Come il Re di Staten Island Lasciare Pete Davidson Processo il Suo Dolore


Per parafrasare le parole immortali di Carrie Fisher, Pete Davidson sta finalmente prendendo il suo cuore spezzato e trasformarlo in arte.

Sin dai suoi primi giorni come un adolescente stand-up comico attraverso a diventare uno dei più giovani mai unirsi al cast di Sabato Night Live—per non parlare del suo primo membro del cast, nato nel 1990—il trauma di Davidson infanzia era stata una parte della sua storia. Ma mai si è affrontato il dolore con tale scopo e cruda totalità come egli è nel nuovo film Il Re di Staten Island.

“Quando vedi qualcuno che come Pete, sai che c’è un sacco di cose. Davvero non so che cosa sia. Penso che un sacco di persone sono interessate nella sua lotta,” Judd Apatowche non solo dirige il film—ora disponibile su richiesta—ma co-scritto con Davidson e il suo migliore amico Dave Sirus, ha detto in uno sguardo all’interno di film per gentile concessione di Universal Pictures. “Vogliono sapere, ‘Come stai facendo? Cosa ti è successo?’ Il Re di Staten Island è un’opportunità per Pete per raccontare se stesso e a raccontare i suoi sentimenti e il suo viaggio.”

Per la familiarità, Davidson aveva sette anni quando suo padre Scott Davidson, a New York, un vigile del fuoco morto in servizio durante gli attacchi terroristici dell11 settembre. A soffrire così devastante perdita di una così giovane età è stato, come ha detto Il New York Times nel 2015, “travolgente”. Ha iniziato a recitare a scuola, a un certo punto strappando i capelli per il punto di calvizie, e ha lottato con pensieri di suicidio.

“E’ stato davvero così difficile per lui per recuperare e anche, oserei dire, e ‘stato solo di recente che sta trovando la sua strada e sta bene” Amy Davidsonil comico amata madre, dice nella featurette.

Fin dal suo primo stand-up prestazioni di 16, Staten Island, pista da bowling, Davidson carriera è stata costante traiettoria ascendente, con apparizioni in Codice Ragazzo, Wild ‘Ne Brooklyn Nine-Nine. Un cameo nel Apatow s Trainwreckin cui è anche co-protagonista SNL’s Bill Hader, lo ha aiutato a terra il provino per il lungo in esecuzione NBC tarda notte, la serie comedy. Aveva solo 20 anni quando ha fatto la sua prima apparizione nello show.

Lungo la strada, Davidson è stato disarmante onesti circa le sue lotte, la sua diagnosi sia con Morbo di alzheimer e la disturbo di personalità borderline. Ma è solo con questo ultimo film che ha osato esporsi così completamente.

Pete Davidson, Il Re di Staten Island

Maria Cybulski / Universal Pictures

“Una delle prime conversazioni che abbiamo avuto è stato” Come autobiografico dovrebbe Il Re di Staten Island essere,”https://www.eonline.com/” Apatow ammette. “Abbiamo deciso che potrebbe essere completamente inventati, ma è un immaginando di quello che Pete vita sarebbe stata se non avesse trovato la commedia e sogna di essere un artista del tatuaggio.”

Nel film, Davidson gioca Scott, un giovane uomo nella sua metà degli anni ‘ 20, bloccato in un arresto di sviluppo dopo la morte del suo pompiere padre quando aveva solo sette anni. Nel corso del film, è costretto a finalmente alle prese con il suo dolore e cominciare a muoversi in avanti con la sua vita. Marisa Tomei co-stars come Scott mamma Margie, che serve come Amy surrogata. Nel frattempo, Apatow figlia Maude Apatow gioca Scott sorella Claire, la versione romanzata di Davidson sorella minore Casey.

“È abbastanza trasparente, come ho potuto essere,” Davidson dice E! Notizie di come si è avvicinato a raccontare la sua storia. “Abbiamo voluto seguire questa famiglia e la tragedia, e come li riguarda. E abbiamo voluto mostrare come si potrebbe superare la tragedia attraverso esperienze di vita. Quindi, credo che l’abbiamo tenuto praticamente c’è tutto quello che volevo fare io.”

Sorella Casey affrontato l’effetto, il film ha avuto su di lei fratello in cerca prima featurette, che spiega: “penso che questo film suscitato un sacco di emozioni per lui, però. Nel bene e nel male. Ma penso che sarà terapeutico.”

Come Davidson dice, il suo ragazzo sis è assolutamente giusto. “Penso che quando si è in grado di condividere una storia come questa di questa entità e con così tante persone, e’ davvero mi ha permesso di essere più aperto e onesto, come ho potuto essere e mi ha aiutato a che fare con un sacco di miei demoni personali”, dice. “Questo è qualcosa, che uno degli obiettivi di questo film è stata quella di permettere a me di mettere il mio passato dietro di me e penso che siamo stati in grado di farlo”.

Davidson altro migliore amico Ricky Velezuno dei tanti personaggi del comico vita per fare un’apparizione nel film, ammette che è “cool” per vedere il suo amico “prendere qualcosa che è così vulnerabile” e portarlo alla vita. “Penso che un sacco di gente non capisce Pete e questo è un bel po’ di guardare la sua vita,” continua.

Mentre il film può dare spettatori forse solo familiarità con il comico attraverso il suo alto profilo recenti romanzi l’opportunità di conoscere che egli è un po ‘meglio, per Davidson, il film intenzione era un po’ più semplice.

“Il film è la mia lettera d’amore per la mia mamma e cercando per porre fine a quella parte della mia vita,” dice, nella featurette. “Mi sento come forse siamo arrivati a un luogo dove poter finalmente lasciare andare un po’.”

Ora, il re può guardare avanti a ciò che è prossimo.

Il Re di Staten Island ora è disponibile su richiesta.

(E! e la Universal Pictures, che sono entrambi parte della NBCUniversal familiari).



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *