Le grandi aziende tecnologiche stanno rispondendo a George Floyd in un modo che non hanno mai fatto per Michael Brown


Nei giorni successivi alla morte di George Floyd, le più grandi aziende tecnologiche e i loro leader hanno fatto dichiarazioni pubbliche che esprimono solidarietà con le comunità nere. Le comunicazioni – che in realtà sono comunicati stampa – condannano il razzismo e chiedono l'unità. Alcuni almeno nominano George Floyd, Breonna Taylor e Ahmaud Arbery. Alcuni hanno detto apertamente "Black Lives Matter".

Più significativamente, molte aziende hanno commesso donazioni per la lotta all'ingiustizia razziale in milioni di dollari.

Quindi alcune delle aziende più ricche del mondo si stanno manifestando in un momento in cui l'attenzione nazionale si è rivolta all'ingiustizia razziale. Ma sicuramente, devono essersi presentati prima? Non sono nemmeno passati sei anni dalla morte di Eric Garner e Michael Brown che hanno scatenato le proteste a Ferguson, nel Missouri. Molti amministratori delegati di tali società hanno trovato il tempo di partecipare pubblicamente al Sfida secchiello per il ghiaccio per raccogliere fondi per la SLA, così sicuramente hanno risparmiato un momento per mostrare solidarietà con Black Lives Matter nel 2014, giusto?

Confrontiamo oggi la risposta aziendale con quanto affermato sei anni fa. Abbiamo cercato risposte agli eventi del 2014 attraverso ricerche online, controllo delle redazioni delle società e ampi account sui social media.

Abbiamo aggiornato questa storia con nuovi impegni da Amazon, Apple, Google, Microsoft e Twitter.


Amazon

2020

"Crediamo che le vite dei neri contino", si legge un post sul blog pubblicato il 3 giugno. Amazon si è impegnata a donare "un totale di $ 10 milioni a organizzazioni che stanno lavorando per realizzare giustizia sociale e migliorare la vita dei neri e degli afroamericani". La rete di dipendenti neri di Amazon riceverà anche una sovvenzione per "finanziare organizzazioni locali che supportano iniziative di educazione e uguaglianza razziale nelle comunità in tutto il paese in cui i nostri dipendenti vivono e lavorano".

Il 9 giugno, Amazon ha aggiornato il post dicendo che corrisponderebbe alle donazioni dei dipendenti fino a $ 10.000 per dipendente alle 12 organizzazioni elencate nel blog.

Qui è Tweet di Amazon impegnarsi per la solidarietà con la comunità nera.

Su Instagram, Jeff Bezos, CEO di Amazon, è stato incoraggiato i suoi seguaci da leggere un saggio Medium di Shenequa Golding. Ore che questo articolo è stato pubblicato per la prima volta, Bezos ha affermato che Black vive la materia in risposta a un'e-mail di cliente arrabbiata che ha pubblicato su Instagram.

2014

Non siamo riusciti a trovare risposte pubbliche da parte di Amazon in merito alla morte di Eric Garner e Michael Brown o delle proteste di Ferguson.


Mela

2020

L'amministratore delegato di Apple, Tim Cook, ha annunciato l'iniziativa Racial Equity and Justice di Apple da $ 100 milioni l'11 giugno. "L'iniziativa metterà alla prova le barriere sistemiche alle opportunità e alla dignità che esistono per le comunità di colore e particolari per la comunità nera", ha affermato Cook in un video.

Cook ha anche pubblicato una lettera aperta, "Parlando di razzismo", sul sito Web di Apple il 4 giugno. Nella lettera, Cook ha assunto una serie di impegni:

Ci impegniamo a continuare il nostro lavoro per portare risorse e tecnologie critiche nei sistemi scolastici scarsamente serviti. Ci impegniamo a continuare a combattere le forze dell'ingiustizia ambientale – come i cambiamenti climatici – che danneggiano in modo sproporzionato le comunità nere e altre comunità di colore. Ci impegniamo a guardarci dentro e a spingere i progressi verso l'inclusione e la diversità, in modo che ogni grande idea possa essere ascoltata. E stiamo donando a organizzazioni tra cui la Equal Justice Initiative, che sfidano l'ingiustizia razziale e l'incarcerazione di massa.

Cook ha condiviso una versione simile di questa lettera ai dipendenti Apple il 31 maggio, dove ha impegnato Apple ad abbinare tutte le donazioni dei dipendenti fatte per il mese di giugno.

Cook ha anche tweeted due volte su Minneapolis:

2014

Il CEO Tim Cook ha condiviso un tweet da papa Francesco nel giorno della morte di Michael Brown.

Non siamo riusciti a trovare altre risposte pubbliche da parte di Apple in merito alla morte di Eric Garner e Michael Brown o delle proteste di Ferguson. In effetti, ecco come appare la redazione Apple durante quelle date:

https://www.theverge.com/


Facebook

2020

Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg si è impegnato a dare "10 milioni di dollari in più ai gruppi che lavorano sulla giustizia razziale" in un post di Facebook il 31 maggio. Ha anche osservato che il suo braccio filantropico, la Chan Zuckerberg Initiative, ha investito 40 milioni di dollari all'anno per "diversi anni" in organizzazioni che combattono l'ingiustizia razziale.

Ore dopo la prima pubblicazione di questo articolo, Zuckerberg ha promesso il suo sostegno al movimento Black Lives Matter come parte di una nota pubblicato sulla sua pagina Facebook personale. “Ai membri della nostra comunità nera: sto con te. Le tue vite contano. Le vite nere contano ”, ha detto.

2014

In un D&R del municipio di dicembre, a Zuckerberg è stato chiesto del ruolo dei social media nel contribuire a rafforzare le comunità sulla scia di Ferguson e di altre proteste contro l'uso eccessivo delle forze di polizia. Ha condiviso la sua risposta pubblicamente in un video. "Credo che facciamo due cose: dare voce a tutti e fornire una maggiore diversità di prospettive", ha detto Zuckerberg nel suo post che accompagna il video.

Non siamo riusciti a trovare altre risposte pubbliche da Facebook riguardo alla morte di Eric Garner e Michael Brown o delle proteste di Ferguson.


Google

2020

Il CEO di Google Sundar Pichai ha pubblicato un'email inviata ai dipendenti di Google il 3 giugno, intitolato "In piedi con la comunità nera", dove ha assunto i seguenti impegni "iniziali":

Daremo $ 12 milioni in finanziamenti a organizzazioni che lavorano per affrontare le disuguaglianze razziali. Le nostre prime sovvenzioni da 1 milione di dollari ciascuna andranno ai nostri partner a lungo termine del Center for Policing Equity e della Equal Justice Initiative. E forniremo supporto tecnico tramite il nostro Programma Google Fellows. Questo si basa sui $ 32 milioni che abbiamo donato alla giustizia razziale negli ultimi cinque anni. Offriremo inoltre $ 25 milioni in sovvenzioni pubblicitarie per aiutare le organizzazioni che combattono l'ingiustizia razziale a fornire informazioni critiche.

Come risultato della campagna di donazioni interna della scorsa settimana, sono lieto di condividere che tutti voi avete contribuito con ulteriori $ 2,5 milioni in donazioni che stiamo abbinando. Ciò rappresenta la più grande campagna di donatori di googler nella storia della nostra azienda, con sia la maggiore quantità raccolta dai dipendenti sia la partecipazione più ampia.

"Lavoreremo a stretto contatto con la nostra comunità nera per sviluppare iniziative e idee di prodotti a supporto di soluzioni a lungo termine e ti terremo aggiornato", ha aggiunto Pichai. "Come parte di questo sforzo, accogliamo con favore le vostre idee su come utilizzare i nostri prodotti e la nostra tecnologia per migliorare l'accesso e le opportunità."

YouTube di proprietà di Google lancerà un fondo da $ 100 milioni "dedicato all'amplificazione e allo sviluppo delle voci dei creatori e degli artisti neri e delle loro storie", ha annunciato il servizio video 11 giugno.

Pichai anche twittato Solidarietà di Google con la comunità nera.

2014

Non siamo riusciti a trovare risposte pubbliche da parte di Google in merito alla morte di Eric Garner e Michael Brown o delle proteste di Ferguson.


Microsoft

2020

Poco dopo aver pubblicato questa storia il 5 giugno, Microsoft impegnata a donare $ 250.000 ciascuno alla Black Lives Matter Foundation, alla Equal Justice Initiative, al progetto Innocence, alla Leadership Conference, al Minnesota Freedom Fund e al NAACP Legal Defense & Education Fund.

Le osservazioni del 28 maggio del CEO di Satya Nadella ai dipendenti sulle proteste a Minneapolis sono state pubblicate su LinkedIn. Come parte di queste osservazioni, Nadella ha discusso della Microsoft Criminal Justice Reform Initiative, lanciata formalmente nel 2019.

"Questa iniziativa investe in partenariati e programmi che lavorano per guidare le riforme, concentrandosi sulla polizia", ​​ha dichiarato Merisa Heu-Weller, direttrice dell'iniziativa, in un 3 marzo post sul blog. "Sebbene riconosciamo l'esistenza di disparità in tutto il sistema, crediamo che concentrandoci sulla polizia e costruendo relazioni positive tra polizia e comunità, possiamo aiutare a tenere le persone fuori dal sistema e ridurre le disparità al suo interno."

Heu-Weller ha anche affermato che "i team di Microsoft hanno collaborato con organizzazioni degli Stati Uniti che lavorano per migliorare la giustizia penale" dal 2014.

Nadella ha twittato il suo supporto per la comunità nera e afroamericana il 1 ° giugno. Ha anche ritwittato molte dichiarazioni di dipendenti Microsoft Black condivise sull'account Twitter ufficiale di Microsoft.

2014

Non siamo riusciti a trovare risposte pubbliche da parte di Microsoft in merito alla morte di Eric Garner e Michael Brown o delle proteste di Ferguson.


cinguettio

2020

Il CEO di Twitter, Jack Dorsey, ha chiesto "la riforma della politica di polizia ora" in un tweet del 1 giugno.

Dorsey ha anche twittato # startsmall concessioni a beneficio delle comunità di neri e marroni, supporto agli ex detenuti e altro ancora. Dorsey ha iniziato a fare concessioni a #startsmall in Aprile dopo aver spostato $ 1 miliardo del suo patrimonio netto Square in una LLC da utilizzare per finanziare gli aiuti COVID-19. Tutte le sovvenzioni fatte finora lo sono rintracciato qui.

Discussione Twitter di Dorsey con le sue ultime concessioni inizia qui:

L'account @TwitterTogether di Twitter ha pubblicato una discussione su Twitter su come le persone possono praticare l'alleanza.

Il 12 giugno Twitter ha condiviso ulteriori informazioni su donazioni e contributi che avrebbe dato alla lotta contro l'ingiustizia razziale, tra cui una sovvenzione di $ 250.000 tra la Equal Justice Initiative e la National Association of Black Journalists e un fondo da $ 1 milione per abbinare le donazioni dei dipendenti. Il thread del tweet che illustra le azioni di Twitter inizia qui.

2014

Dorsey andò a Ferguson, Missouri, poco dopo la morte di Michael Brown partecipare alle protestee twittato ampiamente mentre era lì. All'epoca era il presidente esecutivo di Twitter, non il suo CEO.

Non siamo riusciti a trovare altre risposte pubbliche da Twitter riguardo alla morte di Eric Garner e Michael Brown o delle proteste di Ferguson.


Queste società potrebbero non essersi presentate nel 2014, ma data la barra molto bassa, il fatto che hanno nel 2020 è un incoraggiante segno di progresso. Tuttavia, una dichiarazione di solidarietà e alcune donazioni dovrebbero essere solo l'inizio. C'è il riconoscimento del razzismo, e poi c'è il lavoro in corso di essere anti-razzista.

Amazon, Apple, Facebook, Google, Microsoft e Twitter: queste aziende sono orgogliose di essere alcune delle istituzioni più potenti del mondo e spesso sostengono che stanno rendendo il mondo un posto migliore. Se si impegnano a impegnarsi a "spingere in avanti i progressi" e ad affrontare "la lotta contro il razzismo sistemico e l'ingiustizia", ​​tale sforzo potrebbe davvero aiutare la comunità nera – o per lo meno, equivale a qualcosa di più di semplici promesse e banalità in un comunicato stampa.

Aggiornamento del 12 giugno, 20:24 ET: Aggiunti nuovi contributi da Amazon, Apple, Google, Microsoft e Twitter annunciati dalla pubblicazione originale di questo post.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *