Il nuovo Windows Package Manager di Microsoft è già migliore di Windows Store


Microsoft ha sorpreso gli utenti di Windows con un nuovo gestore di pacchetti ieri. È uno strumento da riga di comando che consente a sviluppatori, utenti esperti e qualsiasi utente Windows di installare le proprie app preferite da un semplice comando. Se hai mai dovuto pulire un computer Windows o configurare un nuovo dispositivo, conoscerai il dolore di dover reinstallare le app, trovare i collegamenti per il download e preparare nuovamente un PC.

Gestione pacchetti di Windows mira a risolverlo ed è relativamente semplice creare uno script per installare le tue app preferite da un prompt dei comandi. Windows Store dovrebbe essere la posizione centrale per tutte le app di Windows, ma l'iniziale push della Universal Windows Platform (UWP) di Microsoft ha significato che le app desktop Win32 tradizionali e utili non sono mai state elencate nello store. Questo è cambiato negli anni dal debutto di Windows 10, ma lo Store sembra ancora un abbandono. La maggior parte degli utenti esperti e persino degli sviluppatori hanno ignorato Windows Store a favore di gestori di pacchetti simili cioccolatoso. Altrimenti scaricano manualmente le app dal Web.

Alcune app già su Gestione pacchetti di Windows.

La creazione di un proprio Package Manager (winget) di Windows è significativa e lo strumento da riga di comando è già più utile di Windows Store. Puoi accedere a un prompt dei comandi, digitare "winget install Steam" e l'ultima versione dell'app Steam di Valve verrà installata sul tuo sistema. Steam non esiste nemmeno in Windows Store in questo momento; ci sono molte app già disponibili su Winget come Zoom, WinRAR e Logitech Harmony Remote che mancano anche nello Store.

Poiché Gestione pacchetti di Windows è solo in anteprima e ha 24 ore, non ha ancora elencato tutte le app che potresti desiderare. Le app di Windows Store non sono ancora disponibili in Winget, in quanto Microsoft sta mantenendo il proprio repository separato di app e le sta convalidando. Tuttavia, il supporto dell'app Store è previsto per un futuro aggiornamento. L'intero progetto è open source in modo che altri gestori di pacchetti possano sfruttare i pacchetti convalidati dell'azienda. I venditori di software lo faranno essere in grado di usare Gestione pacchetti di Windows come canale di distribuzione per app, proprio come Windows Store.

L'uso dell'ala richiede tuttavia un elemento di fiducia. "Una preoccupazione fondamentale che avevamo era come creare un repository di applicazioni affidabili" spiega Demitrius Nelon, un senior program manager di Microsoft. "Stiamo controllando automaticamente ogni manifest. Sfruttiamo SmartScreen, analisi statiche, validazione hash SHA256 e alcuni altri processi per ridurre la probabilità che software dannoso si introduca nel repository e sulla macchina. "

La maggior parte dei gestori di pacchetti viene utilizzata dagli sviluppatori per preparare rapidamente una nuova scatola di sviluppo pronta con tutte le loro app preferite. Windows Store dovrebbe gestirlo facilmente, ma è un casino. Lo Store ha un sistema di librerie che dovrebbe elencare tutte le app che possiedi, ma sui miei sistemi, dice semplicemente "non c'è nulla nella tua libreria".

L'adozione da parte di Microsoft del proprio gestore di pacchetti di Windows dovrebbe servire da campanello d'allarme per gli sforzi del Windows Store dell'azienda. Windows Store è mal gestito e molti sviluppatori lo hanno semplicemente ignorato.

La mia speranza è che in futuro vedremo una combinazione del repository Gestione pacchetti di Windows e di Windows Store. Sarebbe bello per tutti gli utenti Windows ottenere un facile accesso alle app desktop di cui si preoccupano effettivamente senza dover aprire un prompt dei comandi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *