Un'altra società innovativa ha rinunciato a rivoluzionare la fotografia mobile


Light, la società dietro la gamma unica di cinque fotocamere posteriori del Nokia 9, ha rinunciato al suo sforzo non convenzionale di rivoluzionare le fotocamere nelle nostre tasche. In una dichiarazione a Autorità Android, Light ha affermato che "non opera più nel settore degli smartphone".

La luce si proponeva di superare i limiti dei piccoli sensori della fotocamera – come quelli dei nostri telefoni – stipando una tonnellata di telecamere (ognuna con lunghezze focali diverse) su un dispositivo e combinando i dati di tutti quei moduli. La sua prova del concetto è stata la fotocamera da $ 2.000 L16. In una recensione, il mio collega Sean O’Kane ha riconosciuto la L16 come una meraviglia ingegneristica e ha affermato che in effetti ha fornito una migliore qualità delle immagini rispetto alla maggior parte dei dispositivi mobili. Ma era ancora molto indietro rispetto alle fotocamere mirrorless e alle reflex digitali e chiaramente non era adatto a tutti gli scenari di ripresa.

Un'immagine della fotocamera Light L16.

La fotocamera L16 da $ 2.000 di Light aveva 16 moduli.
Foto di James Bareham / The Verge

Successivamente, Light ha stretto una partnership con Nokia sul Nokia 9 ed è arrivato al punto di creare un chip personalizzato che ha aiutato con successo il processore Snapdragon del telefono acquisire dati dalle sue cinque telecamere posteriori contemporaneamente. Come Ars Technica Appunti, il Nokia 9 è stato molto bravo a impilare le immagini e ha tagliato soprattutto le fotocamere mobili nell'area della percezione della profondità.

Ma al momento del lancio del Nokia 9, altri produttori di telefoni come Google, Apple e Huawei avevano già trovato la loro magia con l'HDR intelligente e ricucendo più immagini in un solo colpo. Le foto del Nokia 9 non si sono fatte notare. Peggio ancora, la raccolta di dati da cinque fotocamere da 12 megapixel ha portato a rallentare i tempi di acquisizione ed elaborazione, il che significa che eri a rischio di perdere uno scatto di follow-up.

Più recentemente, sensori di dimensioni maggiori si stanno facendo strada negli smartphone per migliorare ulteriormente la qualità e i dettagli delle immagini. E le aziende stanno trovando modi intelligenti per estendere la portata con i sistemi di zoom periscopio.

Ciò ha portato Light a seguire le orme di Lytro, un'altra società che una volta propugnava una rivoluzionaria tecnologia fotografica e cambia significativamente rotta. Il sito Web di Light afferma che la società è ora focalizzata su "una piattaforma di percezione della profondità 3D in tempo reale che consentirà ai veicoli di vedere come gli umani".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *