Google ritarda l'annuncio di Android 11 Beta mentre le proteste si diffondono nelle città statunitensi


Google aveva in programma di svelare nuove funzionalità in arrivo su Android 11 il 3 giugno, ma ha deciso di ritardare la presentazione. In un tweet di venerdì sera, l'account sviluppatore di Android ha dichiarato che "Siamo entusiasti di dirti di più su Android 11, ma ora non è il momento di festeggiare". Google afferma che "tornerà con altri su Android 11, presto", ma non ha detto quando potrebbe essere.

Anche se Google non dice esplicitamente il perché, il motivo è molto chiaro. L'annuncio arriva quando molte città americane sono piene di proteste, saccheggi e incendi. Il la risposta alla morte di George Floyd nel Minnesota si è estesa ben oltre il conflitto a Minneapolis. L'area della baia in cui hanno sede Google e la maggior parte dei suoi dipendenti ha visto gravi conflitti sia a San Jose che a Oakland la sera in cui Google ha chiamato il suo evento. È un brutale notte qui nella zona della baia.

Come il nostro spiega il sito gemello Vox.com:

Le proteste contro l'uso eccessivo della forza da parte delle forze dell'ordine sono emerse in tutto il paese, anche a Minneapolis, Denver, Los Angeles, Louisville e Columbus, in seguito alla morte di George Floyd, un uomo di colore disarmato che è stato arrestato per sospetto di falsificazione e bloccato a terra da agenti di polizia a Minneapolis, Minnesota. In seguito fu dichiarato morto in un ospedale regionale.

L'incidente segue una serie di morti di individui neri disarmati quest'anno, tra cui 26 anni Breonna Taylor, che è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco dalla polizia nella sua casa di Louisville, Kentucky, a marzo, e Ahmaud Arbery, che stava facendo jogging in un quartiere di Atlanta, in Georgia, prima di essere colpito da due uomini bianchi a febbraio.

Il sollevazioni e la risposta del governo ad essi è diventata incredibilmente seria negli ultimi giorni. Non solo federali ha pilotato un drone predatore disarmato sopra Minneapolis, il tweet del Presidente sul saccheggio ha portato Twitter a mettere un avvertimento su "glorificare la violenza". Ciò ha dato il via a una catena di eventi che si è conclusa con un ordine esecutivo che, se avesse avuto la possibilità di sopravvivere alle sfide del tribunale, avrebbe cambiato radicalmente la natura dell'intera Internet.

A livello pratico, Google ha sicuramente capito che poche persone sarebbero in vena di entusiasmarsi per le nuove funzionalità di Android. A livello umano, ritardare il lancio è stata semplicemente la cosa giusta da fare.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *