Sicilia lancia inchiesta fuoco ‘imbarcazioni di migranti cimitero’ | notizie dal Mondo


I pubblici ministeri in Sicilia hanno avviato una ricerca di incendio doloso in un incendio di venerdì notte sull’isola di Lampedusa, che ha distrutto la “imbarcazioni di migranti cimitero”, il simbolo di una chiave di migrazione crisi.

Centinaia di barche fatiscenti sinistra dietro negli anni dai migranti che arrivano in Italia dal nord Africa è andato in fiamme, causando il panico per diverse ore tra isolani in quello che gli investigatori ritengono sia stato politicamente motivato attacco.

L’incendio, che ha distrutto centinaia di barche abbandonate nei pressi del porto, è il secondo atto di vandalismo di pro-migranti simboli su di Lampedusa in una settimana. Il 3 giugno, il Gateway per l’Europa (Porta d’Europamonumento, progettato dall’artista Mimmo Paladino nel 2008 come un memoriale per i migranti morti effettua la traversata, era avvolto da vandali in sacchetti di plastica.

La ‘Porta d'Europa’ (Porta d'Europa) è stato avvolto da vandali in sacchetti di plastica.



La ‘Porta d’Europa’ (Porta d’Europa) è stato avvolto da vandali in sacchetti di plastica. Foto: Ciro Fusco/EPA

“Dobbiamo mobilitare tutte le risorse possibili per far luce su questi episodi di intolleranza che hanno posto la gente ospitale di Lampedusa in cattiva luce,” ha detto Salvatore Vella, il procuratore della repubblica di Agrigento che sta studiando gli attacchi. Egli ha espresso preoccupazioni circa l’effetto sul turismo, una parte importante dell’economia dell’isola. “Lampedusa non deve diventare il sito di guerriglia urbana guerra.”

All’altezza dei migranti crisi nel 2015, più di 21.000 richiedenti asilo sbarcati a Lampedusa, il punto più meridionale d’Italia. Arrivi da allora sono sceso di oltre l ‘ 80%, ma centinaia di migranti ancora trovare la loro strada per l’isola, con 600 sbarcati la scorsa settimana.

Negli ultimi anni, alcuni Lampedusa residenti hanno accusato l’Italia è leader di abbandonare l’isola e ponendo la gestione della crisi migratoria sulle loro spalle.

“C’è una precisa strategia per creare un clima di tensione e di intolleranza nei confronti di una difficile situazione per la nostra isola”, ha detto Totò Martello, il sindaco di Lampedusa, riferendosi alla fragile economia dell’isola e l’effetto del coronavirus pandemia sul turismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *