Il sindacato Kickstarter raggiunge un accordo con la direzione per i lavoratori licenziati


Il sindacato per i dipendenti di Kickstarter ha raggiunto un accordo con il management venerdì che prevede protezioni per i lavoratori licenziati, il ha detto il sindacato in un comunicato stampa. La società di crowdfunding ha annunciato in una nota interna del 20 aprile che probabilmente cercherà licenziamenti, insieme ad altre misure di riduzione dei costi. Il CEO Aziz Hasan ha scritto nel promemoria che Kickstarter ha visto un calo del 35% dei nuovi progetti di crowdfunding sul sito nelle ultime settimane, con "nessun chiaro segno di rimbalzo".

Kickstarter United, il sindacato che rappresenta il 60 percento dei 140 dipendenti dell'azienda, ha dichiarato che l'accordo prevede quattro mesi di TFR per tutti i dipendenti licenziati, un rilascio da qualsiasi accordo di non concorrenza per chiunque accetti il ​​licenziamento e il diritto di recesso per uno anno. La compagnia continuerà la copertura sanitaria per tutti i dipendenti licenziati fino a sei mesi, a seconda del salario.

David Gallagher, portavoce di Kickstarter, ha detto in una e-mail a The Verge sabato che la compagnia offriva acquisizioni volontarie ai membri del sindacato, che include la possibilità di rinunciare alla copertura assicurativa sanitaria e ricevere invece un pagamento parziale.

"Dobbiamo mettere Kickstarter in una posizione più forte per superare questa incertezza in modo che possa continuare a sostenere la sua missione, che è quella di contribuire a dare vita a progetti creativi", ha detto Gallagher. Ha aggiunto che i dipendenti non sindacali stavano ricevendo un'offerta simile. Una volta che la società sa chi è interessato a un buyout, sarà in grado di determinare quanti licenziamenti potrebbero essere richiesti, Gallagher ha detto.

I lavoratori di Kickstarter hanno votato con successo per sindacalizzare a febbraio. Sono rappresentati dall'Ufficio e dai dipendenti dell'Unione internazionale (OPEIU).

Hasan ha dichiarato nella nota del 20 aprile che Kickstarter ha portato l'anno scorso $ 1,27 milioni di utili al netto delle imposte, che sono stati reinvestiti nel settore. Ha menzionato altre misure di riduzione dei costi oltre ai licenziamenti, tra cui una riduzione degli stipendi del senior management e l'assenza di posizioni vacanti.

"Mentre siamo delusi dai licenziamenti annunciati dal management di Kickstarter, siamo orgogliosi di stare fianco a fianco con tutta la nostra famiglia sindacale in questa lotta sfaccettata per il futuro delle nostre famiglie e grati per la volontà del management di Kickstarter di negoziare un affare equo per i loro dipendenti interessati ”, ha dichiarato in una nota il presidente e il direttore aziendale dell'APEIU Richard Lanigan.

Il sindacato ha affermato che i licenziamenti possono includere fino al 45 percento dei dipendenti di Kickstarter, ma Gallagher ha dichiarato che la società "non ha rilasciato dichiarazioni sulla potenziale portata dei licenziamenti".

AGGIORNAMENTO 2 maggio 10:45 ET: Aggiunto commento di Kickstarter e dichiarazione del rappresentante OPEIU.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.