La Corte costituzionale tedesca sta complicando la manutenzione a galla dell’Italia da parte della BCE


La sede della Banca centrale europea, Francoforte (Germania), 29 aprile.
La sede della Banca centrale europea, Francoforte (Germania), 29 aprile. Kai Pfaffenbach / REUTERS

Succede di cose divertenti sul mercato del debito italiano dall’inizio della pandemia. A volte, il tasso dei titoli a dieci anni, si alza di colpo, indicando gli investitori preoccupazione, prima di scendere di nuovo quasi più rapidamente. “Mi ricorda la crisi del franco svizzero nel 1990 : la mattina, è tesa, e quindi la Banca di Francia opera, rilassa tutto il mondo per un paio d’ore, e poi si riprende “ha detto Gilles Moëc, capo economista presso Axa. Questa volta, l’intervento non è, naturalmente, la Banca di Francia, ma della Banca centrale europea (BCE) : “Il tasso di obbligazioni italiane è sotto perfusione “dice il Signor Moëc.

Il 18 marzo, la BCE ha annunciato un grande piano di “pandemia” (Pandemia di Emergenza Programma di Acquisto ; PEPP) di 750 miliardi di euro, che è in aggiunta ai 300 miliardi di euro, che era stato annunciato in anticipo, in un altro piano chiamato “PSPP” (Settore Pubblico Programma di Acquisto). Questo denaro, che viene creato da zero da parte della BCE, viene utilizzato principalmente per riscattare i debiti degli Stati. In particolare, le fate monetaria appoggiarsi sopra la culla della lingua italiana. La terza più grande economia della zona euro, il cui debito aveva già raggiunto prima della crisi il 135% del PIL, è il primo beneficiario di questo intervento.

Leggi anche Coronavirus : dove sono tutti questi miliardi di stimolo ?

Come, esattamente, si è speso per l’Italia ? La BCE è reticente sulla questione. Statistiche dettagliate del PEPP sarà rilasciato nel mese di giugno. Ma quelli della PSPP, non lasciano alcun dubbio. Nel mese di aprile, la BCE ha comprato 11 miliardi di euro di debito italiano, $ 8,3 miliardi di debito francese, $ 4,3 miliardi di spagnolo e… 0,6 miliardi di tedesco.

Queste statistiche sono lontano dalla posizione di folle. Essi dimostrano che, in aprile, la BCE non ha trattato in vari paesi dell’area dell’euro ugualmente. La prima economia d’Europa, la Germania, praticamente non ha beneficiato dell’intervento della Banca centrale. Ciò che viene distruggere una delle regole fondamentali di intervento della BCE: “la chiave di capitale “. In linea di principio, ogni paese dovrebbe beneficiare di un intervento della Banca centrale secondo il peso della sua economia. Tecnicamente, la Germania è il diritto al 21 % degli sforzi della BCE, Francia 17 %, in Italia il 14 %

Articolo riservato ai nostri abbonati Leggi anche Debito pubblico : il costo pesante della crisi a causa del coronavirus

Questa regola è auto-imposto, non si trova in nessun trattato europeo. E ‘ stato inventato nel 2015 per convincere il forte interno riluttanza, in occasione del lancio del primo piano di rimborso del debito. Nel breve termine, la Banca centrale è sempre assicurato, deviando per un paio di settimane o pochi mesi di chiave di capitale, e di tornare gradualmente. Ma la Corte costituzionale tedesca è venuto a complicare la questione martedì, 5 maggio. Nella loro sentenza, i giudici esprimono il tempo in modo esplicito a questa regola.

Ancora 44.63% di questo articolo da leggere. La suite è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *