Il calabrone è la trama del 2020 che probabilmente non hai visto arrivare


Come The VergeL'editore del fine settimana, mi sforzo di trovare un buon mix di storie per i visitatori del nostro sito sabato e domenica, bilanciando le notizie su tecnologia e politica con le ultime notizie sul coronavirus e il suo impatto, insieme ad altre notizie del giorno. Alcuni giorni la notizia è ottimista e interessante e poi altri giorni per gli autori della sceneggiatura 2020: The Horror Show gettare a calabrone omicidio colpo di scena perché a quanto pare una pandemia non è abbastanza terrificante senza calabroni da due pollici che strappano la testa dalle api.

Il New York Times ha la storia del calabrone gigante asiatico, che è recentemente arrivato negli Stati Uniti, con sgomento degli entomologi.

Con regine che possono raggiungere i due pollici di lunghezza, i calabroni giganti asiatici possono usare mandibole a forma di pinne di squalo appuntite per spazzare via un alveare in poche ore, decapitando le api e volando via con i torace per nutrire i loro piccoli. Per bersagli più grandi, il potente veleno e il pungiglione del calabrone – abbastanza a lungo da perforare una tuta da apicoltura – creano una combinazione lancinante che le vittime hanno paragonato al metallo caldo che penetra nella loro pelle.

I calabroni giganti asiatici possono volare a velocità fino a 20 miglia all'ora e le loro punture sono descritte come "puntine roventi". Divertimento!

Per motivi di confronto:

Dipartimento dell'Agricoltura dello Stato di Washington

Secondo il Volte, l'arrivo negli Stati Uniti di questi calabroni (nome scientifico: Vespa Mandarina), è particolarmente preoccupante non solo perché loro le punture fanno male come l'inferno e sono terrificanti da guardare, ma a causa del loro potenziale impatto sul Popolazione di api statunitensi, che è già in declino.

Da allora gli scienziati si sono imbarcati in una caccia su vasta scala per i calabroni, preoccupati che gli invasori potessero decimare le popolazioni di api negli Stati Uniti e stabilire una presenza così profonda da perdere ogni speranza di eradicazione.

Leggi tutto sul calabrone del New York Times, ma tieni presente che sarà molto difficile sradicare le immagini dal tuo cervello.

Buona Domenica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *