Secondo quanto riferito, alcuni dipendenti Apple torneranno presto negli uffici fisici


Alcuni dipendenti Apple torneranno presto negli uffici globali dell'azienda, secondo Bloomberg. La decisione di Apple di riportare i dipendenti nei propri uffici – compresa la sede di Apple Park a Cupertino, in California – è in contrasto con alcune altre grandi aziende tecnologiche, molte delle quali hanno esteso il lavoro dalle politiche di casa a causa della pandemia di COVID-19 in corso.

Apple prevede di far tornare i dipendenti in fasi per alcuni mesi. La prima fase si concentra sui dipendenti che non sono in grado di svolgere il proprio lavoro da casa o che "affrontano sfide che lavorano da casa", riferisce Bloomberg. Ciò probabilmente includerà dipendenti che lavorano sui prodotti hardware dell'azienda e alcuni dipendenti che fanno parte di questa fase hanno apparentemente già iniziato a lavorare di nuovo negli uffici di Apple. Altri dipendenti torneranno negli uffici di Apple in una seconda fase del piano che dovrebbe iniziare a luglio.

Non è chiaro quali cambiamenti Apple potrebbe apportare nei suoi uffici per aiutare a prevenire la diffusione di COVID-19, come il miglioramento della ventilazione. Ma alcuni dipendenti che hanno chiesto di tornare potrebbero dover rimanere in ufficio solo per un certo periodo di tempo, secondo Bloomberge CEO Tim Cook riferito riferito ai dipendenti in aprile che i controlli di temperatura e l'allontanamento sociale verrebbero probabilmente implementati al ritorno dei dipendenti.

Alcune altre grandi aziende tecnologiche non chiedono ai dipendenti di tornare agli uffici con la stessa rapidità di Apple. Sia Google che Facebook consentiranno alla maggior parte dei dipendenti di lavorare da casa per tutto il resto dell'anno, Amazon lascerà i dipendenti lavorano da casa fino al “almeno” 2 ottobre e Twitter sta lasciando che i dipendenti lavorino da casa a tempo indeterminato a partire da martedì.

Apple prevede inoltre di aprire alcuni dei suoi negozi al dettaglio dopo averli chiusi tutti fuori dalla Cina il 14 marzo. Alcuni negozi in Idaho, Carolina del Sud, Alabama e Alaska apparentemente verranno aperti questa settimana e gli impiegati dovranno sottoporsi a controlli di temperatura e indossare maschere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.