Oakland per il suo debutto professionale nel 1994, i Rolling Stones sono la riproduzione di un concerto della porta accanto a un vicino lo stadio.

Ventisei anni dopo, Williams, come Mick Jagger e Keith Richards, è in vena di semplicemente svaniscono.

Le pionieristiche star Americana festeggia il suo 40 ° compleanno mercoledì con la stagione del tennis in pausa tra il coronavirus crisi che ha decimato il calendario.

L’ex N. 1, tuttavia, dice che non c’è alcuna prospettiva del suo silenzio disegno di una linea sotto di una carriera che ha avuto sette del grande Slam australian, quattro medaglie d’oro Olimpiche e decine di vittorie di torneo.

Così, nonostante l’avanzare del tempo e un recente record di futilità – il suo ultimo titolo di singolo è venuto in un WTA Tour a Taiwan nel 2016 – Williams non appendere la sua racchetta appena ancora.

“Bisogna sempre avere sogni, quindi continuo ad avere loro,” Williams ha detto il Tennis Major sito in un’intervista all’inizio di questo mese, rivelando che vuole ancora sfida per il francese e l’Australian open, due Grand Slam che hanno eluso.

“Vorrei vincere il Roland Garros. Non ero lontano da esso. Lo stesso vale per l’Australian Open: sono stato sfortunato, ho sempre perso un po’,” ha detto Williams.

Sogni di completamento di una carriera “Golden Slam” la probabilità di rimanere sfuggente però.

Mentre la sorella Serena ha mantenuto il tocco del grande Slam regolarmente, è 12 anni dalla Venus ha vinto il suo ultimo Slam, quando ha trionfato a Wimbledon 2008 Campionati.

E Venere, anche se sa che il tempo stringe.

“Io probabilmente non giocare più a lungo come quello che ho già giocato”, dice. “Staremo a vedere come mi sento. Mi piace ancora di vincere tanto, ma quando è finita, è finita.”

Alti e bassi

Williams non è mai stato in grande, ammettendo la sconfitta, tuttavia, un segno distintivo dei suoi primi giorni sotto la tutela di padre Richard Williams, che tamburellava in sue figlie la massima che “la palla è mai fuori” – un’esortazione a dare la caccia a ogni pallone.

Quando Williams fa finalmente farla finita, tennis sarà un addio a uno dei più grandi giocatori nella sua storia.

E anche se i progressi nella scienza dello sport sono sempre più forzando i confini della longevità per gli atleti moderni, pochi i giocatori di oggi sono probabilmente più adatto al suo conseguimento di una carriera che ha attraversato quattro decenni.

Ormai le ampie pennellate di Williams carriera sono parte di tennis lore: l’educazione nel grintoso sobborgo di Los Angeles di Compton, la rivalità con la sorella minore Serena, che ha 23 titoli del grande Slam al di Venere sette, il ritorno al successo dopo essere stato diagnosticato con la sindrome di Sjogren, una malattia autoimmune in cui i sintomi includono dolori articolari e stanchezza.

“Ho avuto momenti di grande, sono stato sulla cima, sono stata in fondo, sono stato giù e ho fatto tutto e sono stato altrettanto felice durante tutto questo”, dice Williams.

Gli ultimi anni di Williams carriera hanno coinciso con l’emergere di un giovane raccolto di Afro-Americani, i giocatori di tennis, tra cui Sloane Stephens, Madison Keys, Taylor Townsend e Coco Gauff.

L’ex professionista trasformato emittente Pam Shriver crede Williams ha aiutato le donne Afro-Americane “per sentire che c’è un percorso per loro il top del tennis mondiale.”

Nelle ultime settimane, Williams ha parlato della tumultuosa protesta scoppiata sulla scia dell’uccisione di inermi uomo nero George Floyd da parte della polizia di Minneapolis, il 25 Maggio.

Williams ha scritto in un lungo Instagram post che Floyd morte e altri incidenti hanno dimostrato che “il razzismo che ancora pervade l’America.”

“Questo solo graffi la superficie della faccia orribile del razzismo in America,” ha detto.

“Parlare del razzismo in passato era impopolare. È stato evitato. Nessuno credeva lei.

“Fino a quando avete camminato in queste scarpe, come un Afro-Americano, è impossibile comprendere le sfide che dovete affrontare nel paese, in questo mondo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *