Recensione della soundbar Sonos Arc: eccellente suono surround Atmos


La nuova soundbar Sonos Arc è forse la più grande flessibilità dei progressi di progettazione, ingegneria e tecnologia della società che abbiamo già visto.

Mentre $ 399 Beam era indirizzato direttamente al grande mercato di persone che cercavano di migliorare il suono sordo e poco brillante proveniente dai loro altoparlanti TV, l'Arco $ 799 rappresenta l'apice di ciò che Sonos può fare in salotto. Sospetto che sarà anche l'introduzione per molte persone dell'audio Dolby Atmos in casa. I televisori 4K sono ovunque, ma molte persone potrebbero essere più riluttanti a investire nel suono oltre la tua soundbar Vizio da $ 200. Ascoltare l'Arco ti farà desiderare di possederlo. È un promemoria che, anche se Sonos si avventura nei servizi, nell'intelligenza artificiale vocale e nell'evolversi della sua piattaforma, sa ancora come rendere dannatamente bravi oratori.

Tuttavia, è importante notare proprio in alto che per ottenere il massimo dall'arco, avrai bisogno di una TV acquistata negli ultimi due anni. Sonos ha fatto una scelta chiave per progettare di mettere una sola porta HDMI sull'Arco, il che significa che avrai bisogno di un televisore in grado di inviare Atmos attraverso la sua porta HDMI ARC per ascoltare il suono surround più completo possibile. Se disponi di una TV precedente al 2017, potrebbe non essere possibile inviare Atmos tramite HDMI e non è possibile collegare direttamente un dispositivo Atmos come una Apple TV a Sonos. Questa è stata una limitazione nei nostri test: l'LG B6 OLED del 2016 nella sala multimediale di Nilay non è in grado di inviare Atmos tramite la sua porta HDMI e Sonos gli ha inviato una TV Sony più recente per poter testare Atmos on the Arc.

Detto questo, i televisori 4K più recenti dovrebbero essere in grado di inviare l'audio Atmos da app come Netflix alla soundbar attraverso la porta HDMI ARC della TV. E il molto i modelli più recenti di LG, Sony e altri hanno una versione aggiornata di HDMI ARC chiamata eARC (migliorata canale di ritorno audio), che offre maggiore larghezza di banda, trasferimento più veloce dei dati e supporta Atmos senza perdita di lettori Blu-ray. eARC sincronizza anche automaticamente i segnali audio e video, eliminando i lievi problemi di sincronizzazione labiale che a volte ho riscontrato durante l'invio di segnali audio surround al Beam e a una soundbar Vizio di cui sono anche io proprietario. Sonos include un adattatore HDMI-ottico nella confezione, ma perdi completamente Atmos se usi l'audio ottico, quindi non so davvero perché qualcuno si preoccuperebbe.

Se hai osservato l'Arco, potresti già avere familiarità con molta di questa terminologia. È una soundbar pensata per gli appassionati di home theatre che, per qualsiasi motivo, non sono interessati ad esibirsi con diffusori a soffitto e un'esperienza surround 7.1 completa. Se sei tu, penso che l'Arco offra un'esperienza audio fenomenale per il suo prezzo. Devi solo assicurarti che la tua TV sia in grado di sbloccare quel potenziale. È una strana limitazione; a questo prezzo, è ragionevole aspettarsi un passthrough HDMI in modo da poter provare Atmos senza dover potenzialmente aggiornare la TV.

Un'immagine dettagliata della porta HDMI su Sonos Arc. "Data-upload-width =" 2040 "src =" https://cdn.vox-cdn.com/thumbor/GP-3NMXe23kq3ihraDxW4BJL8jg=/0x0:2040x1360/1200x0/ filtri: focale (0x0: 2040x1360): no_upscale () / cdn.vox-cdn.com/uploads/chorus_asset/file/20016873/npatel_200602_4050_0050.0.jpg

Sonos Arc ha una singola porta HDMI.

L'Arco è un molto ampia soundbar chiaramente progettata per essere abbinata a TV di grandi dimensioni. A 45 pollici di lunghezza (un aumento di 10 pollici rispetto alla Playbar), occupa quasi l'intera larghezza del mio supporto TV ed è quasi largo quanto il televisore da 55 pollici con cui lo sto usando. Se hai a che fare con spazi ristretti in un piccolo appartamento, il Beam è molto più facile da adattare. L'Arco può essere montato sul muro e, in questo orientamento, regola automaticamente le frequenze e riduce la risonanza dei bassi per evitare di scuotere la vita camera. La calotta esterna è tutta in plastica opaca, ma nulla sembra a buon mercato. Il design pulito e perforato – Sonos ha praticato 76.000 fori nella cosa – focalizza la tua attenzione sullo stile anziché sui materiali. L'arco nero che ho usato sembra fantastico sotto la mia TV. Anche Sonos ne vende uno bianco, ma anche senza vederlo di persona so che lo troverei troppo fastidioso. Niente dovrebbe mai distogliere lo sguardo da ciò che è sullo schermo della TV.

Una vista dall'alto dei pulsanti capacitivi nella parte superiore di Sonos Arc. "Data-upload-width =" 2040 "src =" https://cdn.vox-cdn.com/thumbor/0jtziHR4_lH33GthOH-hiHxiB8A=/0x0:2040x1360 /1200x0/filters:focal(0x0:2040x1360):no_upscale()/cdn.vox-cdn.com/uploads/chorus_asset/file/20016878/npatel_200601_4050_0023.0.jpg

L'Arco ha gli stessi controlli touch capacitivi del Beam.

In cima ci sono il solito set di controlli capacitivi di Sonos. La luce di stato a LED sull'Arco riduce automaticamente la luminosità in base alla luce ambientale nella stanza in modo da non essere fastidiosa, ma puoi anche spegnerla del tutto. Sul retro c'è la porta HDMI e una presa Ethernet se trovi che le prestazioni Wi-Fi sono carenti, ma non ho riscontrato alcun problema nell'utilizzarlo sulla mia rete Wi-Fi a 2,4 GHz.

Utilizzato dal suo solitario senza diffusori Sub o surround, l'Arco può fungere da sistema Atmos 5.0.2: ciò significa che hai cinque canali orizzontali (sinistro, surround sinistro, centrale, surround destro, destro) e i due verso l'alto diffusori a fuoco che riflettono il suono dal soffitto per quel senso di altezza e presenza che è il segno distintivo di Dolby Atmos. Questo è ciò che fa sembrare che il suono stia accadendo intorno a te invece di venire solo di fronte o dietro. L'aggiunta di Sonos Sub al mix consente all'Arco di scaricare le frequenze dei bassi e di concentrarsi completamente su alti e medi per un'esperienza complessiva più completa. Per quanto riguarda i surround, puoi usare praticamente qualsiasi coppia di diffusori corrispondenti della gamma Sonos (escluso lo Move). Sonos consiglia gli altoparlanti One SL a questo scopo, ma è possibile utilizzare due diffusori Play: 5s o anche due degli altoparlanti Sonos / Ikea Symfonisk come surround posteriori. L'unica regola è che non puoi mescolare due altoparlanti diversi; devono essere due dello stesso prodotto.

Ecco il riassunto completo dei formati audio supportati da Arc:

  • Dolby Atmos
  • TrueHD (per lettori Blu-ray esterni)
  • Dolby Digital Plus
  • Dolby Digital

DTS e LPCM multicanale rimangono assenti da tale elenco. Sonos ha da tempo rifiutato di adottare DTS, quindi non mi sorprende più. Francamente, non mi trovo mai a perderlo. Ma la mancanza di LPCM multicanale significa che non otterrai l'audio surround dal Nintendo Switch o da molti giochi per PC, e alcuni i potenziali acquirenti di Arc non sono contenti di questa omissione. Per fortuna, ci sono buone notizie: quest'ultima arriverà in un futuro aggiornamento del software per Arc. Sonos non dice esattamente quando i clienti possono aspettarselo, ma l'impegno di aggiungere LPCM è lì.

Se non sei mai sicuro del tipo di audio attualmente riprodotto dall'Arco, puoi controllare la sezione "Informazioni sul mio sistema" dell'app Sonos. Per i contenuti di Atmos, vedrai anche un indicatore nella schermata In riproduzione.

Un colpo di dettaglio della parte anteriore dell'arco Sonos, che mostra il logo Sonos e molti fori perforati nella custodia esterna. "Data-upload-width =" 2040 "src =" https://cdn.vox-cdn.com/thumbor /mdcVNisH7ITFNkPJZi5KdIZK8Vc=/0x0:2040x1360/1200x0/filters:focal(0x0:2040x1360):no_upscale()/cdn.vox-cdn.com/uploads/chorus_asset/file/20016876/npatel_200601_4050_0024.0.jpg

Sonos Arc ha un design in plastica opaca che non attira molta attenzione.

Abbiamo testato l'Arco in due modi: da solo in un appartamento e abbinato a un Sonos Sub in una media room seminterrato di medie dimensioni che ha anche un tradizionale sistema surround Atmos 5.1.2 con altoparlanti nel soffitto.

E l'Arco è rimasto più che impressionato: in effetti, abbinato al Sub, l'Arco ha prodotto un suono coinvolgente come il sistema Atmos a altoparlanti multipli. Se non sapessi che l'Arco stava facendo rimbalzare il suono dal soffitto e dalla parete posteriore, potresti facilmente credere che c'erano degli altoparlanti lì. Rispetto al tradizionale sistema Atmos, l'Arco suonava diverso – è decisamente sintonizzato per offrire dialoghi molto forti ed è ancora una soundbar, quindi il palcoscenico complessivo sinistro / destro non è così ampio – ma ha prodotto un effetto surround che è stato altrettanto convincente. Prendi la scena iniziale di Baby Driver: sembrava che ci fossero macchine che volavano sullo schermo, elicotteri in testa e sirene che sfrecciavano. Mission: Impossible – FalloutLa scena finale dell'elicottero è stata altrettanto coinvolgente. L'Arco con un Sub è costoso – $ 1,498 se acquistati insieme – ma rispetto al costo e alla complessità di un ricevitore standard e di almeno sette altoparlanti con due installati nel soffitto, è più che perfetto.

Ma se non hai una stanza che è essenzialmente una scatola piatta, la capacità dell'Arco di far rimbalzare il suono svanisce – in un ampio soggiorno aperto con un soffitto a doppia altezza, l'Arco non offriva davvero alcuna esperienza surround. Non è un colpo – la cosa è progettata per far rimbalzare il suono dai muri – ma sii consapevole di questa limitazione.

Per completamente ottimizzare il suono dell'Arco in base al tuo salotto, dovrai eseguire la funzione di ottimizzazione Trueplay dell'azienda, ma questa è ancora disponibile solo su iPhone o iPad. Vorrei che i microfoni integrati potessero effettuare alcune regolazioni automatiche del profilo audio allo stesso modo di Sonos Move, ma non è un'opzione con l'Arco. Dal momento che la stanza (e persino l'altezza dei tuoi soffitti) influisce in modo così pesante, camminare e agitare il telefono dà ancora a Sonos letture migliori da usare.

Ho anche testato l'Arco nel mio appartamento di Brooklyn in una configurazione autonoma senza Sub. Come la LG di Nilay, la mia Roku TV della serie P TCL ha qualche anno a questo punto e non è in grado di passare Atmos sulla sua porta HDMI ARC, quindi il meglio che l'Arco potrebbe fare per me è stato Dolby Digital Plus. Ma anche in quel caso, l'uscita audio è stata un notevole upgrade dalla Playbar e ha completamente abbattuto il Beam. Con otto woofer e tre tweeter, Arc offre un palcoscenico ampio e ricco. E poiché il mio posto ha soffitti bassi e pareti vicine che circondano la soundbar, l'effetto surround è stato convincente. Nonostante non ci fosse un Sub, trovavo ancora che la fascia bassa fosse brusca e forte; nient'altro, e probabilmente i miei vicini si sarebbero arrabbiati. Esiste una modalità Suono notturno per ridurre il volume e il brio dell'arco se non vuoi disturbare nessuno, e anche una funzione di miglioramento del parlato per enfatizzare il dialogo. Non ho mai ritenuto necessario quest'ultimo, poiché le voci arrivano attraverso il canale centrale in modo molto chiaro.

Un'immagine dettagliata della parte posteriore dell'arco Sonos, che mostra il jack ethernet e il pulsante di accensione. "Data-upload-width =" 2040 "src =" https://cdn.vox-cdn.com/thumbor/8o3uBo2larbsw2npB3gsqT8NItU=/0x0 : 2040x1360 / 1200x0 / filtri: focale (0x0: 2040x1360): no_upscale () / cdn.vox-cdn.com/uploads/chorus_asset/file/20016956/npatel_200602_4050_0048.0.jpg

C'è un jack Ethernet sul retro dell'Arco.

L'Arc conserva molte funzionalità di Beam, inclusi i microfoni integrati per i comandi vocali di Amazon Alexa o Google Assistant. Anche AirPlay 2 di Apple è supportato. Nella mia esperienza, ho scoperto che queste funzioni sono principalmente utili per l'ascolto della musica e anche in questo caso le ignoro completamente. Per l'audio non TV, il mio istinto è ancora quello di utilizzare l'app Sonos sul mio telefono o utilizzare un dispositivo diverso se voglio interagire con un assistente vocale.

Parlando dell'app Sonos, l'Arco, insieme al nuovo Sonos Five e al Sub aggiornato, sono i primi prodotti progettati per il nuovo aggiornamento "S2" che Sonos sta lanciando per i suoi altoparlanti questo mese. C'è un'app Sonos nuova di zecca da accompagnare, anche se sembra e funziona molto come quella precedente. Sonos afferma che questa piattaforma S2 apre nuove possibilità per l'audio ad alta risoluzione e altre funzionalità imminenti. Puoi solo utilizzare Arc con la nuova app Sonos, non la versione precedente che rimarrà disponibile per i dispositivi Sonos precedenti. Se sei confuso, la compagnia ha una grande FAQ sull'aggiornamento qui. L'aspetto chiave è che, a meno che tu non abbia prodotti Sonos molto vecchi nel tuo sistema, i tuoi attuali altoparlanti riceveranno l'aggiornamento S2.

Sonos Arc è un successo dal punto di vista delle prestazioni, ma l'esperienza che otterrai dipenderà fortemente dalla tua TV. È una sfortunata realtà dell'home theater che dovrai passare il tempo a confondere con le impostazioni della tua TV per questa soundbar da $ 800 per ricevere il segnale audio giusto e suonare al meglio. Ma se hai una TV che supporta Atmos su HDMI ARC – e se quella TV si trova in una stanza di forma convenzionale – l'Arco offre un suono avvolgente che ti aiuterà a migliorare i tuoi film e programmi TV preferiti ben oltre il raggio più basso. È la soundbar Atmos da battere se sei investito nell'ecosistema Sonos. E anche per coloro che non lo sono ancora, l'Arco è ancora facile da raccomandare come punto di partenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.