Recensione Razer Kishi: il controller del telefono più conveniente


Il problema di trovare un gamepad affidabile da utilizzare con il telefono è stato, più o meno, capito quando Android 10 e iOS 13 hanno aggiunto il supporto nativo per il controller DualShock 4 e Xbox One. Tuttavia, Razer sta cercando di risolverlo in modo leggermente diverso con il suo controller mobile Kishi, un accessorio da $ 80 realizzato in collaborazione con Gamevice che – a quanto pare, se non altro – trasforma il tuo telefono in un sosia di Nintendo Switch. È un controller compatto che si divide a metà, delegando una levetta analogica e un D-pad sul lato sinistro e un altro levetta analogica e pulsanti frontali sul lato destro. Ogni lato è collegato da un cavo dati piatto che si estende abbastanza lontano da adattarsi al grande display del tuo telefono Android, senza cornice, ad alta risoluzione al centro.

Kishi supporta sia Razer Phones, Google Pixel 2 e versioni successive, Samsung Galaxy S8 e versioni successive (escluso S20 Ultra), sia Samsung Galaxy Note 8 e versioni successive. Sono supportati altri telefoni, sebbene sia necessario disporre del software Android 8 Oreo, una porta USB-C allineata al centro e dimensioni che non superano 78,1 x 163,7 x 8,8 mm. Razer punta a rilasciare il Kishi realizzato per iPhone questa estate.

$ 80 non sono certamente economici, ma Razer affronta diversi punti dolenti dell'utilizzo di uno dei controller che ho menzionato sopra con un telefono. Tanto per cominciare, si collega direttamente alla porta USB-C del telefono, quindi non è richiesta alcuna associazione e non è necessario acquistare una clip per agganciare il controller e il telefono. Ha una propria porta USB-C che consente la ricarica passthrough durante il gioco, quindi non è necessario caricare il controller separatamente o mettere insieme un set aggiuntivo di batterie sostitutive per un lungo viaggio. Anche qui Razer ha una latenza più bassa di quella che potresti riscontrare con un controller collegato tramite Bluetooth. In effetti, il gameplay sembrava leggermente più scattante con il Kishi rispetto al mio controller Xbox One, a seconda del gioco.

Sono un grande fan di queste convenienze, anche se qui ci sono alcuni problemi unici che non sono presenti con quegli altri controller. Prima di tutto, se il tuo telefono ha un jack per le cuffie, non sarai in grado di accedervi. Lo stesso vale per tutti i pulsanti del telefono che potrebbero essere inaccessibili quando lo si inserisce nella base. Anche la riproduzione audio dal tuo telefono può essere una lotta. La porta passthrough USB-C sul controller purtroppo non supporta l'audio e l'intelligente presa d'aria creata per consentire il suono degli altoparlanti a basso consumo del telefono è utile solo se il telefono ha altoparlanti situati lì. Pixel 2 XL e Pixel 3 che ho usato per testare sono dotati di doppi altoparlanti frontali, che è lo scenario ideale. Se non sei in grado di far riprodurre l'audio dagli altoparlanti, probabilmente vorrai ricorrere all'uso delle cuffie Bluetooth. Funziona, anche se c'è stato un leggero ritardo. Razer non è da biasimare per il ritardo audio, anche se per lo più contrasta il bonus di avere controlli senza ritardo.

Razer Kishi "data-upload-width =" 2040 "src =" https://cdn.vox-cdn.com/thumbor/cPMQkGOycY1YTQ6Kr9c8J8p3FLY=/0x0:2040x1530/1200x0/filters:focal (0x0: 2040x1530): no_upscale /cdn.vox-cdn.com/uploads/chorus_asset/file/20024989/cfaulkner_200604_4054_0004.0.jpg

Sono un fan della disposizione dei pulsanti. Le sue levette analogiche concave sono più grandi e più comode di quelle utilizzate su Nintendo Switch.

Razer Kishi "data-upload-width =" 2040 "src =" https://cdn.vox-cdn.com/thumbor/5YStU8di-A8z1W8filZSGk94ZO4=/0x0:2040x1530/1200x0/filters:focal(0x0:2040x1530):no_upscale () /cdn.vox-cdn.com/uploads/chorus_asset/file/20024986/cfaulkner_200604_4054_0007.0.jpg

Kishi è dotato di uno sfiato dell'altoparlante per far passare il suono, anche se la sua utilità dipende dal fatto che il tuo telefono Android abbia effettivamente un altoparlante a basso consumo.

Un altro problema che non ho potuto ignorare è che la batteria del mio telefono si è scaricata più velocemente con il Kishi connesso, anche quando nessun gioco era in esecuzione. In modo che la porta passthrough USB-C tornerà utile.

Un problema più fondamentale con il nuovo controller di Razer è che i pulsanti e gli stick non si sentono bene come quelli a cui sono abituato a martellare. Queste levette analogiche cliccabili hanno una trama opaca, ma dopo aver visto le levette del mio DualShock 4 deteriorarsi nel corso degli anni, queste non sembrano andare meglio in centinaia di ore di gioco. I pulsanti del viso e della spalla funzionano perfettamente, sebbene la corsa dei pulsanti vada dal sentirsi troppo scattanti o spugnosi. Francamente, non mi sorprende che alcuni dei dettagli più fini del controller non siano abbastanza corti rispetto al controller DualShock 4 o Xbox One. Ma rispetto alla sensazione e alla disposizione dei pulsanti su altri controller per telefoni cellulari, penso che il Kishi sia tra i migliori in circolazione. È una barra bassa, ma comunque.

Sarebbe molto difficile raccomandare di spendere $ 80 se non ci fossero un sacco di buoni giochi da giocare. Oltre a giochi come Fortnite, questo controller è compatibile con l'elenco crescente di giochi disponibili su Google Stadia, Nvidia GeForce Now e Microsoft xCloud. Invece di utilizzare questo controller per ottenere un'esperienza simile a una console sul tuo telefono, puoi giocare a giochi di console reali se hai un abbonamento a uno dei servizi (xCloud è attualmente in una fase di solo invito) e una forte connessione a Internet. Alcuni giochi a cui ho giocato durante i miei test inclusi Destiny 2, Yakuza 0, Soulcalibur VI, e Macchiato di sangue: rituale della notte. Se sei a corto di giochi Android, l'app Kishi terrà sotto controllo i titoli compatibili con il controller.

Razer Kishi "data-upload-width =" 2040 "src =" https://cdn.vox-cdn.com/thumbor/3Vl-B3Q_jd8FKrljLldVJ5mH5z8=/0x0:2040x1530/1200x0/filters:focal(0x0:2040x1530:no () /cdn.vox-cdn.com/uploads/chorus_asset/file/20024990/cfaulkner_200603_4054_0001.0.jpg

La larghezza del Kishi dipende da quale telefono viene utilizzato al suo interno. In questa immagine, Pixel 2 XL si estende appena oltre la larghezza di Nintendo Switch.

Razer Kishi "data-upload-width =" 2040 "src =" https://cdn.vox-cdn.com/thumbor/upB_m7caZHiqWnAsEQnhlFlOQ-A=/0x0:2040x1530/1200x0/filters:focal(0x0:2040x1530:noup () /cdn.vox-cdn.com/uploads/chorus_asset/file/20024985/cfaulkner_200604_4054_0008.0.jpg

Il Kishi come arriva nella scatola al dettaglio. Vorrei che potesse essere utilizzato in questo modulo come controller wireless. Purtroppo, non ha la batteria e deve essere collegato al telefono per funzionare.

Giocare a nuovi giochi e quelli che adoro con il Kishi è quasi buono quanto usare i miei fidati controller. E man mano che lo streaming dei giochi cloud riprende, la proposta di raccogliere qualcosa come Kishi, un controller semplice da installare e da riporre, sembra più attraente di giorno in giorno. Questo è un mucchio di elogi che non mi aspettavo di dare al controller di Razer. Non è privo di problemi o spese, ma se ti vedi giocare a un sacco di giochi in viaggio, inclusi i servizi cloud, il Kishi è conveniente come viene.

Fotografia di Cameron Faulkner / The Verge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *