A Roma, papa Francesco ha di uscire più forte dalla prova del confinamento


Da Jérôme Gautheret

Pubblicato oggi 01h32

LETTERA DA ROMA

Domenica, 31 maggio, a mezzogiorno, papa Francesco è apparso alla finestra del palazzo apostolico per parlare alle migliaia di fedeli che erano in attesa del suo aspetto, giù di place Saint-Pierre. “Miei cari fratelli e sorelle, buongiorno. Ora che i posti sono aperti, ci si può tornare. È un piacere ! “ Queste poche e semplici parole, ha dovuto aspettare tre mesi per ascoltare. L’ultima volta che il sovrano pontefice era apparso, è stato 1er marzo, mentre in Italia, e presto l’intera Europa era in procinto di scoprire l’entità dell’epidemia di Covid-19, che era in un paio di giorni per paralizzare il continente.

Mascherato e costretto a mantenere una buona distanza l’uno dall’altro (il che non è difficile, una ordinaria domenica, l’assistenza è da 15 000 a 20 000 persone, e piazza San Pietro, in grado di ospitare molto di più del mondo), i fedeli hanno risposto a queste semplici parole con un lungo applauso.

Papa Francesco parla dalla finestra del palazzo apostolico per i fedeli in piazza San Pietro, in Vaticano, il 31 maggio.
Papa Francesco parla dalla finestra del palazzo apostolico per i fedeli in piazza San Pietro, in Vaticano, il 31 maggio. VATICANO NEWS / AP

In precedenza, la mattina, il papa ha celebrato la messa della domenica di Pentecoste nella basilica di San Pietro a Roma, davanti a cinquanta persone. Il giorno prima, per la sua prima apparizione davanti ad un pubblico dall’inizio del confinamento, aveva partecipato ad una preghiera del rosario dalla grotta di Lourdes, in compagnia di un po ‘ più di un centinaio di persone, nei giardini del Vaticano. Per il pontefice, il tempo della preghiera solitaria è completato. Ma questo non significa che l’ora del bagno di folla è tornato.

Articolo riservato ai nostri abbonati Leggi anche Coronavirus : gli Italiani sono permesso di spostare tutto il paese senza restrizioni

Il quartiere intorno al Vaticano, di solito consegnato ai pellegrini e agli ecclesiastici di più i Romani, ancora deserto, nonostante la fine del confinamento. La maggior parte dei negozi di souvenir e ristoranti per i turisti sono chiusi.

I visitatori non sono in fila

La basilica di Saint-Pierre, ha riaperto le sue porte il 25 maggio, dopo la conformità con la nuova normativa. Marcatura terra per indicare le distanze, prendendo la temperatura… per la più grande chiesa della cristianità si è adattato senza difficoltà alle esigenze del momento. Ma i visitatori non folla, lontano da esso, se è possibile, nel mezzo del giorno, di rimanere alcuni minuti, in un testa a testa con la Pietà di michelangelo, senza essere disturbati da nessuno. Esperienza da capogiro.

Piazza san Pietro in Vaticano il 31 maggio.
Piazza san Pietro in Vaticano il 31 maggio. TIZIANA FABI / AFP

In questo tempo di contenimento, il centro simbolico e spirituale del cattolicesimo è improvvisamente trovato deserta. Eppure, in mezzo la paura e il silenzio, il papa è stato in grado di dare, più volte, i messaggi che hanno segnato gli spiriti. Giocando su quello che, per secoli, una delle sorgenti del cattolicesimo : la forza delle immagini.

Ancora 58.71% di questo articolo da leggere. La suite è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *