Spotify aggiunge 8: 46 minuti di silenzio alle playlist e ai podcast in onore di George Floyd


Spotify aggiungerà un momento di silenzio di 8 minuti e 46 secondi per selezionare playlist e podcast sulla piattaforma per onorare George Floyd. La durata del momento di silenzio è uguale alla quantità di tempo che l'ex agente di polizia di Minneapolis Derek Chauvin appuntato Floyd per il collo con il ginocchio, causando la morte di Floyd e scatenando proteste e manifestazioni universali nelle città degli Stati Uniti e in tutto il mondo.

L'azione di Spotify fa parte di un movimento più ampio nel settore della musica chiamato Martedì nero progettato per protestare contro la violenza della polizia e il razzismo. Numerose etichette discografiche partecipano in seguito a chiamare all'azione dal capo marketing di Atlanta Records Jamila Thomas e l'ex dipendente atlantica Brianna Agyemang che ha iniziato con l'hashtag #TheShowMustBePaused. Anche ViacomCBS lo è partecipare a un blackout della durata di 8 minuti e 46 secondi attraverso la sua rete e i canali via cavo a partire dalle 17:00 ET di lunedì.

“Il 2 giugno è Black Out Martedì, una giornata di disconnessione collettiva dal lavoro intesa ad aiutare le persone a riflettere e riunirsi a sostegno della comunità nera. In questo giorno – e ogni giorno – Spotify supporterà i nostri dipendenti, amici, partner, artisti e creatori nella lotta contro il razzismo, l'ingiustizia e la disuguaglianza ", l'azienda scrive in un post sul blog. "Stiamo sfruttando il potere della nostra piattaforma per stare con i creatori di Black, amplificare le loro voci e accelerare conversazioni significative e cambiamenti necessari a lungo. Di conseguenza, noterai alcune modifiche su Spotify a partire dalle 00:01 di martedì. "

Oltre al momento di silenzio, Spotify afferma che metterà in pausa tutta la pubblicazione sui social media, sostituirà il podcast principale e le immagini e i loghi delle playlist con un'immagine oscurata e promuoverà in modo più evidente artisti e podcast neri con playlist appositamente curate e la sua storia nera esistente è Ora hub. L'azienda abbina anche le donazioni finanziarie fatte dai dipendenti alle organizzazioni che combattono il razzismo e l'ingiustizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.