Facebook prende in giro una visione del lavoro remoto usando la realtà aumentata e virtuale


Facebook ha creduto a lungo nella promessa di una realtà virtuale e aumentata che va ben oltre l'intrattenimento, e ora stiamo dando uno sguardo più chiaro a come potrebbe essere quel futuro ora che l'attuale pandemia sta rimodellando il modo in cui le aziende di tutto il mondo pensano al lavoro a distanza.

Secondo Andrew "Boz" Bosworth, capo di AR e VR di Facebook, la società sta già investendo nel "potenziamento del lavoro a distanza e della produttività" utilizzando tali tecnologie. Ha persino condiviso un video di ciò che potrebbe apparire, presentando filmati reali di un test sperimentale usando hardware e software prototipo di Facebook.

Non è molto: il video dura solo otto secondi. Ma mostra l'idea che i dirigenti di Facebook come Bosworth pensano che potrebbe essere il futuro del lavoro. Vediamo alcuni display fluttuanti, che vengono rapidamente ridimensionati e riorganizzati dall'utente con una forma di gesto touch che sembra un pizzico, un trascinamento e uno zoom.

Naturalmente, questi display sono virtuali, ma il mondo intorno all'utente è reale, grazie al passthrough. Oculus usa il termine per riferirsi all'utilizzo di telecamere rivolte verso l'esterno su un visore Rift o Quest VR per vedere la stanza intorno a te. Passthrough viene utilizzato per creare la barriera mesh virtuale che confina il software Oculus all'interno di una determinata area disegnata dall'utente tramite il controller Touch. La funzione è utile anche se sei semplicemente curioso di sapere dove ti trovi in ​​una stanza o quanto potresti essere vicino a, per esempio, un muro o un mobile.

Ma qui in questa demo, Bosworth afferma che Facebook immagina un mix di AR e VR – ciò che l'industria tecnologica chiama realtà mista – che utilizza il passthrough per mostrarti la tastiera mentre digiti. In questo modo, puoi avere l'effetto tangibile dell'uso di una tastiera fisica senza doversi preoccupare dello spazio necessario per una corretta configurazione a tre monitor. C'è anche una piccola barra dei menu che sembra fluttuare nella parte inferiore del campo visivo dell'utente e sembra che contenga scorciatoie e altre funzioni rapide relative alla produttività a cui potresti accedere con un tocco del dito.

“In futuro, potremmo creare uno spazio di lavoro potenziato potenziato con più schermi personalizzabili in VR, senza limiti dai limiti dei monitor fisici. Sfrutterebbe tecnologie come Passthrough per creare un'esperienza di produttività in realtà mista che consenta alle persone di passare da un mondo reale a uno virtuale e in qualsiasi momento, migliorando la consapevolezza dello spazio e offrendo la flessibilità a cui siamo abituati con laptop e altri dispositivi comuni ", si legge in post del blog Facebook pubblicato oggi. "Combinando la flessibilità di nuovi input come il tracciamento manuale con la familiarità dei dispositivi di input quotidiani come tastiera e mouse, potremmo offrire alle persone il meglio di entrambi i mondi."

Questa non è roba del tutto nuova. Abbiamo visto demo come queste sulle cuffie Microsoft HoloLens e Magic Leap One. Facebook e Oculus hanno anche mostrato capacità simili nel contesto della dimostrazione del tracciamento delle mani di Oculus e di altre funzionalità che sarebbero fondamentali quando indossi effettivamente qualcosa sul tuo viso mentre fai un lavoro significativo, come scrivere e leggere ciò che possiamo solo sperare sarà un testo leggibile su uno schermo virtuale. (La demo condivisa da Bosworth viene catturata dall'auricolare stesso, quindi è difficile dire che aspetto abbia effettivamente l'utente.)

Ma è interessante notare che Facebook sta accelerando il suo lavoro nella realtà mista durante la pandemia di COVID-19. La società ha già un'unità aziendale per Oculus dedicata alla vendita di cuffie alle aziende. Il lavoro congiunto di Facebook e Oculus sul tracciamento manuale, avatar più realistici, audio spaziale e tecnologia wireless più potente illustrano quanto seriamente la società sia impegnata nell'idea della presenza virtuale e rendendola il più potente possibile.

Ma forse il più grande segnale da Facebook sulle sue ambizioni di provare a trasformare il lavoro remoto è arrivato oggi, quando il CEO Mark Zuckerberg ha annunciato un enorme cambiamento nel modo in cui prevede di gestire la sua azienda consentendo ai lavoratori di richiedere uno status remoto permanente e di aprire nuovi ruoli in azienda anche ai lavoratori remoti. Mentre altre aziende tecnologiche hanno fatto lo stesso, tra cui Square e Twitter, Facebook è la prima grande azienda delle sue dimensioni a fare il salto.

"Saremo la società più propensa al lavoro a distanza su nostra scala", ha dichiarato il CEO Mark Zuckerberg in un'intervista a The Verge. "Dobbiamo farlo in modo ponderato e responsabile, quindi lo faremo in modo misurato. Ma penso che sia possibile che nei prossimi cinque o dieci anni – forse più vicino a 10 che a cinque, ma da qualche parte in quell'intervallo – penso che potremmo arrivare a circa la metà dell'azienda che lavora in remoto in modo permanente. "

Zuckerberg ha sviluppato in particolare AR e VR come opzioni che potrebbero, a lungo termine, rendere più praticabile il lavoro remoto dando ai dipendenti remoti un senso di presenza durante le riunioni e altri sforzi collaborativi. "VR e AR si basano sul dare alle persone una presenza remota", ha detto Zuckerberg. "Quindi, se sei a lungo in VR e AR e nella chat video, devi credere in qualche capacità che stai aiutando le persone a fare tutto ciò che vogliono ovunque si trovino. Quindi penso che ciò suggerisca una visione del mondo che porterebbe a consentire alle persone di lavorare in remoto più a lungo nel tempo. "

Zuckerberg afferma che la pandemia COVID-19 e le mosse della sua azienda per rispondere ai cambiamenti che sta forzando la società “ci aiuteranno a far avanzare parte della tecnologia futura su cui stiamo lavorando intorno alla presenza remota, perché la utilizzeremo costantemente noi stessi."

Indica come prodotti come la piattaforma Facebook Workplace e i dispositivi di chat video Portal stanno cambiando il modo in cui oggi lavora la sua azienda. In fondo, ciò includerà inevitabilmente anche AR e VR. "In questo momento, VR e AR sono un gruppo numeroso all'interno dell'azienda, ma sono ancora in qualche modo disconnessi dal lavoro che la maggior parte dei dipendenti svolge quotidianamente. E penso che questo potrebbe cambiare prima, "ha aggiunto. "Quindi è qualcosa di cui sono particolarmente entusiasta."



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.