Raphael, l’ultima rinascita, nelle Scuderie del Quirinale a Roma




<p data-recalc-dims=La mostra “Raffaello 1520-1483” dalle scuderie del Quirinale, a Roma, tenuto dal 5 marzo al 2 giugno.

“/>

La mostra “Raffaello 1520-1483” dalle scuderie del Quirinale, a Roma, tenuto dal 5 marzo al 2 giugno.

Piero Tenagli /IPA Agenzia/Maxppp

Molto simbolicamente, le Scuderie del Quirinale, sede di eventi culturali a Roma, sono stati scelti il 2 giugno, il giorno in cui sarebbe finita la grande mostra ” Raffaello 1520-1483 “, e riaprirlo al pubblico. Chiuso nel panico a causa della pandemia di Covid-19, appena tre giorni dopo la sua inaugurazione, il 5 marzo, sarà esteso, dalle ore 9 ore alle ore 22, fino al 30 agosto. L’impiccagione di 200 opere, tra cui il famoso Fornarina, per celebrare i 500 anni della morte del genio del Rinascimento, tagliare, all’età di 37 anni di febbre.

“Il primo giorno del parto in Italia, ho detto gli organizzatori che sarebbe per i prestiti in essere esteso. “Sebastian Allard, direttore del dipartimento di pittura del Louvre

Nella comunità di musei, sopraffatto dall’epidemia di cancellazioni e rinvii, l’annuncio della risurrezione è suonato come un miracolo. “Speravo con tutto il mio cuore, accende Sébastien Allard, direttore dei dipinti dipartimento del Louvre, che ha prestato un capolavoro, il Ritratto di Baldassare Castiglione. Il primo giorno di reclusione in Italia, ho detto gli organizzatori che sarebbe per i prestiti in essere esteso. Non c’era un’ombra di esitazione. “

Rassicurato dalle misure di protezione adottate dal Quirinale, tra cui il riparo della luce, dei disegni, delle altre istituzioni, come il museo del Prado di Madrid o la National Gallery di Londra, che si prevede di proporre una mostra di Raffaello nel 2022, hanno anche accettato di estendere a tre mesi dei prestiti. “L’opportunità che ci offrono ai visitatori non capita due volte nella vita “, sterline Eike Schmidt, direttore della galleria degli Uffizi di Firenze, che ha prestato non meno di 50 opere per l’occasione. “Immaginiamo che rappresenta, alla fine dei tre anni di preparazione, la cancellazione dello show, dopo un successo generale… “, ha compassione sul suo lato Sébastien Allard.

Per evitare fiscale catastrofe per il governo

Al di là dell’empatia, il titolo di questa sezione, sincero come è, alcune considerazioni sono più i materiali sono stati salvataggio di questa mostra. Il blocco del trasporto aereo europeo, ha giocato a favore degli organizzatori : perché accelerare il rimpatrio dei lavori, mentre la chiusura dei confini del trasporto di queste parti sono più lunghe e complesse costose ? Un accordo al più alto picco di stato fosse Stato necessario, nel 2019, di rilasciare alcuni dei capolavori di Raffaello, appartenenti a musei francesi, in cambio del prezioso prestiti per la mostra che celebra il Louvre a 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci. Il 6 aprile, l’anniversario della morte di Raffaello, il presidente della repubblica italiana, Sergio Mattarella, ha anche indicato che avrebbe “tutti “ attuazione per l’evento che si terrà…

Ancora 49.64% di questo articolo da leggere. La suite è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *