Venezia in stato di allerta a seguito di un incendio in un impianto chimico


Un denso fumo nero che fuoriesce dall'impianto chimico, che è stato dichiarato da un incendio di venerdì 15 maggio, la vista di Venezia.
Un denso fumo nero che fuoriesce dall’impianto chimico, che è stato dichiarato da un incendio di venerdì 15 maggio, la vista di Venezia. MANUEL SILVESTRI / REUTERS

Il comune di Venezia ha lanciato, venerdì 15 maggio, un avvertimento per gli abitanti della città e dei suoi immediati dintorni, a seguito di un incendio che si è verificato la mattina in una fabbrica di prodotti chimici, nella periferia industriale di porto Marghera (Porto Marghera).

“Siamo preoccupati. Secondo le informazioni che abbiamo, due persone sono state ferite “ha detto il presidente della regione Veneto, Luca Zaia.

Mentre la popolazione di Venezia è stato chiesto di rimanere a casa, quella del comune di Marghera deve, tuttavia, non solo di restare a casa, ma anche per applicare asciugamani bagnati intorno le finestre chiuse.

L’alta colonna di fumo nero in aumento dalla fabbrica 3V Sigma è stato visibile per miglia di giro, come testimoniato da un video rilasciato dai vigili del fuoco, che erano molti di lavoro in loco.

Nel pomeriggio, il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha annunciato che l’incendio, innescato da un’esplosione in una fabbrica di Porto Maghera, era stato spento, ma i vigili del fuoco sono preoccupati per la possibile dispersione di prodotti chimici.

Secondo il canale tv RAI, la fabbrica in cui ha detto che il fuoco era la produzione di cosmetici, in particolare un solvente per unghie. Il sindaco ha invitato i Veneziani a “stare a casa e chiudere le finestre “ come precauzione, in attesa di determinare quali sostanze sono state disperse.

Il Mondo dell’AFP, AP e Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.