Paulo Dybala: “non è solo la gente di colore, che dovrebbe essere la lotta contro il razzismo. Tutti dobbiamo’


Argentina internazionale di Dybala, che è attualmente in formazione come la Juventus si prepara a riavviare la stagione calcistica italiana nel venerdì della partita di Coppa Italia contro il Milan, ricorda l’impatto che ha avuto su di Kean e ritiene che il paese di calcio autorità deve consegnare sanzioni più severe in un campionato che è stata colpita da episodi di razzismo, abuso.

“In realtà non era facile per lui e io l’ho provato in varie situazioni di razzismo con altri compagni di squadra, la Juventus, in altri stadi,” Dybala ha detto alla CNN in un’intervista esclusiva. “Molti stadi italiani hanno certo razzismo nei confronti di alcuni giocatori, è successo anche a Mario Balotelli, è successo anche a (Miralem) Pjanic in un match contro il Brescia e credo che l’italiano punizioni dovrebbero essere più dure.

“Se non, sarà, allora, noi giocatori che dovranno prendere le misure nelle nostre mani, in modo che questa non può continuare ad accadere, perché stiamo parlando di uno dei più grandi campionati del mondo, dove milioni di persone che stanno guardando, e se vedono che ci sia il razzismo e non viene intrapresa alcuna azione, la gente ottiene forti e continuare a farlo.

Moise Kean festeggia dopo il gol contro il Cagliari.

“Le persone che hanno di agire ha bisogno di prendere, o sicuramente in breve tempo saranno i giocatori che si occuperà direttamente di prendere azione. Come è accaduto molte volte in passato, molti giocatori decidono di lasciare il campo o non giocare e mi sembra una decisione perfetta, perché è qualcosa che non dovrebbe accadere in un paese.

“Se la società, in questo caso la Federazione italiana, non si decide a fare nulla, i giocatori dovrebbero essere quelle per agire. O, come gli arbitri hanno fatto molte volte in passato, interrompere la partita in modo che queste persone non continuare a commettere tale crimine”.

La Federazione italiana gioco Calcio (FIGC) non era immediatamente disponibile per un commento quando è stato contattato dalla CNN.

Giocatore proteste

Il 25 Maggio, George Floyd, inerme uomo nero, è morto a Minneapolis dopo essere stato arrestato da un bianco funzionario di polizia che forzatamente bloccato lui a terra per diversi minuti in ginocchio sul suo collo. La sua morte ha scatenato le proteste diffuse in tutto il mondo.

Poiché Floyd morte, molti giocatori della Bundesliga e le squadre hanno aderito quelle proteste in campo, guidati dal quartetto di Jadon, Sancho, Achraf Hakimi, Weston McKennie e Marcus Thuram.

Dybala è convinto che la sua nero compagni di squadra non deve mai pensare che essi hanno per combattere i razzisti da solo.

“A volte è difficile mettersi nei panni di qualcuno che soffre di razzismo quando non avete davvero mai soffrire, perché non me la sento,” Dybala dice. “Ma si può sapere cosa succede a causa di avere un compagno di squadra che subisce il razzismo, non solo a causa del loro colore della pelle, ma a causa del paese vengono da persone che discriminano o che vedono come qualcosa di brutto.

“Inoltre, non è solo a causa del colore della pelle, ma le persone sono discriminate a causa di tutto ciò. Ho visto i giocatori Asiatici che erano con me nella squadra giovanile, e queste cose sono tristi.

Jadon, Sancho è stato uno dei tanti giocatori della Bundesliga per protestare contro George Floyd's morte.

“Per fortuna, la mia famiglia che mi ha educato in modo diverso e posso rispettare le persone per quello che sono, per il loro modo di pensare e non a causa di come sono vestiti, che paese di provenienza o il colore della loro pelle.

“Penso che tutti dovrebbero crescere del genere, ma ovviamente non è il caso. Qui, non è il caso che solo le persone di colore, che dovrebbe essere la lotta contro il razzismo. Qui dobbiamo essere tutti uniti come una società, un mondo a farlo.”

Di seguito il razzista abuso subito da Kean contro il Cagliari, poi la Juventus manager Massimiliano Allegri e il difensore Leonardo Bonucci sono stati ampiamente condannati per i loro commenti sull’incidente.

Bonucci ha detto Kean dovuto prendere “50-50 della colpa”, mentre Allegri ha criticato il giovane per la sua celebrazione dopo il gol.

Il difensore successivamente marcia indietro sulle sue dichiarazioni, dicendo di essere stato “frainteso” e troppo “frettolosi” e mentre Dybala riconosce quei commenti sono sbagliato, egli ritiene che essi non sono realmente rappresentativo di coppia.

“A quel tempo, non erano le parole giuste per quello che stava accadendo”, Dybala dice. “Bisogna essere molto cauti quando si parla di certe cose e fornire il giusto messaggio che si vuole dire, perché spesso le parole non sono prese come uno vuole veramente dire.

“Naturalmente, sia il giocatore che da allenatore, può imparare da certe cose, perché li conosco bene e so che non sono razzista pensieri. Forse al momento non ha utilizzato le parole che volevo dire. Quindi, ripeto, penso che (lotta contro il razzismo) è qualcosa che dobbiamo fare, in modo che non accade su un campo di calcio.”

La Juventus del futuro

Soprannominato “La Joya’ — ‘Il Gioiello’–, fin dal suo debutto professionale per il lato Argentino dell’Instituto, Dybala è diventato uno dei più ricercati dopo che i giocatori.

Dybala umilmente insiste che non ha mai dovrebbe raggiungere l’altezza di un club come la Juventus, o hanno la possibilità di rappresentare l’Argentina sulla scena internazionale.

Il duo di Paulo Dybala e Cristiano Ronaldo, che compongono la Juventus' stella linea del fronte.

Il 26-year-old è nato a Laguna Larga, un piccolo comune di appena 6.000 persone “dove i sogni sembrano spesso irraggiungibile”, dice.

Ora, al fianco di Cristiano Ronaldo, Dybala è uno della Juventus beni più preziosi. Dato quanto importante è per Maurizio Sarri squadra, sembra assurdo pensare che l’anno scorso ha quasi lasciato il club.

“E’ stato più o meno l’anno scorso, a questo punto, quando la Juventus non vuole contare su di me, non mi voglio continuare a giocare qui” Dybala ricorda. “Quando sono stato contattato e ci sono alcuni club che si sono interessati a me. Fra questi ci sono il Manchester United e Tottenham. Penso che per un lungo periodo di tempo ci sono state conversazioni, quindi il Paris Saint-Germain anche apparso.

“Non ho parlato direttamente a nessuno di loro, ma c’erano conversazioni con il club. Tuttavia, la mia intenzione fu quella di soggiorno. Non avevo un buon anno o positivo ultimi sei mesi, quindi io non voglio lasciare che l’immagine perché credo di aver dato il club un sacco di bei momenti e non era giusto che ho fatto è questo.

“Così ho anche comunicato che la mia intenzione era di rimanere, lavorare per crescere e dare il meglio di qui. Ovviamente non era facile, perché la Juventus intenzioni erano diverse, ma dopo il mercato chiuso, non c’è più tempo e con l’arrivo di Sarri sono cresciuto un sacco. La squadra ha iniziato a giocare molto meglio e che mi ha fatto rimanere e hanno avuto un grande anno, fino ad oggi”.

Dato alcuni dei più grandi club sono stati rimescolando per la sua firma, si tratta di una sorpresa che la Juventus è ancora a legare i loro star uomo oltre l’estate del 2022.

Dybala è chiaro che vede il suo futuro a Torino, ma ammette che è una decisione che dovrà essere concordato da entrambe le parti.

Paulo Dybala esegue il suo marchio di fabbrica, segno, celebrazione.

“Per ora non c’è nulla, davvero,” Dybala ammette. “Ho un anno-e-un-metà a sinistra sul mio contratto, che non è molto, e capisco che con tutto questo che è accaduto (coronavirus) non è facile per il club, ma gli altri giocatori hanno anche rinnovato — quindi, siamo qui in attesa.

“Ovviamente io sono un giocatore di questo club e sono felice di essere qui. La gente ama molto di me e io amo le persone molto. Ho un grande apprezzamento per il club e le persone che sono qui, ho un buon rapporto con il mio presidente e, sicuramente, a un certo punto si verrà a chat — o forse no, non so,” dice ridendo.

“A un certo punto, forse, ci può essere qualche possibilità di rinnovo, ma dipende dalla Juventus.”

Dybala è uno dei pochi giocatori ad aver avuto la gioia di giocare insieme sia Ronaldo e Lionel Messi, da una certa distanza, i due più grandi giocatori nella loro generazione.

Quando si è in dovere internazionale con l’Argentina, la coppia raramente parlare di calcio, ma Dybala ammette di giocare al fianco il suo compagno di squadra a livello di club, è una proposta interessante.

“La verità è che il Barcellona è la squadra enorme in tutto il mondo e Messi lì ancora più grande,” dice. “Sarebbe molto bello, ma la Juventus è anche un incredibile club, molto grande, piena di storia, dove attualmente ci sono grandi giocatori.

“C’è abbastanza qualità per fare due squadre e la possibilità di giocare con (Gianluigi) Buffon e Cristiano Ronaldo, che rendono il club ancora più grande.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.