‘Il più grande shock è stato fresco: l’Italia inizia prudente uscire dal virus di blocco | notizie dal Mondo


C’erano sentimenti di sollievo e di trepidazione, come persone in Italia che tornato per le strade dopo quasi due mesi al chiuso in un rigoroso blocco.

“Ho letteralmente non sono stati fuori di casa,” disse Rina Sondhi, che vive nella città Umbra di Orvieto. “Il più grande shock per me era l’aria fresca. Oggi mi sento liberato, ma con cautela – che la cosa più importante, possiamo avere la libertà, ma dobbiamo essere molto attenti”.

Rina Sondhi, un cuoco.



‘Liberati’: Rina Sondhi, un cuoco. Foto: Angela Giuffrida/Custode

Circa 4 milioni di persone di tornare a lavorare il lunedi come parte di ciò che il governo italiano si chiama la seconda fase del paese coronavirus di emergenza, con il primo ministro, Giuseppe Conte, attraente per il pubblico in Facebook post di domenica notte “di comportarsi in modo responsabile”.

Trenord, la società che gestisce i servizi ferroviari in Lombardia, Italia centro industriale e la regione più colpita dall’epidemia, ha detto che il flusso di pendolari nell’ora di punta del mattino era di circa il 30% di pre-scoppio livelli.

L’allentamento delle restrizioni è graduale, con fabbriche orientate verso le esportazioni e la costruzione di siti consentito di riprendere l’attività immediatamente. Bar e ristoranti in grado di offrire un servizio di asporto, ma non completamente riaperto fino al 1 giugno. Rivenditori, musei e biblioteche aperte dal 18 Maggio, parrucchieri, palestre, dal 1 ° giugno e le scuole a partire da settembre.

Jaskaran Singh, un bar, un lavoratore, dice che è felice che i negozi sono riapertura.



Jaskaran Singh, un bar, un lavoratore, dice che è felice che i negozi sono riapertura. Foto: Angela Giuffrida/Custode

Di solito pullula di attività la mattina, persone che indossano maschere per il viso in coda fuori dai bar nel comune di Orvieto, mentre aspettavano il loro espresso. “Questo è un grande passo, anche se dobbiamo rimanere cauti, perché ti dà qualcosa per cui sorridere”, ha detto Slavik Cebanu.

Jaskaran Singh, che lavora in un Caffè in Barrique, ha detto: “Siamo felici di essere in grado di aprire anche se le cose sono ancora limitate, e per vedere un po ‘ di movimento. Spero solo che tutto va bene.”

Anche se il tasso di infezione è stato in costante diminuzione, la paura del virus e persistente. La stragrande maggioranza di ogni giorno nuovi casi sono stati registrati nelle regioni del nord, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto. Senza nuovi casi sono stati registrati in Umbria per il passato pochi giorni.

“Certamente, il fatto che ci sono zero i casi è importante per noi, ma allo stesso tempo non significa che siamo completamente sicuro come il virus è ancora lì”, ha detto Valentina Santanicchio, uno chef di cui ristorante in Orvieto, palazzo del Capitano del Popolo, ha fornito le consegne a domicilio. “In qualche modo, ho più paura di quando abbiamo chiuso, come un sacco ora dipendono da chi gestisce il momento in modo responsabile.”

La gente uscire dalle loro case nella città Umbra di Orvieto.



La gente uscire dalle loro case nella città Umbra di Orvieto. Foto: Angela Giuffrida/Custode

Il mantenimento fisico allontanamento sarà fondamentale per garantire Covid-19, che ha provocato quasi 29,000 vive in Italia, è tenuto a bada. La gente può ora visitare parenti e partner all’interno delle rispettive regioni e andare a fare una passeggiata o di esercizio in un parco, ma la maggior parte delle libertà civili rimangono ridotto. In viaggio tra le regioni è ancora vietato, a meno che non sia per un motivo valido.

Walter Ricciardi, lo scienziato consulenza al ministero della salute sul suo coronavirus misure, ha detto che il paese dovrebbe tornare subito in blocco se il tasso di infezione è aumentato di nuovo. “Siamo ancora in una rischiosa fase”, ha detto a La Repubblica. “Ci vorranno due settimane per vedere come va.”


Drone riprese mostra vuote strade in Italia tra il coronavirus di blocco – video

Nel Lazio, la regione che circonda Roma, 53 nuovi casi sono stati registrati nella giornata di domenica. “Lentamente, mi sento ottimista, ma speriamo solo di non impazzire e di avviare un picco di nuovo”, ha detto Marsha De Salvatore, un insegnante di inglese e fondatore di Roma, un Comedy Club.


De Salvatore ha la talassemia, una malattia del sangue che richiede trasfusioni ogni due o tre settimane. “Mi prendo le passeggiate, per quanto possibile, ma per il resto, le cose sarà più la stessa soggiorno”, ha detto. “L’unica cosa che non vedo l’ora di fare, una volta di più le restrizioni sono sollevato, è un caffè in un bar.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *