Facebook dice agli amministratori del gruppo di considerare l'aggiunta di persone di colore come moderatori


Facebook ha pubblicato nuovi consigli ieri sera per gli amministratori di gruppo nel tentativo di aiutarli a facilitare le conversazioni su razza e disuguaglianza. I gruppi, essenziali per la strategia aziendale di Facebook, hanno faticato a moderare le discussioni sul movimento e l'ingiustizia di Black Lives Matter negli Stati Uniti, con molti amministratori e moderatori che eliminano i post che considerano "politici". Le decisioni di eliminazione hanno spinto i membri a lasciare i gruppi in cui erano presenti da anni, a discutere tra loro, a formare gruppi scheggiati ea volte a chiudere temporaneamente i gruppi completamente.

Facebook affronta direttamente il divieto di post politico seguito da molti gruppi e raccomanda ai leader di creare elenchi specifici di argomenti che non sono ammessi. Cita "discussioni su legislazione, candidati politici o campagne specifiche" come esempi. Facebook ha precedentemente ha raccomandato ai gruppi di creare un elenco di regole per aiutare a moderare la conversazione, ma queste regole sembrano essere ciò che fa scattare i moderatori adesso. Un gruppo dedicato al musicista Hozier, ad esempio, ha permesso alle dichiarazioni politiche di Hozier di rimanere in diretta, ma i moderatori hanno eliminato i pensieri dei membri, come The Verge documentato ieri in una storia separata.

Facebook raccomanda anche nel suo post che gli amministratori si educino ai problemi; "Creare opportunità per membri nuovi e diversi" per unirsi al team di moderazione; riconoscere gli eventi attuali con un post che delinea le regole; ascoltare i membri; essere "aperto al cambiamento" attorno a quali post sono consentiti; e potenzialmente approvare tutti i post prima che vengano pubblicati.

"Sappiamo che queste conversazioni sono difficili e riflettono le disparità in atto nella nostra società", scrive Facebook. "Sono anche necessari e speriamo di poter continuare ad aiutarti a facilitare le discussioni e l'apprendimento in corso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *