Un ristorante nei Paesi Bassi sta usando inquietanti camerieri robot per le distanze sociali


Un ristorante nei Paesi Bassi ha introdotto nuovi camerieri di robot come un modo per ridurre il contatto da uomo a uomo nel mezzo della pandemia di coronavirus. I robot bianchi e rossi (che mi stanno dando sul serio Rosey il robot vibrazioni) accoglierà i clienti, servirà cibo e prenderà i piatti usati dai tavoli dei commensali presso il ristorante del Palazzo Reale nella città di Renesse, secondo il Associated Press.

I robot ancora senza nome dicono "ciao e benvenuto", e indossano piccole sciarpe (per sembrare meno inquietanti? Idk).

"Ci aiutano nel lavoro che facciamo", afferma Leah Hu, la cui famiglia possiede il Palazzo Reale. “Spesso siamo occupati a pulire i tavoli e i robot ci danno una mano in più. Non stiamo scomparendo. Siamo ancora qui. Avranno sempre bisogno di persone in questo settore. "

I ristoranti nei Paesi Bassi sono chiusi da mesi durante la pandemia e molti stanno iniziando a riaprire, ma con limiti al numero di ospiti ammessi. I server robot, ovviamente, non riescono a ottenere il coronavirus, ma è anche probabile che non siano in grado di aiutare i clienti con allergie alimentari o ottenere quel seggiolone per quella festa di sette con un bambino che si contorce.

Sono stati alcuni mesi difficili per l'industria dei servizi alimentari, con ristoranti che perdono circa 5,5 milioni di posti di lavoro solo in aprile. Sembra improbabile che i camerieri robot stiano per impadronirsi presto nei ristoranti americani (il solo costo probabilmente li rende proibitivi per la maggior parte dei piccoli stabilimenti), ma sono stati comuni in ristoranti in Cina per diversi anni adesso.

E vale la pena notare che le "persone di macchine" che servono cibo nei ristoranti cinesi sono più una novità che un modo per essere più efficienti; la maggior parte dei camerieri robot apparentemente fanno schifo al loro lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *